In evidenza

Cara Milano…

Cara Milano,

ti scrivo una lettera perché tu non ti senta sola, anche se mentre a Marzo eri deserta, oggi puoi farti barba e capelli, portare a lavare i tuoi panni sporchi in lavanderia, passeggiare o fare una corsa in solitaria. 

Eri al top delle classifiche su i più autorevoli giornali nel mondo, come la città efficiente e piena di opportunità per chi arriva da ogni dove del pianeta. Perfino l’aria era cambiata meno smog, cigni riapparsi sui navigli, mobilità in sviluppo per un eco sistema migliore, preparazione alle Olimpiadi invernali del 2026; ricercata come sede per aziende in trasferimento da Londra causa Brexit, il mercato immobiliare era alle stelle sia per vendite, che affitti, progetti di recupero di edilizia, e i turisti mai visti così tanti!

Un vero attacco come a Risiko, ti ricordi le tante serate passate con gli amici e i carrarmatini colorati, chi li voleva rossi, chi gialli, chi arancioni. Io li volevo sempre neri. Ti toccano i rossi cara Milano, qualcuno ha conteggiato e questa è la scelta, posso dirti per consolarti che il rosso porta bene, che rappresenta la passione e tu ne hai tanta, rappresenta l’amore dei milanesi e di chi ti vive o ci abita da sempre.

In questi giorni ho sentito spesso dire la frase: “Milano ce la farà!” con l’orgoglio di chi ti ama e ti difende. Siamo provati e tristi e questa volta nessuno canta o suona, ma non molla. Chissà perché nei luoghi dove l’economia è così forte e ricca ci si ammala di più?

Sembra strano, si sa anche però che al virus piace il mare e le città d’arte. La cosa più intelligente sarebbe stata organizzare meglio tutto prima e senza tanti colori ma interventi per tutti, per sostenere i cittadini nelle case, per avere più barelle e più personale negli ospedali e meno banchi con le rotelle (inutili). Proteggere gli anziani non ghettizzarli, isolarli di nuovo o stabilire che dopo i settanta non sei abile!

Poi cara Milano, chi ti governa qualche errore l’ha fatto sicuro, però si sa il balletto dello scaricabarile è sempre di tendenza. Diciamo che le mancanze esistono, in una città famosa per l’efficienza, qualcuno mi dice che se si chiama l’ATS (agenzia tutela della salute) non risponde nessuno. Insomma si litiga per te e per le tue sorelle.

Altro che elezioni americane, brogli di voti per posta e stati, o una Cina nel pieno della ripresa economica, qui siamo, nel mezzo di una guerra a chi ha più carrarmati di scorta perché le riserve servono a resistere, solo che nessuno pensava più al Risiko e lo aveva riposto in soffitta o regalato, ma qui ci richiamano alle armi o meglio dire alla conquista.

Condividi
Marina Perzy

Nasco a Milano ma Roma è la mia seconda città adottiva. Il mio grande amore resta la recitazione… ma è il talento per la conduzione che ho più sperimentato e mi ha fatto conoscere, sia tv che radio. Cresciuta con la scuola dei Grandi conduttori, attori, autori, registi. Amo scrivere, ho due libri in attivo e collaborazioni come giornalista con i principali media Tv e network radio. Ho portato format innovativi e intrattenimento ad un pubblico multi-canale, trasversale. Professionalmente inizio nel ’79 con un provino Rai negli studi Fiera 1 di Milano con Pippo Baudo che cercava comici per il suo sabato sera Secondo Voi. Tanti i talenti che spiccarono il volo da quel provino! Beppe Grillo, Tullio Solenghi, Fioretta Mari e altri. Io vengo scelta per condurre, insieme al mitico Corrado, Domenica In. Per molti anni la Rai è la mia ‘casa’ lavorativa. L’esordio è con Enzo Tortora in Portobello ma è con Corrado che farò i programmi della Rai più importanti di quel periodo: Domenica In, Fantastico 3 con Raffaella Carrà, Gigi Sabani e Renato Zero; Gran Canal è lo show serale che mi vede nel ruolo di attrice in una compagnia teatrale insieme a Tullio Solenghi e Anna Mazzamauro in diretta tv. Ho condotto il primo FestivalBar di Canale 5 con Claudio Cecchetto, in altre edizioni parteciperò anche come cantante. Negli anni alterno la conduzione al Teatro e tanti programmi Rai fra i quali la celebre Domenica Sportiva, ma anche Uno Mattina, Italia & Estero, Detto tra noi, fino al più recente Trattative Riservate in onda per più stagioni sulla piattaforma Sky per Leonardo. La mia prerogativa è sperimentare nuovi format, mettermi in gioco, perchè amo sentirmi viva. Credo ed ho coscienza dei miei limiti ma so di aver sempre fatto buona televisione e radio, fiction, spettacoli, intrattenimento. Continuerò con l’ecletticità che mi contraddistingue a cercare sempre forme d’arte e di comunicazione che diano sfogo alla mia creatività, curiosità, che mi accompagnano da sempre insieme alla grande passione per il lavoro che ho da tutta una vita.

Pubblicato da

Ultimi articoli

Il Club incontra Giulio Xhaet

Cari lettori e care lettrici di Moondo, cominciamo un nuovo spazio nella rubrica del Club…

29 Gennaio 2023

I miei 7 segreti per utilizzare LinkedIn in modo perfetto

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Richard van der Blom e ci illustra…

27 Gennaio 2023

Faccia a faccia di tre ore tra Nordio e Meloni

Faccia a faccia di tre ore tra Nordio e Meloni. Si sono ripromessi di «dare…

27 Gennaio 2023

Kintsukuroi: come trasformare le avversità in vere opportunità

Ciao, piacere di conoscerti! Mi chiamo Davide Mastrosimone e sono l'ideatore de "Libri per il…

26 Gennaio 2023

La maggioranza si spacca sull’immigrazione

La maggioranza si spacca sull’immigrazione. Gli emendamenti della Lega al decreto Piantedosi sono stati dichiarati…

26 Gennaio 2023

Devi fare meno meeting!

Quando l'ordine arriva dall'alto, dal tuo interno, le cose sono diverse. Shopify introduce da oggi una…

25 Gennaio 2023