Anteprima News

La trattativa

L’uso improprio della giustizia, la figlia di Borsellino condanna chi creò il teorema Stato-mafia, la trattativa che certi Pm hanno voluto distorcere, nei tribunali si processano i reati non la storia: sono alcuni dei titoli più significativi dei giornali sulla sentenza del tribunale di Palermo che in appello ha corretto la sentenza di condanna di primo grado. Fiumi di parole e più di 10 anni di processo. Alti ufficiali dei Carabinieri e personalità pubbliche su cui si è rovesciato il fango di una opinione pubblica avvelenata dai social. Una misura colma alla quale sarebbe stato giusto non aggiungere altro, al contrario il sodalizio Gruber-Travaglio ha sentito la necessità di utilizzare il canale tv La7 per rincarare la dose nel maldestro tentativo di ridicolizzare la sentenza di appello senza nemmeno avere l’accortezza di conoscere le motivazioni ma attaccandosi semplicemente al teorema trattativa uguale reato. E quindi essendo confermato che la trattativa c’è stata ne deriva, per il direttore del Fatto, che i tre ufficiali trattando hanno rinunciato a combattere la mafia, che trattare vuol dire mettersi d’accordo, trattare vuol dire lasciare liberi i criminali, e infine trattare è fare amicizia.

In definitiva la trattativa è il reato.

Niente di più falso.  

Travaglio dimentica che il nostro codice penale prevede espressamente la concessione di benefici per i pentiti cioè per coloro che hanno appartenuto ad organizzazioni mafiose e che dichiarino di non volerne più fare parte, fornendo al tempo stesso tutte le informazioni in loro possesso per perseguire le organizzazioni delinquenziali di cui facevano parte. Travaglio si sentirebbe di sostenere che il pubblico ufficiale che ascolta le rivelazioni di un pentito e gli assicura che se le sue informazioni risulteranno veritiere avrà i benefici previsti dalla legge? Come definire simili colloqui?  Falcone trattò con Buscetta in Brasile quando gli promise la richiesta di estradizione in Italia se avesse fornito le informazioni di cui disponeva per perseguire i suoi antichi amici? Forse Travaglio ritiene che se la trattativa la conduce un magistrato è lecito, se la fa  un ufficiale dei Carabinieri è un reato?

La recente sentenza non ha affermato che certi fatti non siano veri ma che non costituiscono reato: ciò non significa condividere quei comportamenti ma solo ritenere che, opportuni o meno che siano stati, non costituiscono reato. Diverso sarebbe se fossero stati concessi o promessi benefici senza alcuna motivazione oggettivamente valida, oppure concessi per denaro o per motivazioni comunque illecite ed in violazione degli obblighi del pubblico ufficiale.

In definitiva la recente sentenza costituisce l’ennesima riprova che non sempre la magistratura distingue tra ciò che è illecito giuridicamente da ciò che è politicamente censurabile: Amleto avrebbe detto che non ci sono giudici in Danimarca, in Italia invece ci sono ma qualche volta sbagliano anche loro. Problema vecchio che ci trasciniamo da molti anni e che confidiamo, nell’interesse della democrazia, possa trovare soluzione nei fatti più che nelle parole. 

Condividi
Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Ultimi articoli

Le origini del machismo: tra branding, advertising e molto altro

Il machismo è una delle balle più colossali della storia dell'umanità e ho uno scoop…

20 Maggio 2024

La fine della viralità e la forza delle nicchie

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Giampaolo Colletti e ci porta ad una…

20 Maggio 2024

The slight edge

Il dolore del rimpianto è molto più grande di quello della disciplina. The slight edge,…

20 Maggio 2024

Lavorare è collaborare

"Lavorare è collaborare" è il titolo e l'argomento del nuovo libro di Sebastiano Zanolli. Partirei…

20 Maggio 2024

Il potere di adesso

Eckhart Tolle una notte nel mezzo di una depressione e di un periodo difficile comprende…

23 Aprile 2024

Viva la giornata mondiale del libro!

Oggi 23 APRILE si celebra la 𝙂𝙄𝙊𝙍𝙉𝘼𝙏𝘼 𝙈𝙊𝙉𝘿𝙄𝘼𝙇𝙀 𝘿𝙀𝙇 𝙇𝙄𝘽𝙍𝙊 𝙀 𝘿𝙀𝙇 𝘿𝙄𝙍𝙄𝙏𝙏𝙊 𝘿❜𝘼𝙐𝙏𝙊𝙍𝙀 che…

23 Aprile 2024