La location è forse, dopo la Mole Antonelliana, tra le più turistiche della città, proprio dietro Piazza Castello e la piazzetta Reale e davanti alla bellissima chiesa barocca di San Lorenzo. Eppure questa bottega è quanto di più lontano dalle gelaterie commerciali e acchiappa-turisti esista: il titolare, con una formazione da ingegnere, è scrupoloso nella ricerca e utilizzo delle migliori materie prime a partire da latte e panna freschi, uova da galline ad allevamento a terra, frutta rigorosamente di stagione.

Pochi gusti divisi tra i classici (fior di panna, pistacchio, nocciola delle Langhe, stracciatella, caffè e crema), frutta – dagli agrumi quasi sempre presenti alla frutta del momento, spesso anche sapientemente miscelata con vini o spezie come le pere al nebbiolo, il melone al Grand Marnier, i mirtilli al profumo di lavanda con bacche di goji o le fragole al Porto o al mirto di Sardegna – e un gusto, lo “speciale”, che viene ideato settimanalmente e solitamente mai ripetuto durante l’anno: gusti in giro per il mondo, commistioni di sapori che confermano la grande abilità del titolare.

Torino: Gelateria Vanilla - Creams & Fruits
Torino: Gelateria Vanilla – Creams & Fruits

Per la nostra sosta abbiamo assaggiato, ad esempio, oltre all’intenso “black dream”, extra fondente a base acqua, e al profumato e cremoso gusto vaniglia del Madagascar a base crema, il gusto della settimana che era a base di guacamole: un sorbetto cremosissimo con avocado e pepe di Sichuan; ottima anche la panna, soffice e della giusta consistenza. Completano l’offerta yogurt greco con frutta fresca, granite siciliane (in estate) e zabaione e cioccolata calda, anche aromatizzata a vari gusti (nella stagione fredda).

Vanilla – Creams & Fruits: ambiente

Locale storico e raccolto, sui toni del beige e delle tinte naturali.

Servizio: Il titolare è particolarmente solare e disponibile nel raccontare la genesi dei gusti e a consigliare i possibili abbinamenti.

Voto 4,5/5

Vanilla – Creams & Fruits, Via Palazzo di Città, 7/B Centro – Torino. Telefono 011/4362745

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



La Pecora Nera
Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: