Anteprima News

Chi ha ucciso Oscar Alberto Martinez e sua figlia Angie Valeria, soli 23 mesi?

Io, tu, lei, lui, noi, voi, loro. Siamo complici di un omicidio, tutti complici, tutti colpevoli, tutti responsabili. Quella foto mi ha fatto sentire in colpa, mi ha turbato e mi ha spinto a scrivere che i morti di questi giorni, che siano nel Mediterraneo, in Medioriente, in America, in Sud America, in Africa,  dovunque sono vittime anche mie.

Photo credit: Pasq Testa, foto tratta da Facebook.

Cosa ho fatto? Cosa non ho fatto? Cosa insegno ai miei figli?

Una vita umana è una vita umana sempre e ovunque, l’abbraccio sfinito e definitivo a sua figlia, l’ultimo abbraccio sul Rio Grande, riversi a faccia in giù per scappare dalla propria terra, dal Messico per raggiungere il Texas. Una bambina infilata nella stessa maglietta di suo padre pronta a tutto ma con lui… e io seduta al computer che mi lamento per il caldo mentre i miei figli non sono costretti a scappare, io che ho vissuto in giro per il mondo senza subire interrogatori, senza dover sentirmi giudicata per colore e lingua.

Si proprio io che ho pensato che essere cittadina del mondo fosse una immensa fortuna, io che ho sempre la valigia pronta, io non ho saputo fare niente per loro che senza nulla, solo con una maglietta in due volevano una nuova vita. I muri, le navi, i porti, le forze dell’ordine, i governi, facile dire alzeremo i muri, ne costruiremo altri, chiudiamo i porti, le frontiere, possono stare lì sino a Natale.

Fermiamo questo mondo che risponde con odio e con i fragori di dichiarazioni roboanti e urlate. Cosa ci sta succedendo, chi siamo diventati, e soprattutto cosa vogliamo che diventino i nostri figli? Mi sono commossa oggi, come mi commuovo spesso quando vedo immagini, film, documentari e testimonianze di persone che non sono fortunate come noi, ma poi la nostra vita continua, la loro finisce, si conclude senza un volto.

Come risponde la politica? Come risponde la società? Cosa pensano le persone comuni? Solo un fotogramma? Un titolo dei telegiornali ? Quelle immagini devono rimanere impresse nei nostri occhi e dovrebbero essere un peso per ognuno di noi, quotidiano. Un muro eviterà la morte? I porti chiusi eviteranno i morti? I fili spinati eviteranno vittime? Non credo proprio il nostro odio mieterà sempre morti e vittime innocenti, il nostro odio uccide e ucciderà!

L’odio come dice la Treccani: ”Sentimento di forte e persistente avversione, per cui si desidera il male o la rovina altrui” , ma voglio sperare che sia come disse Nelson Mandela: ”Nessuno nasce odiando i propri simili a causa della razza, della religione o della classe alla quale appartengono. Gli uomini imparano a odiare, e se possono imparare a odiare, possono anche imparare ad amare, perché l’amore, per il cuore umano, è più naturale dell’odio”. E allora che aspettiamo spendiamo soldi, energie e proclami per insegnare ad amare.

Condividi
Tiziana Buccico

Tiziana Buccico, napoletana verace, classe 1969, da sempre appassionata di politica, cultura e Medio Oriente. Un passato di uffici stampa tra cui l’Istituto italiano per gli Studi filosofici. Poi giornalista di pagine di cultura e società, come “moscone” per i quotidiani “La Città” e "il Corriere del Mezzogiorno”. Ha lavorato per uffici stampa politici e istituzionali (Regione Lazio e Consiglio Regionale del Lazio), organizzando eventi e campagne elettorali. Pezzi di vita vissuti tra Gottingen, Vienna e Parigi, viaggi avventurosi e curiosi. Per otto anni, sino al 2017, è stata in Iran per seguire marito e famiglia ma occupandosi a tempo pieno della Scuola Italiana “Pietro della Valle” di Teheran, come Vice Presidente . Da allora la passione per i viaggi e le culture diverse è cresciuta e si è anche trasformata in una rubrica Treccani dal titolo “Via della Seta”. Rientrata in Italia si occupa di social, politica, giornalismo ed eventi culturali mantenendo così un filo diretto con quella parte del mondo che le ha cambiato la vita. Social media manager dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022