25.6 C
Roma
mercoledì 5 Ottobre 2022

Sergio Bellucci

Sergio Bellucci, giornalista e scrittore, dirigente politico e manager, ha scritto numerosi editoriali, articoli e saggi sui temi della comunicazione e della società dell'informazione. Membro del Comitato d'Onore dell'Osservatorio Internazionale sull'Audiovisivo e la Multimedialità (OIAM) della Fondazione Roberto Rossellini per l'Audiovisivo. È stato dipendente del gruppo Fininvest dal 1978 e fino al 1993, durante tale periodo ha svolto anche attività sindacale nella CGIL come membro della Segreteria Nazionale della FILIS. Dal 1995 al 2006 è stato responsabile nazionale della Comunicazione per il Partito della Rifondazione Comunista. Dal febbraio del 2013 è direttore del quotidiano Terra e nel 2014 è diventato Presidente della Free Hardware Foundation Nel libro E-work. Lavoro, rete e innovazione analizza l'impatto delle nuove tecnologie digitali sulla vita umana con una particolare attenzione al mondo del lavoro. Secondo le sue analisi, l'avvento del digitale comporterebbe una "nuova organizzazione scientifica del lavoro", definita "taylorismo digitale", attraverso un impiego distorto della rete. Nelle tesi di E-work si prospetta la nascita del "lavoro implicito", il lavoro effettuato obbligatoriamente, senza nessuna retribuzione e attraverso strumentazione a carico del lavoratore, che le piattaforme digitali stanno espandendo nel loro ciclo produttivo. Insieme a Marcello Cini ha scritto “Lo spettro del capitale. Per una critica dell'economia della conoscenza” analisi del cambiamento epocale del capitalismo avvenuto negli ultimi venti anni: il passaggio da un'economia materiale ad un'economia immateriale, che produce un bene intangibile e non mercificabile: la conoscenza.
Advertisment

Sergio Bellucci

Sergio Bellucci, giornalista e scrittore, dirigente politico e manager, ha scritto numerosi editoriali, articoli e saggi sui temi della comunicazione e della società dell'informazione. Membro del Comitato d'Onore dell'Osservatorio Internazionale sull'Audiovisivo e la Multimedialità (OIAM) della Fondazione Roberto Rossellini per l'Audiovisivo. È stato dipendente del gruppo Fininvest dal 1978 e fino al 1993, durante tale periodo ha svolto anche attività sindacale nella CGIL come membro della Segreteria Nazionale della FILIS. Dal 1995 al 2006 è stato responsabile nazionale della Comunicazione per il Partito della Rifondazione Comunista. Dal febbraio del 2013 è direttore del quotidiano Terra e nel 2014 è diventato Presidente della Free Hardware Foundation Nel libro E-work. Lavoro, rete e innovazione analizza l'impatto delle nuove tecnologie digitali sulla vita umana con una particolare attenzione al mondo del lavoro. Secondo le sue analisi, l'avvento del digitale comporterebbe una "nuova organizzazione scientifica del lavoro", definita "taylorismo digitale", attraverso un impiego distorto della rete. Nelle tesi di E-work si prospetta la nascita del "lavoro implicito", il lavoro effettuato obbligatoriamente, senza nessuna retribuzione e attraverso strumentazione a carico del lavoratore, che le piattaforme digitali stanno espandendo nel loro ciclo produttivo. Insieme a Marcello Cini ha scritto “Lo spettro del capitale. Per una critica dell'economia della conoscenza” analisi del cambiamento epocale del capitalismo avvenuto negli ultimi venti anni: il passaggio da un'economia materiale ad un'economia immateriale, che produce un bene intangibile e non mercificabile: la conoscenza.
Advertismentspot_img

La caduta del muro di Berlino: 30 anni fa cambiava il mondo

Esiste un arco temporale che sembra capace di determinare, nelle società umane, il condensarsi di cambiamenti che caratterizzeranno, da quel momento in poi, il susseguirsi degli eventi. Trent’anni, infatti, sono un periodo nel quale gli...

Occorre cambiare paradigma: in politica, nella finanza, sull’ambiente

Esistono diverse faglie che attraversano le società contemporanee e i loro sistemi di funzionamento, sia in termini di strutture economiche sia in termini di istituzioni politiche. A queste diverse linee di rottura...

Crisi politica italiana e industria dei sensi

L’estate più pazza della Repubblica poggia le sue fondamenta, e ne evidenzia una qualità nuova, sul rapporto tra politica, forme delle leadership e strumenti della comunicazione che stanno evolvendo sotto l’egemonia delle tecnologie digitali. Le...

Libra, inizia ufficialmente la Transizione

Molti dei commenti sull’annuncio del lancio della moneta di Facebook oscillano tra l’inconsapevole ignoranza della portata storica del gesto di Zuckerberg&C. e l’esaltazione della potenza tecnologica avanzata dal più social dei potenti del web. Il tema...

25 Aprile – 1 maggio – 26 maggio: tre date, un unico significato, ma perso nella corsa al “votatemi”

Pochi giorni separano il 25 Aprile, il 1° Maggio e la data delle elezioni europee che, probabilmente, ridisegneranno lo scenario politico del Vecchio Continente. Le prime due date offrono, e non solo...

La società miope

Inforco degli occhiali che aumentano la mia ipermetropia congenita. Il mondo, improvvisamente rallenta. Gli accadimenti che colpiscono il cuore e il cervello divengono piccoli elementi di una storia umana che ha complessità e urgenze ben...

Crisi sistemica e transizione affrontate da una politica che sembra “guardi vivere, ma non viva”

Le settimane che stiamo vivendo sembrano concentrare in loro stesse tutto il quadro derivante dalla crisi del funzionamento del sistema socio-economico che le società umane attraversano. Alla rappresentazione miope del discorso pubblico,...

Lavoro Implicito: estrarre valore dai comportamenti sociali

Il passaggio dalle tecniche meccaniche alle tecniche digitali comporta il passaggio da una tecnica che moltiplica il fare della mano ad una tecnica che moltiplica la possibilità del cervello.