Taccuino Londinese

Videogame economy

Londra e l’Inghilterra sono riaperte.

La gente vive in strada, fuori, all’aperto. La birra scarseggia nei pub. L’economia riparte in maniera importante, molto di più di quanto atteso: schizzano i prezzi delle case, aumentano le spese delle famiglie, diminuisce la disoccupazione.

Il Governo sostiene la crescita, diciamo il recupero dal baratro, iniettando sterline nell’economia. Il borrowing ossia l’indebitamento del Paese passa da 57miliardi di sterline a 303miliardi nel periodo 2020/2021 secondo il Financial Times. E non è finita.

Se acquisti una prima casa sino a 500mila sterline, il governo garantisce il 95 per cento del debito. Praticamente basta ai nuovi acquirenti il 5 per cento della somma per poter comperare casa; le banche sono più tranquille e se anche non si pagherà ci pensa il governo.

Nel contempo il mercato azionario sale sale sale.

E il bitcoin, le criptovalute in generale, queste nuove monete digitali che non esistono se non nei nostri cellulari, crescono del 50 per cento al mese.

Il dogecoin, nato per scherzo forse di qualche buontempone amante dell’italica Venezia, del mille per cento.

Videogame economy. Come i videogame, come dentro i videogame. Ma dov’è questa economia se non virtuale?

Audi, il costruttore tedesco di lusso parte del gruppo Volkswagen, il primo costruttore di auto al mondo, fa registrare il miglior risultato economico nel trimestre di sempre. A ruota i produttori del lusso Mercedes Porsche e Bmw.

Se vuoi acquisire una casa, anche in Italia, e riesci a convincere una Banca che pagherai i tuoi debiti, la Banca ti darà almeno l’80 per cento della somma. A un tasso del …. 0,9 per cento. Nulla. Perché anche qui garantisce il governo.

Le attività di fusione e acquisizione fra società sono al massimo di sempre. Chi è forte ha prede deboli e bisognose di cassa. E le Banche d’affari fanno utili mai visti prima.

E le Banche private, che gestiscono i soldi delle famiglie più fortunate, vedono gonfiare i conti correnti e i margini sulle transazioni a dismisura. Anche qui, i migliori risultati di sempre.

Intanto Mario Draghi studia come impiegare al meglio i 250 miliardi di euro del Recovery Plan che si abbatteranno a pioggia sull’Italia. E per fortuna che almeno lo studia lui: in parte, in grossa parte, dovremo restituirli all’Europa.

Soldi soldi soldi diceva una famosa canzone degli anni 80 di Renato Zero.

Tanti soldi.
Troppi soldi?
Videogame economy.
Virtuale.
Ipotizzata.
Immaginaria?

Riuscirà a diventare reale, a Londra come in Italia?
Riuscirà a restituire alle famiglie normali il benessere a cui ci eravamo tutti abituati ma anche la prospettiva di un domani migliore che ha spinto da sempre l’umanità a un miglioramento costante e continuo?

O si fermerà nelle tasche di chi potrà veramente convincere banche et similia e che di fatto i soldi li ha già, come dimostrano Audi e Porsche? E che con i risultati da videogame guadagna ancora di più?

Auguriamocelo. Anzi, adoperiamoci perché accada. Perché non si può pensare che ristori che non arrivano, o se arrivano sono pari a un centesimo di quanto perso, possano bastare.

E se non saremo intelligenti per passare da una videogame economy a una real economy, ne pagheremo il prezzo, come insegna la Storia.

Qualcuno vuole delle brioches?

Condividi
Carlo Arturo Garuzzo

Carlo è fondatore e Presidente del Gruppo Energetico flyRen Energy Group, multinazionale tascabile dedita allo sviluppo, investimento e asset management nel campo delle energie rinnovabili. www.flyren.eu flyRen sviluppa, investe e fornisce consulenze a diverse Utilities italiane e straniere e a fondi Istituzionali che operano nel settore fotovoltaico. flyRen è attiva in Italia, Moldavia, Turchia e Regno Unito. Carlo Garuzzo ha un BA (Hins) in Studi Internazionali di Business conseguito alla European Business School in London ed ha conseguito presso la London Business School, il Corporate Finance Modular Program and Financial Seminar for Senior Managers. Dal 2019 è Console Onorario per la Repubblica di Moldavia per Torino e Piemonte, e si fregia di essere il Presidente del Club Torino of London, club che riunisce le imprenditorialità e professioni torinesi che vivono a Londra. Carlo è un socio del Club degli Investitori dedito a supportare start up Italiane ed è un mentor per giovani imprenditori in Techitalia Lab a Londra. Sposato, due figli, Carlo divide la sua vita fra Londra e Torino e parla correntemente Italiano, Francese e Inglese, con conoscenze avanzate di Spagnolo e Tedesco. Carlo, insieme ai suoi genitori Rosalba e Giorgio, sono mecenati che hanno creato oramai quindici anni fa l’organizzazione senza scopo di lucro “Istituto Garuzzo per le Arti Visive” (IGAV) www.igav-art.org , attivo in tutto il mondo per supportare i giovani artisti contemporanei Italiani.

Ultimi articoli

La Città Ideale: un Festival multiforme e sperimentale a Roma

L’apprezzato Festival La Città Ideale giunge quest’anno alla sua ottava edizione e torna, come ogni…

19 Giugno 2024

Appello a uomini e donne di buona volontà: non disertiamo le urne!

Della nostra innegabile complessa realtà storico-politica, graniticamente avvinghiata alla filosofia del male, dell’opportunismo, della violenza…

7 Giugno 2024

Risparmiare il carburante sulla Classe A: il ruolo chiave degli pneumatici

La Classe A è un’auto che viene scelta dai consumatori per la capacità di fondere…

30 Maggio 2024

Le origini del machismo: tra branding, advertising e molto altro

Il machismo è una delle balle più colossali della storia dell'umanità e ho uno scoop…

20 Maggio 2024

La fine della viralità e la forza delle nicchie

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Giampaolo Colletti e ci porta ad una…

20 Maggio 2024

The slight edge

Il dolore del rimpianto è molto più grande di quello della disciplina. The slight edge,…

20 Maggio 2024