Diario Scomodo

Quando il denaro non serve solo ad arricchire chi lo possiede, ma anche di chi non ne ha

Non succede spesso. Anzi, non capita mai che un miliardario pensi a chi soldi ne ha pochi o niente affatto. Per evitare che si speculi sul vaccino, come sulle mascherine, Bill Gates, numero due nella classifica degli uomini più ricchi del mondo, dopo Jeff Bezof, di Amazon, lo pagherà lui per tutti i cittadini dei 5 continenti. Se il suo capitale di 97 miliardi di dollari non dovesse bastare, si farà promotore di una grande colletta. Non so se il Nobel sarà sufficiente per esaltare la grandezza di un uomo che non ha pari nella storia e che oggi inventa qualcosa di molto più importante di Microsoft.

Proteggere la vita dei fedeli non è una negazione della libertà di culto, nessuno impedisce per ora di pregare da casa

Non è da vescovi, Santità, aggredire, come politicanti qualsiasi, la comunità scientifica e il governo che – a differenza di chi gestite solo anime – hanno la responsabilità di tante vite umane e del loro benessere. Non è giusto sostenere che i cristiani affronterebbero il virus come un tempo le persecuzioni pur di ricevere l’eucarestia. Allora erano più fanatici che credenti. E poi, conviene rivangare il passato? Oggi, le funzioni si possono seguire in TV. Lei ritiene che il Signore non si renda conto delle difficoltà che stiamo attraversando? Vedrà la ramanzina che gli farà quando si incontreranno!

Con la fase 2 si torna a lavorare,  ma, se le scuole sono chiuse, dove si posteggiano i figli?

Continuiamo a chiamarle scuole. In realtà agli italiani non interessa che i figli studino, ma che ci siano depositi di bimbi e ragazzi. Seppure ormai in pochi, da qualche parte bisogna pur parcheggiarli. Scoppierà la polemica. Si invocherà un governo di unità nazionale in cui si potrà litigare con gli stessi risultati. Tutti hanno la soluzione ma non la rivelano. Gli viene più facile criticare. Facevo parte del gruppo di ottimisti, illusi che dopo la pandemia saremmo cambiati. Ma non basta un virus per migliorarci. Ci vuole la bacchetta magica che risolva i capricci di ognuno. Se no, votiamo per gli altri.

Chi lo avrebbe mai detto che gli italiani avrebbero apprezzato chi li tiene chiusi in casa per due mesi

Perché negozi di calzature, sì, e ristoranti, no? Quanti errori questo governo. Chiunque dei 60 milioni di italiani farebbe meglio. Come per la formazione della nazionale di calcio. È mai possibile che non ne indovini una? Peggio degli orologi guasti, che, due volte al giorno, indicano l’ora giusta. Furbo quel Conte lì. Ci ha tenuti a casa per due mesi per abituarci al pericolo e ora ci libera a poco a poco. E gli italiani lo apprezzano. Ma perché non ascolta i miei consigli? Rimettiamo tutto in moto. Così se ho ragione io, meglio per tutti. Se, invece, il contagio cresce, tanto di cappello per la sua politica.

Diffondere accuse e calunnie contro chi la pensa in modo diverso non è il modo più giusto per aiutare il paese

Sarebbe più patriottico sospendere le ostilità, già esagerate in tempi normali, figuriamoci nel momento drammatico che stiamo vivendo. Dell’emergenza conosciamo la gravità, ma non la durata. Chissà per quanto dovremo conviverci. Muoiono persone care agli elettori di ogni tendenza. Se davvero amiamo gli italiani e non il potere, sarebbe opportuna maggiore solidarietà. Accusarsi reciprocamente con tale odio e rancore, con espressioni che sembrano più pallottole che parole, non aiuta a risolvere il problema, ma a uccidere più persone. L’uomo forte, invece, è anche generoso.

Dopo 75 anni il 25 aprile è ancora una ricorrenza divisiva. Ma è proprio necessario che l’accettino tutti?

Il dibattito si trascina dal 1945. Oggi si è aperto finalmente alla Scuola di Liberalismo dove ovviamente le opinioni sono molteplici, più che altrove, più di quanti siano purtroppo oggi i liberali stessi. È il pensiero in sé a portare a conclusioni discordi. C’è persino chi contesta la Verginità della Madonna, figuriamoci opinioni politiche. La Storia non deve cercare l’intesa, come coloro che vogliono accontentare tutti. Sarebbe come cambiare il corso degli eventi. Neppure i sudisti in USA e i monarchici da noi accettano la sconfitta. Non polemizzano perché non sono accecati dall’ideologia come noi.

È stata provvidenziale, arrivata giusto in tempo, l’elezione di un duro alla presidenza di Confindustria

Prim’ancora d’insediarsi ha strigliato la classe politica e il suo predecessore, che aveva il cuore troppo tenero. Adesso sarà lui a spiegare alla sua gente, che i risparmi non servono ad arricchirsi. Sono riserve per affrontare i periodi di crisi. L’Italia, che piange sempre miseria, è il paese più risparmiatore del mondo. Perché gli affari sono andati bene o forse si sono evase le tasse, aumentata la cagnotte o messi in cassa integrazione gli esuberi. Finora gli industriali non avevano mai osato chiedere al governo sussidi a fondo perduto. Pazienza, se non ce ne saranno a sufficienza per i lavoratori.

Condividi
Roberto Tumbarello

Roberto Tumbarello, giornalista professionista, laureato in Giurisprudenza, ha tre figli e sei nipoti. Medaglia “pro merito” del Consiglio d’Europa, di cui è stato portavoce in Italia per tanti anni, è esperto in Comunicazione e Diritti umani. È stato redattore e inviato speciale di diversi quotidiani e periodici a vasta tiratura. Ha chiuso la carriera come direttore del “Giornale di Napoli”. Tra le sue ultime pubblicazioni di successo: “Gesù era di destra o di sinistra?” (Sapere 2000, 2009), “Si salvi chi può” (Edizioni Radici, 2012), “O la borsa o la vita” (Armando, 2014), "Viaggio nella vita" (Armando 2017), attualmente in libreria.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022