Network

Carta vince, carta perde

“Prima il Nord”, poi “prima gli italiani»” e ora “prima gli amici da aiutare”.

Luca Morisi, il social manager e braccio destro di Matteo Salvini è finito nei guai perché consuma droga e la spaccia.

La Lega è, insieme a Fratelli d’Italia, il partito che ha sempre condannato non solo la droga e gli spacciatori, ma anche i consumatori. 

La dichiarazione di solidarietà di Salvini è umanamente comprensibile e perfino commovente. Come usa fare il capo della Lega ha affidato le sue parole ai social, quindi non è un messaggio privato ad un amico che ha sbagliato, ma l’espressione di una posizione pubblica.

In molti ricordano le parole di Salvini, sul caso Cucchi: “la vicenda testimonia che la droga fa sempre male”, o di quando, a Bologna, suonò al citofono di un presunto spacciatore minorenne, “ovviamente” immigrato. Salvini tempo fa disse che gli spacciatori dovrebbero finire ai lavori forzati, incatenati a una palla di ferro, ma se lo spacciatore è Luca Morisi è “un amico da aiutare”. Il più classico due pesi e due misure!

Siamo alle solite: da anni in parlamento siedono uomini politici e “cittadini” del M5S che dichiarano (o dichiaravano) la loro avversità alla Casta ma poi nominano eredi figli e parenti oppure alla Di Maio si circondano di amici e compaesani. Degni eredi dei lanciatori di monetine, di craxiana memoria, o di quel leader del PCI che invocava l’occupazione della Fiat mentre praticava il compromesso storico, scambiando la politica con la morale e aprendo così la strada alla crisi della Repubblica, al potere dei magistrati, ai vaffanculisti di Beppe Grillo, ai populisti di ogni razza.

Sinceramente non se ne può più di questo doppiogiochismo, questo essere infiltrati nel governo, di “no green pass” e “free vax”, di quota 100 e di reddito di cittadinanza. La Politica di cui si sente il bisogno è un’altra cosa, e Salvini con i suoi atteggiamenti finisce per screditare persino il Berlusconi campione del moderatismo nostrano o quella santa donna della Meloni, con tutti i loro candidati sindaci nelle maggiori città italiane, e dare al centrodestra italiano l’immagine di una compagnia di giro. Complimenti Capitano! (ma Capitano di chi e di che cosa? Ndr)

Condividi
Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Ultimi articoli

Le origini del machismo: tra branding, advertising e molto altro

Il machismo è una delle balle più colossali della storia dell'umanità e ho uno scoop…

20 Maggio 2024

La fine della viralità e la forza delle nicchie

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Giampaolo Colletti e ci porta ad una…

20 Maggio 2024

The slight edge

Il dolore del rimpianto è molto più grande di quello della disciplina. The slight edge,…

20 Maggio 2024

Lavorare è collaborare

"Lavorare è collaborare" è il titolo e l'argomento del nuovo libro di Sebastiano Zanolli. Partirei…

20 Maggio 2024

Il potere di adesso

Eckhart Tolle una notte nel mezzo di una depressione e di un periodo difficile comprende…

23 Aprile 2024

Viva la giornata mondiale del libro!

Oggi 23 APRILE si celebra la 𝙂𝙄𝙊𝙍𝙉𝘼𝙏𝘼 𝙈𝙊𝙉𝘿𝙄𝘼𝙇𝙀 𝘿𝙀𝙇 𝙇𝙄𝘽𝙍𝙊 𝙀 𝘿𝙀𝙇 𝘿𝙄𝙍𝙄𝙏𝙏𝙊 𝘿❜𝘼𝙐𝙏𝙊𝙍𝙀 che…

23 Aprile 2024