I love trash di Guido Manuli

I love trash: Il Mo(o)ndo visto da Guido Manuli

L’alba sulla città è annunciata dallo squillante chicchirichì di un topolino che sbuca da un bidone della spazzatura e ci introduce nel Mo(o)ndo di  “I LOVE TRASH“: un vicolo di una grande, indefinita città, dove all’interno di due bidoni della spazzatura, vivono Bobo e Jack. Non hanno nulla, ma fanno tesoro di tutto ciò che trovano nei bidoni o per strada e, soprattutto, della reciproca compagnia. Jack è perennemente in difficoltà: qualunque novità lo sconvolge, qualunque avvenimento lo trova impreparato. Ma non ha che da rivolgersi a Bobo, che, con suprema disinvoltura, trova sempre la soluzione giusta (o quasi) per qualunque bizzarro problema il suo amico si trovi a dover affrontare. Non sappiamo nulla dei due, della loro vita precedente, del perché siano lì, tranne che il loro orizzonte si è ristretto al vicolo, la libertà di movimento al bidone: ma è come se il mondo stesso andasse da loro in ciascuna delle micro-storie. Forse è anche la pessimistica visione del futuro mondo in cui vivranno  milioni di persone.

Bobo e Jack

Bobo è il “dritto” della coppia; è un tuttologo dichiarato, orgoglioso ed esageratamente sicuro di sé. Non c¹è problema che non sappia risolvere, situazione che non sappia affrontare, dilemma che non sappia comporre (spesso a modo suo). Al suo confronto Leonardo Da Vinci era un dilettante, Dante Alighieri un analfabeta: al termine di ogni episodio conclude con il tormentone “L’ho sempre saputo che avrei dovuto fare…” (a seconda del problema affrontato il dentista, l’astrologo o l’astronomo, l’allenatore il dietologo, il medico estetico, il fabbro, il falegname…).

I love Trash – Bobo e Jack

Jack è il puro della coppia. Ingenuo e credulone, va in panico per qualunque cosa. E per qualunque cosa si rivolge fiducioso (spesso davvero troppo) all’amico che, a modo suo, gli risolve il problema. Ma è anche il puro di cuore che legge ogni avvenimento in positivo, ogni insulto come un complimento, ogni batosta come un regalo. Ed è sempre lui, a volte, con la sua sconcertante ingenuità, ad aprire squarci di imprevedibile, profonda intelligenza e saggezza.

Scara e Sclero

Sono la coppia di scarafaggi, sporchi e puzzolenti, che terminano ogni episodio con un “pensierino” che serve a far riflettere.

I love Trash – Scara e Sclero

Da oggi mercoledì 5 Agosto, ogni mercoledì su Moondo “I love trash” – Il Mo(o)ndo di Guido Manuli!

Condividi
Alessandro Angelelli

Fondatore di CuDriEc. Digital marketing manager & Social media strategist. Editore di Moondo, giornalista e presidente Assoblogger. #thinkdoshare

Ultimi articoli

Conte e Letta siglano l’intesa per la Sicilia

In prima pagina • È morto Ciriaco De Mita, storico leader della Dc, già presidente…

27 Maggio 2022

Phygital nel retail? Amazon Style, la risposta di Bezos

Si parla di phygital per indicare l’uso della tecnologia per costruire un ponte tra mondo…

27 Maggio 2022

Biden: “Quando troveremo il coraggio di opporci alla lobby delle armi?”

Il presidente americano Joe Biden, dopo la strage nella scuola elementare in Texas, ha attaccato…

26 Maggio 2022

Frequenzimetri: ecco gli ambiti professionali in cui sono indispensabili

Il frequenzimetro è un dispositivo molto utile in differenti ambiti professionali, progettato per la misurazione…

25 Maggio 2022

Marketing e Metaverso

Il LinkedIn Top Post di oggi è ancora dedicato al Metaverso ed al suo impatto…

25 Maggio 2022

Il cardinale Matteo Zuppi nuovo presidente dei vescovi italiani

In prima pagina • Il primo treno merci con un carico di grano dall’Ucraina è…

25 Maggio 2022