Network

Il referendum tradotto in italiano

Tra pochi giorni gli italiani iscritti all’Aire riceveranno per posta il plico elettorale per votare cinque referendum abrogativi. Naturalmente i quesiti sono scritti in burocratese pertanto sarebbe necessario mettere in evidenza in italiano schietto i trucchi a cui saremo soggetti. Infatti bisogna fare attenzione perché votando “SI” si vuole eliminare la norma proposta, mentre con il “NO” si vuole che resti in vigore.

Bisogna premettere che in Italia la votazione avrá luogo in presenza il 12 giugno 2022, mentre all’estero i cittadini italiani devono rispedire le schede (cinque schede di diversi colori) entro il 9 giugno.

Primo quesito: Incandidabilitá dopo la condanna. Cosa significa. Il referendum chiede di abrogare, cioé far cancellare la parte della Legge Severino (dal nome di Paola Severino, Ministro della Giustizia del Governo di Mario Monti) che, in caso di condanna, non permette ai politici di candidarsi o ricandidarsi.

In pratica, con l’abrogazione (cioé con il “SI”) di questa norma si chiede di far aumentare il numero di politici corrotti. Nel 2017 i soli parlamentari sotto inchiesta (esclusi per i reati d’opinione) erano 93, cioé quasi il 10%, ora votando “SI” si spera di farli aumentare, mentre con il “NO” la Legge Severino rimarrebbe in vigore.

Secondo questito: Separazione delle carriere per i magistrati. Con il “SI” si eviterebbe che un magistrato possa passare dal ruolo di giudice a quello di pubblico ministero. Considerando la lentezza della giustizia e le leggi senza giustizia, il quesito si meriterebbe un bel “SI” cosí un magistrato dovrá scegliere cosa fare all’inizio della sua carriera.

Terzo quesito: Riforma del Consiglio Superiore della Magistratura. Quesito che riguarda l’organo di autogoverno dei magistrati che comprende 24 componenti, eletti per 2/3 dai magistrati ed il resto dal Parlamento. Il quesito vorrebbe eliminare per un magistrato che vorrebbe candidarsi, l’obbligo di raccogliere dalle 25 alle 50 firme che sono in pratica controllate dalle cosiddette “correnti”. Il voto dovrebbe essere “SI”.

Quarto quesito: Limiti agli abusi della custodia cautelare durante le indagini. Considerando i tanti errori in fase di indagine, sarebbe bene non mettere in carcere una persona indagata prima del processo, eccetto per i reati gravi. Allo Stato i 750 casi di ingiusta detenzione nel 2020 sono costati quasi 37 milioni di euro di indennizzi. Il voto in questo caso dovrebbe essere “SI”.

Quinto quesito: Equa valutazione dei magistrati. Questo quesito é apparentemente insensato, nel “senso” che attualmente un avvocato che perde una causa darebbe un voto negativo, ed uno che l’ha vinta, un parere positivo, ha invece molto senso perché ora i componenti “non togati” (come ad esempio professori in materie giuridiche) seppur parte del collegio giudicante, non possono attivamente giudicare l’operato di un magistrato. Il voto dovrebbe quindi essere un “SI”.

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Pubblicato da
Tag: referendum

Ultimi articoli

Appello a uomini e donne di buona volontà: non disertiamo le urne!

Della nostra innegabile complessa realtà storico-politica, graniticamente avvinghiata alla filosofia del male, dell’opportunismo, della violenza…

7 Giugno 2024

Risparmiare il carburante sulla Classe A: il ruolo chiave degli pneumatici

La Classe A è un’auto che viene scelta dai consumatori per la capacità di fondere…

30 Maggio 2024

Le origini del machismo: tra branding, advertising e molto altro

Il machismo è una delle balle più colossali della storia dell'umanità e ho uno scoop…

20 Maggio 2024

La fine della viralità e la forza delle nicchie

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Giampaolo Colletti e ci porta ad una…

20 Maggio 2024

The slight edge

Il dolore del rimpianto è molto più grande di quello della disciplina. The slight edge,…

20 Maggio 2024

Lavorare è collaborare

"Lavorare è collaborare" è il titolo e l'argomento del nuovo libro di Sebastiano Zanolli. Partirei…

20 Maggio 2024