La pizzeria Fratelli Roselli, situata ai confini del quartiere Crocetta, non desta particolari aspettative dall’esterno, ma dopo l’apertura del menù, si resta piacevolmente colpiti dall’elevata attenzione per le materie prime: i richiami ai presidi Slow Food abbondano nei convincenti accostamenti proposti, dove la tradizione viene affiancata da qualche elemento di originalità, senza mai eccedere nella stravaganza.

Appare interessante la proposta di birre di produzione artigianale, sia alla spina sia in bottiglia, mentre la carta dei vini è limitata, ma offre etichette interessanti e non troppo commerciali.

Torino: Pizzeria Fratelli Roselli
Torino: Pizzeria Fratelli Roselli (facebook.com)

Abbiamo iniziato la cena con una farinata croccante, saporita e non troppo unta, e con i golosi pizzicotti di pasta fritta intinti nella passata di pomodoro San Marzano dal sapore dolce e gustoso, spolverati di un saporitissimo pecorino romano. Tra le pizze abbiamo optato per la Mattonella condita con una gustosa salsa di pomodoro, tocchetti di salsiccia, pezzi di melanzana alla parmigiana e sormontata da una burrata artigianale di 200g messa a crudo che si accostava perfettamente agli altri ingredienti. L’impasto era ben alveolato, steso non troppo sottile e con il cornicione soffice. Ottima anche la San Marzano con impasto integrale per via della sua leggerezza che non appesantisce la digestione. In chiusura una discreta crema catalana.

Fratelli Roselli: ambiente

La pizzeria è di piccole dimensioni, ma gli spazi interni sono integrati da due verande coperte fruibili anche in inverno. Il locale è semplice, senza grande personalità, ma passa in secondo piano grazie alla qualità della proposta.

Servizio: I ragazzi in sala sono cordiali e disponibili; l’unico difetto è dato dai tempi di attesa un po’ prolungati dovuti al grande afflusso di clientela.

Voto 4/5

Fratelli Roselli, Corso Lione, 58 Crocetta – Torino. Telefono 011 382 8727

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



La Pecora Nera
Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: