27.1 C
Roma
giovedì 24 Giugno 2021

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".

Antonella Botti

Sono nata a Salerno il 3 Marzo del 1959 ma vivo da sempre a Sessa Cilento, un piccolo paese di circa 1300 anime del Parco Nazionale del Cilento. Ho studiato al Liceo classico “Parmenide” di Vallo della Lucania ed ho conseguito la laurea in Lettere moderne. Sono entrata nella scuola come vincitrice di concorso nel 1987, attualmente insegno Letteratura Italiana e Latino al Liceo Scientifico di Vallo della Lucania. Ho pubblicato due testi di storia locale: "La lapidazione di Santi Stefano" e "Viaggio del tempo nel sogno della memoria". Da qualche mese gestisco un blog, una sorta di necessità interiore che mi porta a reagire al pessimismo della ragione con l’ottimismo della volontà. I tempi sono difficili: non sono possibili "fughe immobili".
Advertisment

La luna e la sua forza liberatrice: “Ciaula scopre la luna”

Dedicato a tutti gli adolescenti come Giorgia che, appesantiti da un male di vivere che non riescono a superare, soli nella loro solitudine indecifrabile, decidono di togliersi la vita sui binari di...

Il sogno di Alceta: per guardare la luna tra pensiero e ragione

In queste notte di plenilunio con gli occhi attenti a scrutare il cielo, grazie ad un telescopio, offerto al mio sguardo da un amico astrofilo ho visto, per la prima volta e...

Palomar e la contemplazione delle stelle

Dopo l'invito di Leopardi a rapportarci all'Infinito come meta a cui tendere per una vita di "senso", l'articolo che segue è il primo di una serie di riflessioni che portano poeti e...

Perchè dobbiamo tendere ad un destino di grandezza?

L 'INFINITO (G. Leopardi) Sempre caro mi fu quest'ermo colle, E questa siepe, che da tanta parte Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati Spazi di là da quella, e sovrumani Silenzi, e profondissima quiete Io nel pensier mi fingo; ove per poco Il cor...

L’onda verde della “generazione Greta”

"La generazione Greta", numerosa è scesa in piazza per reclamare un futuro dignitoso e chiedere saggezza, equilibrio e rispetto nei confronti della nostra casa TERRA, la dea Gaia come la chiamavano gli...

“La Vertigine” (Pascoli) e la condizione umana del nostro tempo

Prima di dare inizio alla mia collaborazione alla rivista online MOONDO  attraverso la rubrica "Classici contemporanei, riletture in chiave moderna" mi sento in dovere di ringraziare la redazione che mostrandomi fiducia mi ha dato...

Pontida Docet

Se c'era il bisogno di un'ulteriore prova i fatti di Pontida confermano che eravamo molto vicini al baratro. È superfluo, anzi scontato, condannare gli episodi di razzismo nei confronti di Gad Lerner,...

La violenza non è una soluzione

" ... Se i nostri nemici torneranno nel nostro Paese, andremo ovunque siano e useremo la forza del tipo che gli Stati Uniti non hanno mai usato prima. E non sto parlando...