27.1 C
Roma
giovedì 24 Giugno 2021

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".
Advertisment

La Notte Santa (G. Gozzano)

- Consolati, Maria, del tuo pellegrinare! Siam giunti. Ecco Betlemme ornata di trofei. Presso quell'osteria potremo riposare, ché troppo stanco sono e troppo stanca sei. Il campanile scoccalentamente le sei. - Avete un po'...

Pensieri e speranze di una giovane studentessa

Questa settimana desidero dare voce ad una mia studentessa. Ritengo che con semplicità e spontaneità sia stata capace di esprimere un sentimento sempre più comune tra i giovani che, ultimamente, numerosi...

Frate Cipolla (e l’arte dell’inganno)

Frate Cipolla, nato dalla penna di Boccaccio, è un personaggio negativo senza essere biasimabile, un truffatore di mezza tacca che approfitta dell'ignoranza e della credulità del popolo per ricavarne il massimo vantaggio...

“Quando ho più idee degli altri, do agli altri queste idee, se le accettano; questo è comandare”

Questa settimana è la volta di  Italo Calvino e del suo personaggio a me più simpatico: Cosimo Piovasco di Rondò. "Fu il 15 Giugno del 1767 quando Cosimo decide di salire sugli alberi "per...

La forza della resilienza

Ad Abda in Ungheria nel 1946, in una fossa comune, fu ritrovato nella tasca di un impermeabile un quadernetto, il cosiddetto Taccuino di Bor, con 10 poesie. L’autore era Miklos...

Il Caffè – Pietro Verri

"Cos'è questo Caffè? È un foglio di stampa...Cosa conterrà questo foglio di stampa? Cose varie, cose disparatissime, cose inedite, cose fatte da diversi autori, cose tutte dirette alla pubblica utilità… Qual fine...

Seneca e la folla

"Subducendus populo est tener animus et parum tenax recti: facile transitur ad plures. Socrati et Catoni et Lelio excutere morem suum dissimilis multitudo potuisset...RECEDE IN TE IPSE quantum potes..."( Ad Lucilium...

Una stretta di mano memorabile (storie vecchie e nuove sotto le stelle che ci osservano incredule)

Questa volta il mio pensiero corre al 9 Novembre 1989, al prossimo Natale ma soprattutto a tutti coloro (sempre di meno, purtroppo) che sognano un mondo senza frontiere, un mondo di fratellanza...