La trattoria d’Agata nasce qualche anno fa nelle vicinanze del popolare e multietnico mercato di Porta Palazzo, ma da poco più di quattro anni si è spostata più verso il centro, in posizione strategica tra Piazza Vittorio e Corso San Maurizio, che fa da limite al quartiere Vanchiglia. La cucina è rimasta orgogliosamente siciliana, di mare e di terra, di cui presenta due menù separati con quattro o cinque piatti per ogni portata, più un discreto assortimento di dolci e un menù degustazione proposto a 45 euro.

Le ricette sono quelle tradizionali della cucina siciliana, dalla pasta alla Norma agli spaghetti alla chitarra con le sarde, dal polpo alla piastra alle sarde a beccafico e all’insalata di arance, finocchi e granella di pistacchi. Con il trasferimento nella nuova sede si è aggiunta anche la pizza, di tipo napoletano con il cornicione alto, cotta nel forno a legna. Per la nostra cena abbiamo iniziato con la degustazione dei quattro antipasti presenti in menù: involtini di gamberi e speck con glassa al balsamico, tortino di baccalà e patate, polpette di tonno al pomodoro e bruschette di mare (tartare di spada e acciughe con crema di burrata), tutti buoni e ben conditi, con sapori ben delineati.

Come primo abbiamo assaggiato un ottimo couscous marinaro ricchissimo di frutti di mare e per nulla asciutto, mentre fra i secondi una tagliata di tono rosso ca’ cipudda, ovvero con cipolla di Tropea tagliata finissima in agrodolce. In chiusura un buon biancomangiare con pistacchi interi sopra, ottimo nel gusto intenso di mandorle e scorze d’arancio, ma leggermente grossolano nella consistenza.

Torino: Trattoria D'Agata, cucina siciliana
Torino: Trattoria D’Agata, cucina siciliana

Trattoria D’Agata: ambiente

Uno spazio molto grande suddiviso in varie sale con volte a botte, luci sospese su fili rossi e pochi significativi complementi a caratterizzare l’ambiente che risulta un po’ impersonale; quando il locale si riempie, poi, le sale sono decisamente caotiche e rumorose.

Servizio: Informale (un po’ troppo) oltre che da parte delle cameriere non molto competenti in merito al menù e alla preparazione dei piatti, anche dal titolare stesso che avremmo gradito con un’impostazione maggiormente professionale nei confronti dei clienti.

Voto 3,5/5

Trattoria D’Agata, Via Bava, 1 bis/f Centro – Torino. Telefono 328/2616354

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



La Pecora Nera
Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: