Le interviste di Moondo

Intervista a Silvia Vianello – Digital Economy: the day after

Oggi per Moondo Maurizio Primanni (CEO Excellence Consulting e firma di Moondo) intervista Silvia Vianello, una delle eccellenze del mondo, docente di marketing alla Bocconi di Milano, ma anche a Houston, Barcellona e Svizzera. Ora vive a Dubai e dirige l’Innovation Lab di una delle più prestigiose business school del medio oriente.

In questo periodo critico per il mondo stretto dalla morsa della pandemia, Silvia Vianello, che come tutti gli insegnanti con la chiusura delle scuole ha iniziato il lockdown e le lezioni online, ci delinea la situazione che Dubai sta vivendo e di come ha affrontato la crisi sanitaria rispetto all’Italia. La reazione fulminea del paese è stata decisiva, fin da subito ha sottoposto ai tamponi tutti coloro che entravano nell’emirato limitando i contagi. Inoltre Dubai registra un tasso di mortalità molto basso, essendo l’età della popolazione molto bassa, ma anche perché hanno iniziato a testare diversi protocolli di cure sperimentali e hanno brevettato una nuova tipologia di cura. Un paese, afferma l’intervistata, che ha saputo gestire l’emergenza con prontezza e positività.

Chiediamo all’esperta cosa aspettarci per il futuro dell’economia e in particolare delle piccole imprese sopraffatte dalla crisi. Lei risponde con una citazione di Darwin “Non è la specie più forte o la più intelligente a sopravvivere ma quella che si adatta meglio al cambiamento”, in questo momento, ma sempre nella vita. La situazione in cui ci troviamo ora può essere l’opportunità per cambiare i propri modelli di business. Non bisogna ostinarsi a tornare alla situazione prima del covid19, ma bisogna investire sul futuro, sullo smart working e soprattutto sulle persone.

Il primo investimento che gli imprenditori devono fare è quello sulle risorse umane che in questo particolare momento storico sono diventate disumane, ci spiega Vianello. Non bisogna abbandonare i dipendenti, ma al contrario bisogna coinvolgerli e motivare, perché senza persone non c’è tecnologia che possa aiutare. La tecnologia può migliorare i risultati, la vita delle persone in azienda, i fatturati ma il vero valore è il valore umano.

Aziende con un cash flow di una certa portata hanno potuto sostenere la crisi più a lungo di piccole aziende o startup che senza aiuti dallo Stato si sono viste affondare inevitabilmente. Sicuramente l’incertezza e la tensione che si vive in Europa non ha aiutato la situazione economica. Sarebbe servita una gestione proattiva invece che reattiva e un po’ in ritardo.

Probabilmente questa crisi mondiale non toglierà il primato economico a potenze come Cina e Usa, difficili da scardinare, ma non dobbiamo dimenticare che non sono le uniche. Per esempio l’India sta lavorando sulle tecnologie e sulla manodopera tecnologica a basso costo, ma anche Albania, Georgia e Armenia si muovono verso il futuro formando i giovani fin da piccoli alle nuove tecnologie.

Anche in Italia bisogna investire sulla formazione e sull’educazione informatica, tecnologica, finanziaria ed economica affinché si abbiamo gli strumenti per gestire questa nuova era in cui ci siamo trovati catapultati.

Un consiglio che dà ai lavoratori e alle aziende per risollevare le sorti delle loro attività è quello di partire dal customer journey, ovvero il processo che lega consumatore e azienda. Bisogna identificare i potenziali clienti e consumatori, e individuare i distruttori di valori nostri e dei competitor, trasformandoli poi in costruttori di valori e fare la differenza.

Leggi anche:

Condividi
Marida Muscianese

Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022