Categorie: News

Il cambiamento

Di Carmine Di Sevo

Il cambiamento suggerisce l’idea di attesa di qualcosa che deve avvenire o che può avvenire anche spontaneamente. Alcune cose, però, credo di averle già capite difendendo me e le persone che amo dalla minaccia di questo nemico invisibile e insidioso.

Mi riferisco alla prova luminosa di coraggio e altruismo dei medici e degli infermieri impegnati in prima linea e che rischiano in prima persona nella guerra contro la malattia.

Mi riferisco alla straordinaria impresa della costruzione di un ospedale in meno di dieci giorni a Bergamo e, cosa non meno straordinaria, con mano d’opera completamente gratuita offerta, insieme, da operai, alpini e ultras dell’ Atalanta.

Ripenso alle bandiere tricolore ed ai cartelli “andrà tutto bene” esposti alle finestre di un popolo che non è affatto superficiale e indifferente ma che di fronte alla chiamata alle armi della responsabilità risponde, compatto: presente.

Provo orgoglio e fierezza nel vedere come i miei genitori tutelino i miei nonni aiutandoli nella spesa o nell’ assicurazione delle medicine necessarie, ma privandosi del piacere di intrattenersi con loro e di abbracciarli. Ho capito che il rispetto è più forte dell’affetto e ho pensato ad Enea che fugge da Troia in fiamme con l’anziano padre sulle spalle.

Ho visto il mio Paese additato nel mondo per il coraggio delle misure che ha adottato nell’emergenza della pandemia, perché ha scommesso su di noi, mandandoci a scuola senza farci uscire di casa. E noi?

Noi, quelli fragili, quelli deboli, quelli superficiali, quelli per i quali essere veramente preoccupati?
NOI ABBIAMO RETTO ALL’URTO e stiamo studiando e ci stiamo incontrando e ci stiamo vedendo, come già sapevamo fare da sempre e trasformando in arma vincente il motivo per cui “i grandi” ci hanno sempre criticati. Ho visto iniziative solidali di gente in difficoltà che aiuta gente con difficoltà ancora maggiori, perché non può permettersi più la spesa quotidiana.

Ho visto la generosità di un un popolo “in carcere” che dona soldi e materiale medico. Ho avvertito, forse per la prima volta davvero, che gli Italiani si sono sentiti vicini e stretti. Ho capito che non posso e non devo aspettare alcun cambiamento.

Il cambiamento si provoca e si persegue, non si aspetta. Il cambiamento è già in atto e, soprattutto, ora so che ne siamo assolutamente capaci.

Condividi
Redazione

Direttore responsabile: Giampaolo Sodano - Direttore del Magazine: Eugenio Santoro

Ultimi articoli

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021

Perché l’Abruzzo é senza una Film Commission operativa

Probabilmente Hollywood conta piú personaggi di origini abruzzesi di qualsiasi altra regione italiana, e in…

29 Novembre 2021

Le nazioni africane respingono amareggiate i nuovi divieti di viaggio

- 1 / 36 pagine. THE NEW YORK TIMES. Le nazioni africane respingono amareggiate i…

29 Novembre 2021

Perle di saggezza – Novembre 2021

Dovete concedermi questa libertà di dedicare le perle di questo mese di novembre alle donne,…

29 Novembre 2021

È stata la mano di Dio

Anni ’80. Alla fermata dell’autobus ci sono molte persone in fila, tra queste la bella…

29 Novembre 2021

Ma non è una cosa seria

Le strade romane (e, temo, anche altre) sono costellate da manifesti di promozione funeraria basati,…

27 Novembre 2021