Torino: Ristorante Sakaposh

Gironzolando per il quartiere multietnico di San Salvario, abbiamo scoperto questa piccola chicca della ristorazione torinese, Sakaposh. Nato da un’avventura professionale di una squadra composta da giovani ragazzi che mixano sapientemente qualità, tradizione ed estro creativo, possiamo dire che dopo la nostra prova siamo rimasti piacevolmente colpiti.

Torino: Ristorante Sakaposh
Torino: Ristorante Sakaposh

Dal menù variegato, che si divide tra piatti classici piemontesi e proposte più originali, abbiamo scelto come antipasto il vitello tonnato, dalla carne eccelsa e dalla salsa delicata, per poi continuare con dei ravioli ripieni di baccalà conditi con una salsa di pomodoro, olive taggiasche e pinoli, un piatto davvero ben cucinato, fresco e dai gusti bilanciati. Soddisfacente anche il baccalà scottato con crema di topinambur, soprattutto grazie alla delicatezza della salsa, e ottima la bavarese ai tre cioccolati scelta come dessert. La carta dei vini è in linea con la proposta gastronomica e contiene etichette provenienti da tutta la penisola; i ricarichi sono corretti.

Sakaposh: Ambiente

Uno stile retrò ma allo stesso tempo industrial-moderno, intimo, curato nei dettagli. Da notare i bellissimi piatti di portata, molto coreografici. Il locale si sviluppa su due piani ed è presente un grazioso cortiletto interno che d’estate regala serate piacevoli.

Servizio: Il personale è gentile, solerte e accogliente.

Voto 3,5/5

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.

Sakaposh, Piazza Madama Cristina, 6 San Salvario – Torino. Telefono 339/3789445


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



La Pecora Nera
Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: