Categorie: Anteprima NewsOggi

Conte in Parlamento per la fiducia

Oggi alle 12 Giuseppe Conte si presenterà alla Camera, terrà un discorso sulla situazione politica dopo l’uscita dal governo di Italia Viva e poi chiederà il voto di fiducia. Domani farà lo stesso al Senato, dove la situazione è incerta perché il presidente del Consiglio deve rimpiazzare i voti dei 18 senatori renziani, voti fin qui decisivi per avere la maggioranza assoluta fissata a 161: senza Italia Viva infatti il governo ha 151 voti. Servono quindi dieci “responsabili” o “costruttori”, ma non sembra che finora lo scouting sia andato a buon fine. Corteggiatissimo l’Udc, che ha tre senatori e che però nel weekend s’è sfilato: rimarrà nel centrodestra con Forza Italia, ha fatto sapere il partito con una nota in cui si parla di «valori in vendita».

«Quei pochi che hanno parlato con lui nelle ore che precedono il discorso più importante della sua vita, raccontano tutti la stessa cosa: Giuseppe Conte è “in palla”, è “sicuro di farcela”, ma non ha ancora deciso su un dettaglio che potrebbe rivelarsi decisivo: inserire o no, nel suo discorso alla Camera di oggi, un passaggio che faccia a capire a tutti che lui, da ora in poi, è in campo. Che lui è pronto a guidare, un domani, un vero e proprio partito» [Martini, La Stampa].

Stando ai retroscena, Conte si accontenterebbe di arrivare alla maggioranza relativa al Senato. I voti che il governo è sicuro di avere al Senato sono 155-156: cioè quelli che aveva prima, senza Italia Viva, più un paio di senatori a vita che normalmente non ci sono in aula ma che parteciperebbero al voto, e due o tre senatori che avrebbero già accettato di passare alla maggioranza («tra renziani e berlusconiani» dice Repubblica). Renzi ha anticipato che Italia Viva si asterrà dal voto (secondo i retroscenisti per evitare che qualche senatore si rifiuti di votare contro, spaccando il partito). In questo modo, 155 voti al Senato basterebbero e avanzerebbero al governo per avere la maggioranza relativa. Ma sarebbe un risultato debole, e peraltro diverso da quello che auspicava Sergio Mattarella, che vorrebbe una soluzione più stabile.

«La vigilia l’ha passata in casa, a soppesare e lucidare fino a notte ogni vocabolo del suo ecumenico appello agli italiani e a tutte (o quasi) le anime del Parlamento» [Guerzoni, Corriere della Sera].

Nel weekend Italia Viva ha perso due deputati: Vito De Filippo, che torna nel Pd, e Michela Rostan. Entrambi hanno annunciato che oggi voteranno la fiducia al governo Conte.

Nicola Zingaretti ha aperto la direzione del Pd con un discorso in cui ha escluso trattative per riportare Renzi nella maggioranza: Una cosa è rilanciare, rinnovare, cambiare, mettersi in discussione, altra cosa è distruggere, avere un approccio liquidatorio, aprire una crisi al buio che rappresenta l’opposto della volontà di migliorare l’azione di governo. Se non si rispettano le opinioni degli altri, avendo la presunzione di tenere in considerazione solo le proprie, allora viene meno la fiducia e la possibilità di lavorare insieme».

In questi giorni Renzi rilascia interviste a raffica sui quotidiani ed è spesso in televisione. Ieri è stato ospite di Lucia Annunziata a Mezz’ora in più su Rai 3 e ha detto: «Io sto dalla parte dell’Italia, sono un patriota. Ma se mi chiedete se faccio parte della maggioranza dico: non più. La fiducia non gliela votiamo. Abbiamo dato disponibilità a votare il decreto ristori e lo scostamento».

Dunque ha deciso di andare a Roma?
«Sì, parto domani (oggi, ndr) per essere pronta a fare il mio dovere martedì a Palazzo Madama. Non partecipo ai lavori del Senato da molti mesi perché, alla mia età, sono un soggetto a rischio e i medici mi avevano caldamente consigliato di evitare. Contavo di riprendere le mie trasferte a Roma solo una volta vaccinata, ma di fronte a questa situazione ho sentito un richiamo fortissimo, un misto di senso del dovere e di indignazione civile
Posso chiederle come ha deciso di votare?
«Certamente. Ho deciso di dare la mia fiducia al governo. Questa crisi politica improvvisa l’ho trovata del tutto incomprensibile. All’inizio pensavo di essere io che, con la mia profonda ingenuità di persona lontana dalle logiche partitiche, non riuscivo a penetrare il mistero. Poi però ho visto che quasi tutti, sia in Italia che all’estero, sono interdetti, increduli, spesso disgustati» [Liliana Segre a Gad Lerner, IlFattoQuotidiano].
Oltre a Liliana Segre, Mario Monti e Elena Cattaneo hanno fatto sapere che martedì saranno sicuramente in Senato per votare. Di Renzo Piano, Carlo Rubbia e Giorgio Napolitano ancora non si sa.

In prima pagina

• Oggi Conte si presenta alla Camera e chiede la fiducia, domani sarà al Senato, dove la conta dei voti è incerta
• Zingaretti esclude trattative con Renzi, che si definisce «un patriota»
• Oggi nelle zone gialle e arancioni gli studenti delle superiori tornano in classe: «Chi chiude se ne assume la responsabilità», dice il Comitato tecnico-scientifico
• Il tasso di positività cala al 5,9% (ma ora si contano anche i tamponi antigenici). Le terapie intensive scendono di 17 unità, i pazienti nei reparti ordinari di 27. I morti sono 377
• In Gran Bretagna un ricoverato Covid ogni trenta secondi
• Biden annuncia dieci giorni di decreti urgenti per cancellare l’eredità di Trump: vuole far rientrare gli Stati Uniti nell’accordo di Parigi e cancellare il Muslim e il Travel Ban
• Navalnyj è stato arrestato appena atterrato a Mosca
• Due giudici della corte suprema dell’Afghanistan sono state assassinate a Kabul
• Ladri rubano l’auto a una donna affetta da sclerosi multipla. Dopo tre giorni si pentono e riconsegnano la vettura con un biglietto di scuse. È successo a Bari
• È morto a 57 anni Benjamin de Rothschild, erede della dinastia di banchieri.

Clamoroso

Di tutte le notizie date dai media sul Covid-19, più del 67% sono false (Cisco, ultimo rapporto) [Panerai, Milano Finanza].


Condividi
Giorgio Dell'Arti

Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

Pubblicato da

Ultimi articoli

Biden denuncia gli stati che hanno tolto l’ordine delle mascherine

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES (TITOLO+COMMENTO) DEL 04/03/2021 Biden denuncia gli stati che hanno tolto l'ordine delle mascherine. Il…

4 Marzo 2021

Tasso di positività risalito al 5,8%

Ieri ci sono stati altri 347 morti di Covid. Il tasso di positività è risalito…

4 Marzo 2021

“L’altra Euridice” di Italo Calvino

Tutti o quasi conoscono la favola bella e antica di Orfeo ed Euridice, uno dei…

4 Marzo 2021

Accordo fatto per velocizzare la consegna del vaccino da una dose

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 03/03/2021 PRIMA PAGINA Abbastanza vaccino per ogni adulto in…

3 Marzo 2021

Il mistero dell’antilope: il caso Lockheed

Febbraio 2003. Partono gli alpini del contingente italiano in Afganistan. Salgono su aerei dalla sagoma…

3 Marzo 2021

Draghi firma il nuovo DPCM

Draghi ha firmato il nuovo dpcm, che sarà in vigore dal 6 marzo al 6…

3 Marzo 2021