Il quadrato di Pompei

Poco o nulla a che fare con l’enigmistica, il quadrato di Pompei costituisce in ogni caso una cólta ascendenza per i moderni giochi geometrici nei quali lo schema è formato da una serie di vocaboli che s’incrociano secondo determinate geometrie.

Si tratta della genialissima combinazione che ha fatto arrovellare generazioni di studiosi, tutti intenti a dimostrare la validità della propria tesi. E davvero le provenienze più disparate (iscrizioni nel duomo di Siena e su pareti di case e castelli francesi, mosaici di altari lombardi e diversi manoscritti del quarto secolo) non potevano costituire fonti affini e utili per una univoca interpretazione delle 25 lettere, le quali, non soltanto s’incrociano ma, per essere i vocaboli anche bifronti (il primo con l’ultimo, il secondo con il penultimo, il terzo con sé stesso e quindi addirittura palindromo), permettono la formazione del secondo quadrato:

Il quadrato di Pompei

Altri ritrovamenti condussero ad attribuire al quadrato finanche virtù taumaturgiche e fattucchiere, ma la gran parte degli studiosi fu sempre orientata a ritenerlo un simbolo della cristianità, una delle cruces dissimulatae adottate dai credenti in quei tempi difficili di persecuzioni; a maggior ragione quando, nel 1868, tra le rovine di Cirencester, in Gran Bretagna, furono rinvenute tracce dello stesso quadrato su di un supporto del III secolo. È in questa direzione che il pastore evangelista Felix Grosser ne riordinò le lettere in modo da proporre due paternoster in croce, preceduti e seguìti dalle lettere A ed O, corrispondenti dell’alfa e dell’omega (principio e fine delle cose del mondo).

Paternoster in croce

Tutta la questione fu di nuovo riproposta in séguito ai ritrovamenti effettuati a Pompei (nel 1925 e nel 1936) di due graffiti riproducenti lo stesso magico quadrato.

Di un analogo quadrato in lingua “quichua” disse Sal Kierkia in occasione del convegno su Gli enigmi nel mondo (Capri, 1992): una leggenda andina narra di quattro fontane che si rimandano a vicenda la frase «Micuc Isutu Cuyuc Utusi Cucim», la quale ricalca in tutto la combinazione latina e permette anche la formazione di un secondo quadrato:

La struttura ricorda il quadrato magico numerico, dove al posto delle lettere vengono inseriti numeri in modo tale che la somma di ogni riga, di ogni colonna e delle due diagonali sia sempre la stessa che rappresenta la sua “costante magica” del quadrato (33 nel caso del quadrato qui riprodotto).

Quadrato di Pompei
Condividi
Raffaele Aragona

Raffaele Aragona (Napoli), ingegnere, ha insegnato Tecnica delle Costruzioni all’Università di Napoli “Federico II”. Giornalista pubblicista, ideatore e promotore dei convegni di caprienigma, è tra i fondatori dell’Oplepo. Per la “Biblioteca Oplepiana” ha scritto La viola del bardo. Piccolo omonimario illustrato (1994) e molti altri lavori in forma collettanea. Autore di Una voce poco fa. Repertorio di vocaboli omonimi della lingua italiana (Zanichelli, 1994), ha curato per le Edizioni Scientifiche Italiane, i volumi: Enigmatica. Per una poietica ludica (1996), Le vertigini del labirinto (2000), La regola è questa (2002), Sillabe di Sibilla (2004), Il doppio (2006), Illusione e seduzione (2010), L’invenzione e la regola (2012). Sono anche a sua cura: Antichi indovinelli napoletani (Tommaso Marotta, 1991, ried. Marotta & Cafiero, 1994), Capri à contrainte (La Conchiglia, 2000), Napoli potenziale (Dante & Descartes, 2007) e il volume Italo Calvino. Percorsi potenziali (Manni, 2008). Ha pubblicato il volumetto Pizza nella collana “Petit Précis de gastronomie italienne” (Éditions du Pétrin, Paris, 2017). È autore di due volumi per le edizioni in riga (2019): Enigmi e dintorni e Sapori della mente. Dizionario di Gastronomia Potenziale. Il suo Oplepiana. Dizionario di letteratura potenziale è pubblicato da Zanichelli (2002).

Ultimi articoli

Continuano gli attacchi hacker alla Regione Lazio

"Questa notte i sistemi informativi della Regione Lazio hanno subito e respinto l'ennesimo attacco, resta…

3 Agosto 2021

“Non odiare” vince l’Arco d’Oro di Est Film Festival 2021, a “Il caso Braibanti” va l’Arco d’Argento

Mauro Mancini si aggiudica il premio Creval per il miglior Lungometraggio, Carmen Giardina e Massimiliano…

3 Agosto 2021

Cena sul caliscendi con menu “tutto non comprato”

Di Dom Serafini I "caliscendi" sono nove e sparsi lungo il chilometro (circa) del Molo…

3 Agosto 2021

Happy Holidays

Le pubblicazioni della rubrica riprenderanno il 20 settembre. Auguro a tutti di trascorrere buone vacanze!…

2 Agosto 2021

Netflix: le serie sull’invecchiare sorridendo!!

di Tiziana Buccico Finalmente tra le tante angosce e i tanti mutamenti che questa emergenza…

2 Agosto 2021

Georges Perec cruciverbista, anzi, enigmista

Lo scrittore francese Georges Perec fu un abile e prolifico autore, non soltanto di romanzi;…

31 Luglio 2021