Il piacere dei sensi

Cantanti e scrittori alle prese con gli enigmi

Quando anni addietro su Stefano Bartezzaghi accennò su Tuttolibri alle crittografie e, naturalmente, in primo luogo alle «crittografie mnemoniche» che, si sa, riescono sùbito e facilmente a catturare l’attenzione del lettore, la chiacchierata ebbe un séguito straordinario: furono, infatti, moltissimi i lettori che presero a inviare una gran quantità di esempi. Naturalmente una buona parte dovette essere riconosciuta di poco conto o imperniata su spunti già sfruttati ma pure vi furono delle felici sorprese.

Una lettrice torinese, Nadia Manca, tra le molte sue invenzioni, propose non soltanto una

DESIATA P2

che, con l’aiuto del diagramma (2,6,3,8), era da spiegare la Loggia del Bramante, ma anche quest’altra (2,5,3,2,7) dall’esposto ingannevole

MAESTRO ANALFABETA

per la quale deve pensarsi alla corrispondenza “maestro” = “vento” per ottenere: il vento non sa leggere.

Pure riuscitissimo fu il tentativo di Roberto Morraglia che propose (7,7)

FALSO MAGRO

con soluzione: parente stretto.

Tra gli esempi di un altro lettore, Pier Antonio Parisotto, c’era questo (6,3,4)

SCIOPERO DEGLI ORCHESTRALI

da spiegare con: blocco per note.

Paolo Conte, l’avvocato-cantante astigiano, vincitore nel ’91 del premio “Montale”, si fece vivo in quell’occasione inviando (1,13,10,4,6)

IO HO STATO

che, con un po’ di fatica, andava risolto l’insostenibile leggerezza dell’essere (non si può sostenere – cioè – un simile errore nella coniugazione di quel verbo).

Anche Umberto Eco volle partecipare al gioco inviando, insieme con altre invenzioni più o meno accettabili, questo simpatico esempio (3,2,2,1,7!)

DANZA DELLA PIOGGIA

con la soluzione: chi la fa l’aspetti!

Il “tautogramma” è una figura di tipo iterativo e posizionale consistente nella ripetizione della stessa lettera iniziale per ciascun vocabolo del componimento.

Condividi
Raffaele Aragona

Raffaele Aragona (Napoli), ingegnere, ha insegnato Tecnica delle Costruzioni all’Università di Napoli “Federico II”. Giornalista pubblicista, ideatore e promotore dei convegni di caprienigma, è tra i fondatori dell’Oplepo. Per la “Biblioteca Oplepiana” ha scritto La viola del bardo. Piccolo omonimario illustrato (1994) e molti altri lavori in forma collettanea. Autore di Una voce poco fa. Repertorio di vocaboli omonimi della lingua italiana (Zanichelli, 1994), ha curato per le Edizioni Scientifiche Italiane, i volumi: Enigmatica. Per una poietica ludica (1996), Le vertigini del labirinto (2000), La regola è questa (2002), Sillabe di Sibilla (2004), Il doppio (2006), Illusione e seduzione (2010), L’invenzione e la regola (2012). Sono anche a sua cura: Antichi indovinelli napoletani (Tommaso Marotta, 1991, ried. Marotta & Cafiero, 1994), Capri à contrainte (La Conchiglia, 2000), Napoli potenziale (Dante & Descartes, 2007) e il volume Italo Calvino. Percorsi potenziali (Manni, 2008). Ha pubblicato il volumetto Pizza nella collana “Petit Précis de gastronomie italienne” (Éditions du Pétrin, Paris, 2017). È autore di due volumi per le edizioni in riga (2019): Enigmi e dintorni e Sapori della mente. Dizionario di Gastronomia Potenziale. Il suo Oplepiana. Dizionario di letteratura potenziale è pubblicato da Zanichelli (2002).

Ultimi articoli

Vorrei averlo fatto: come vivere una vita senza rimpianti

Avevo in mente un argomento diverso per oggi, ma durante un viaggio a ho letto…

1 Febbraio 2023

LinkedIn e AI: opportunità o pericolo?

Si parla moltissimo di intelligenza artificiale e ChatGPT in questi giorni, della rivoluzione che sta…

1 Febbraio 2023

Quanti Lead del sito web riusciamo a convertire in MQLs

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Daniele Rimini e ci parla di MQLs,…

1 Febbraio 2023

Donzelli accusa deputati PD

Alla Camera l’on. Donzelli (FdI) ha accusato quattro deputati del Pd, che erano andati a…

1 Febbraio 2023

Meloni ha incontrato il presidente del Consiglio europeo Michel

La premier Meloni ha incontrato il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. Hanno parlato di…

31 Gennaio 2023

Qual è la competenza che può fare la differenza nella ricerca di lavoro nel 2023?

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Simona Bargiacchi e ci illustra le basi…

30 Gennaio 2023