Anteprima News

MILANO CITY FASHION: Tutti in Piscina!

di Marina Perzy

La bellezza qualcuno diceva non ha mai fatto male a nessuno! Vedere per la città modelle dal camminare che merita uno sguardo al loro passare, da un sapore esclusivo e anche un po’ spensierato alla City, che pulsa per la settimana più invidiata dal core business: 20 milioni d’indotto più 30 per hotel, ristoranti, taxi e varie e quest’anno anche per le piscine! Sì!

Il trend è ‘sfilata in piscina’, dalla “vecchia” Cozzi, nel senso che esiste dalle mie elementari, alla nuova e più gettonata dagli stilisti, ben tre Missoni, Iceberg e Francesca Liberatore scelgono “I Bagni Misteriosi “, che Insieme al Lido, alla Ponzio e alla Cozzi, costituisce un importante patrimonio delle piscine milanesi degli anni ’30 e riportata a nuova vita con una ristrutturazione dalla Fondazione Pier Lombardo integrando gli spazi con il già esistente e quotato Teatro Franco Parenti; il tutto diretto dalla grande Andrée Ruth Shammah. Unica cosa che per tutta l’estate se volevi andare a farti un bagno dovevi prenotarti on line, o la coda con infradito e asciugamano, a orario di apertura, dato che adesso è stata scoperta e meno misteriosa…

Milano City Fashion

Non si lasciano vuoti luoghi di cultura come il Conservatorio, l’Università Bocconi, la Rotonda della Besana, a Palazzo Pirelli la mostra fotografica di Giampaolo Barbieri. Eventi e party in stile Hollywoodiano, come quello di Philipp Plein, giovedì sera in Corso Venezia. Sarà un “Pink Paradise Party” con la rapper Lil’ Kim, dove gli invitati sono pregati di rispettare un dress code rosa confetto.

Domenica sera, da piazza Scala, il Green Carpet per i premi Oscar della moda sostenibile che si snoderà tra le vigne istallate in piazza, omaggio agli orti milanesi di Leonardo da Vinci. La moda decolla con Prada e si chiude con Gucci e i Dolce&Gabbana.

Nonostante la moda sia il lusso e non per tutti, e di chi si può permettere capi firmati da indossare, rimane senza dubbio l’indotto economico più invidiato oltre a quello che i milanesi in genere sono sempre ben vestiti, eleganti in casual o mentre fanno la spesa. Il compito originario del fashion da sempre per me è di farsi guardare, riempirci lo sguardo poco o tanto, di quella bellezza che il tempo poi ruba, lasciando la scia del suo fascino di stile in eredità per sempre.

Buona settimana a tutti!

Condividi
Marina Perzy

Nasco a Milano ma Roma è la mia seconda città adottiva. Il mio grande amore resta la recitazione… ma è il talento per la conduzione che ho più sperimentato e mi ha fatto conoscere, sia tv che radio. Cresciuta con la scuola dei Grandi conduttori, attori, autori, registi. Amo scrivere, ho due libri in attivo e collaborazioni come giornalista con i principali media Tv e network radio. Ho portato format innovativi e intrattenimento ad un pubblico multi-canale, trasversale. Professionalmente inizio nel ’79 con un provino Rai negli studi Fiera 1 di Milano con Pippo Baudo che cercava comici per il suo sabato sera Secondo Voi. Tanti i talenti che spiccarono il volo da quel provino! Beppe Grillo, Tullio Solenghi, Fioretta Mari e altri. Io vengo scelta per condurre, insieme al mitico Corrado, Domenica In. Per molti anni la Rai è la mia ‘casa’ lavorativa. L’esordio è con Enzo Tortora in Portobello ma è con Corrado che farò i programmi della Rai più importanti di quel periodo: Domenica In, Fantastico 3 con Raffaella Carrà, Gigi Sabani e Renato Zero; Gran Canal è lo show serale che mi vede nel ruolo di attrice in una compagnia teatrale insieme a Tullio Solenghi e Anna Mazzamauro in diretta tv. Ho condotto il primo FestivalBar di Canale 5 con Claudio Cecchetto, in altre edizioni parteciperò anche come cantante. Negli anni alterno la conduzione al Teatro e tanti programmi Rai fra i quali la celebre Domenica Sportiva, ma anche Uno Mattina, Italia & Estero, Detto tra noi, fino al più recente Trattative Riservate in onda per più stagioni sulla piattaforma Sky per Leonardo. La mia prerogativa è sperimentare nuovi format, mettermi in gioco, perchè amo sentirmi viva. Credo ed ho coscienza dei miei limiti ma so di aver sempre fatto buona televisione e radio, fiction, spettacoli, intrattenimento. Continuerò con l’ecletticità che mi contraddistingue a cercare sempre forme d’arte e di comunicazione che diano sfogo alla mia creatività, curiosità, che mi accompagnano da sempre insieme alla grande passione per il lavoro che ho da tutta una vita.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022