Perennial Social Club: The new generation

Lo smartphone e la tecnologia hanno ormai unito tutte le generazioni che per consuetudine sono ancora divise in base alla data di nascita.

Ancora oggi i piani marketing delle aziende nazionali e internazionali si basano sull’osservazione costante di target “anagrafici” per inventare e vendere prodotti e servizi che attirino il loro interesse. I più monitorati e osservati sono i Millenial e la Generazione X, perché si crede che queste due generazioni rappresentino il futuro economico del mondo intero; di loro ormai sappiamo tutto.

Questo modo di operare rappresenta, secondo me, il passato perché con l’avvento del marketing empatico il capitale umano si rivela essere la maggior ricchezza delle imprese e delle nazioni. Il nuovo mondo online non raggruppa le persone per età anagrafica, ma in base ai loro gusti e acquisti. Il brand assume così una forte identità basata sulla verità e sul rapporto umano che coinvolge tutte le leve di marketing dell’azienda, che suonano insieme la stessa armonia, sia all’interno che all’esterno, ed il direttore d’orchestra è il marketing empatico.

L’illusione di generazioni di appartenenza si sgretolerà rapidamente nell’era dei perennial.

Perennial è una parola coniata da una visionaria imprenditrice tecnologica, Gina Pell, che nel 2016 introduceva una nuova visione sul mondo generazionale. Come tutti i visionari era troppo in anticipo sui tempi, ma io ne ero rimasto subito affascinato fino a chiamare il mio team di Empathy Designers “Perennial”. Ho così incominciato due anni fa a spiegare alle aziende alle quali mi presentavo il perché del nome, a chi si riferiva, ed i valori delle persone Perennial, parola che non ha niente a che fare con l’età. La maggior parte degli interlocutori alla fine della spiegazione mi dicevano che anche loro volevano unirsi al mondo dei Perennial, perché ne condividevano la filosofia e l’umanità.

Ma chi sono i Perennial ai quali il marketing empatico deve rivolgersi?

Prendo le parole da uno dei primi articoli apparsi in Italia: “I Perennial siamo tutti noi, di tutte le età. I Perennial non hanno età perché lavorano sui valori della vita che sono patrimonio di tutti e operano allo stesso modo usando la tecnologia. I loro acquisti vengono fatti sia nel fisico sia nel digitale.

Certamente per alcuni prodotti e servizi vengono ancora tenute in considerazione delle divisioni in base all’età anagrafica, ma ormai le classi generazionali sono così mischiate e confuse tra loro che il marketing richiede un profondo ripensamento. Amazon e Netflix, per esempio, suggeriscono ai loro clienti (15-80 anni) ormai profilati, prodotti e titoli di film NON IN BASE ALL’ETA’, ma ai loro gusti, tendenze, abitudini e passioni. Il vero Marketing Empatico non pensa ad una generazione, perché gli stereotipi generazionali vengono ignorati a favore dei dati comportamentali. 

Perennial Social Club

I Perennial hanno riscoperto i dischi in vinile, il piacere della solidarietà e della sostenibilità, della condivisione; hanno spesso adottato un modo di comperare ”fashion” nei temporary etici delle onlus, riutilizzano le merci invece che buttarle, hanno riscoperto gli artigiani, il piccolo negozio sotto casa, la piacevole sensazione di voler essere utili alla società e premiano i Brand che seguono questa loro filosofia di vita.

Noi Perennial siamo anche influencer di piccoli o grandi masse, ma non tanto per quello che comperiamo o indossiamo, bensì per quello che il nostro cuore sa raccontare. La voce del cuore non conosce la menzogna quando racconta e per questo i Perennial si uniscono in masse e in movimenti con l’aiuto della tecnologia che li chiama a raccolta.

Quando ci salutiamo non ci stringiamo la mano, ma ci abbracciamo per sentire il profumo dell’anima dell’altro come il popolo degli Innuit. Noi Perennial “siamo esseri umani in perenne fioritura”, interessati, gente di tutte le età, che vive nel presente, che sa che cosa accade nel mondo, che è sensibile ai problemi dell’altro, che si tiene aggiornata sulle evoluzioni della tecnologia, dei social, delle App. Viviamo nel presente e ne sentiamo lo sviluppo, siamo aggiornatissimi sui cambiamenti di tutti i settori. Siamo gente coinvolta, curiosa, collaborativa, interessata agli altri e capace di aiutarli a crescere.

Siamo appassionati, entusiasti, visionari, creativi, fiduciosi verso i nostri collaboratori che sappiamo difendere con coraggio quando si trovano in difficoltà. Sappiamo mettere l’umanità al primo posto tra i nostri valori, siamo di mentalità aperta, capaci di assumerci i rischi senza dare la colpa agli altri in caso di fallimento, non facciamo parte di nessun decennio specifico perché non abbiamo età anagrafica, ma solo affinità elettive.

I Perennial, come me e come tanti altri, sono persone comuni che si sentono di condividere gli stessi valori empatici. I Perennial siamo tutti noi, uniti nei valori e da quella umanità che ci rende unici.

Insieme agli amici di Moondo condividiamo questi valori e con grande piacere inauguriamo la rubrica “Perennial Social Club“, la porta è aperta! Chi si vuole unire?

Condividi
Alberto Pasquini

Alberto Pasquini nasce a Milano il 20 aprile 1948, studia al Liceo Linguistico Internazionale di Milano, con periodi di approfondimento a Cambridge e Heidelberg. Dal 1973 al 1976 lavora all'ufficio pubblicità, promozioni e PR di Emi Italiana a Milano. Dal 1976 al 1980 è capo ufficio internazionale della Emi Italiana con soggiorni a Los Angeles e Londra. Nel 1981 fonda Creativity, che in pochi anni diventa una delle realtà più innovative nel settore dell'In Store Communication. Nel 1993 dagli USA gli viene offerto l’incarico di aprire la filiale italiana di Popai Europe, e porta in breve l'associazione da 6 a 130 associati. Nel 1996 viene nominato capo di Popai Europe, con sede a Parigi, da dove coordina tutte le sedi europee. Nel 2011 fonda Crea International, promuovendo una metodologia innovativa denominata Physical Brand Design, rivoluzionando il mondo dell'architettura e del design. Ad Aprile 2017 con lui nasce Retail Design Italy, riunendo in un nuovo team esperti visionari fantasticatori retail chiamati "Empathy Concept Designers" altamente qualificati per la loro lunga esperienza nel retail service design che condividono modelli di servizi retail e visioni avanzate di concept innovativi capaci di unire il fisico ed il digitale. La loro metodologia unisce la parte strategica e consulenziale del mondo fisico e digitale, successivamente Retail Design Italy viene ribrandizzata in “ Excellence Design” nella quale con Pasquini Presidente confluiscono le operatività retail-office e smart working e product design. Oggi è Concept Design Advisor & Strategy Director di AISM (Associazione Italiana Sviluppo Marketing).

Ultimi articoli

Sgominata la nuova Mala del Brenta

Nella notte tra lunedì e martedì i carabinieri hanno arrestato 39 persone accusate di voler…

1 Dicembre 2021

Può il Presidente di un organo di rilievo costituzionale svolgere attività operativa del potere esecutivo dello Stato?

È, oramai, pacifico per gli esperti che studiano le ragioni socioeconomiche e politico-culturali alla base…

1 Dicembre 2021

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante Omicron

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante. Un ciclo familiare si ripete. Le…

30 Novembre 2021

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo. Gli scienziati sono preoccupati perché «ha…

30 Novembre 2021

“Non te la prendere”. Una frase che fa rabbrividire

“Non te la prendere” ma si può commentare così una molestia? In diretta una donna,…

30 Novembre 2021

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021