Teatro Naturale

Tra verità e fake news: l’olivicoltura uccide milioni di uccelli migratori

Scoppia lo scandalo in Inghilterra dove i consumatori si chiedono se l’olio di oliva sia poi tanto salutare e sostenibile se, per produrlo, vengono uccisi milioni di uccelli migratori. Si parte da una notizia vera ma si rischia facilmente di sconfinare nella disinformazione.

I supermercati britannici hanno ammesso, come scrive il The Telegraph, che potrebbero vendere olio d’oliva prodotto in modo tale che milioni di uccelli canori vengano uccisi ogni anno, ma promettono di indagare sulle loro fonti di approvvigionamento.

Uccelli come pettirossi, cardellini, verdoni, fringuelli, usignoli sono tra i più colpiti durante la stagione della raccolta che va da ottobre a gennaio. I risultati della rivista Nature hanno suggerito che in un anno, nella sola Spagna, sono stati uccisi oltre due milioni di uccelli.

La campagna stampa inglese ha portato alla pubblicazione, sul noto portale change.org, di diverse petizioni per bandire la raccolta notturna delle olive che hanno raccolto migliaia di adesioni in pochi giorni.

olivicoltura

Tutto deriva da uno studio, già pubblicato da Teatro Naturale il 30 novembre 2018, in cui si indica che la cifra di 2,6 milioni di uccelli uccisi durante la raccolta in notturna è una stima. Sulla base di questi risultati l’associazione ambientalista Ecologistas en Acción ha chiesto al presidente della Junta de Andalucía il divieto immediato di raccolta notturna delle olive con mezzi meccanici negli oliveti superintensivi. Una pratica ancora non in uso negli oliveti superintensivi italiani.

Il potenziale danno ecologico è dovuto alla raccolta in notturna con macchine scavallatrici di oliveti superintensivi. Gli uccelli migratori, che trovano rifugio in queste siepi di olivi, rischiano di essere accecati dai fari delle raccoglitrici e di morire a seguito del passaggio delle macchine.

Ovviamente la stampa britannica ha cercato di cavalcare la notizia con una buona dose di scandalismo, affermando che i supermercati britannici vendono oli di oliva prodotti con questo metodo ecologicamente distruttivo.
Supermercati come Waitrose, Tesco e Sainsbury’s non hanno potuto confermare se le marche che hanno in magazzino sono raccolte a macchina di notte. Un portavoce di Tesco ha detto che il supermercato sta indagando su come vengono raccolte le olive per i suoi oli, dopo le preoccupazioni sollevate dai clienti. I portavoce di Waitrose e Sainsbury hanno confermato che le loro olive e i loro prodotti a marchio proprio vengono raccolti a mano, ma non hanno confermato se le altre marche in loro possesso sono altrettanto etiche.

Il grande marchio di olio d’oliva Filippo Berio sta indagando sulla sua provenienza delle olive dopo essere stato contattato. Un portavoce ha detto in una dichiarazione: “Per quanto ci risulta, tutte le cooperative che Filippo Berio acquista l’olio d’oliva hanno frantoi che lavorano di giorno e puliscono di notte. Terremo aggiornati i consumatori quando e come avremo maggiori informazioni”.

Fin qui la reazione preoccupata di GDO e aziende di imbottigliamento che probabilmente dovranno presto attrezzarsi per certificare che il prodotto da loro confezionato e venduto non rischia di uccidere gli uccelli migratori.

Va detto che la raccolta manuale non è l’unica rispettosa dell’ambiente. La stessa raccolta con scavallatrici durante il giorno non rischia di portare alla morte degli uccelli migratori. Ovvio che anche la raccolta con macchine scuotitrici non ha alcuna conseguenza ecologica.

A fronte di legittime preoccupazioni e qualche disinformazione, come se solo le olive raccolte a mano fossero ecologicamente sostenibili e rispettose degli uccelli, vi sono anche anche informazioni palesemente errate date dagli organi di stampa britannici.

Per esempio, scrive The Telegraph: “i consumatori che vogliono essere sicuri di utilizzare olio d’oliva bird-safe dovrebbero controllare che le marche italiane abbiano il bollino “GIAHS FAO” che sta per “Globally Important Agricultural Heritage System”, che significa che viene raccolto a mano.”

Questa è proprio una fake news. Il riconoscimento GIAHS FAO è dato a territori, specifici e limitati, come la Fascia olivetata Assisi Spoleto, che hanno una tradizione, storia e specificità colturali e agricole tali da poterle distinguere da ogni altra area internazionale. Nulla obbliga gli olivicoltori ad attenersi a determinate prassi tecnico-agronomiche.


Condividi
Teatro Naturale

“Teatro Naturale” è un magazine settimanale online dedicato al mondo rurale. Presente in rete dal 2003 e nato per dar voce a chi – come chi vive in e di agricoltura – non è adeguatamente rappresentato dagli attuali mezzi di informazione, è diventato nel tempo il punto di riferimento per quanti non solo vogliono essere informati puntualmente sull’attualità agricola, alimentare e ambientale, ma che non disdegnano un invito alla riflessione e alla rinascita di un pensiero rurale libero, scevro da appartenenze e ideologie. Di quanti credono che il mondo rurale non solo debba tutelarsi e proteggersi, ma anche evolversi e che la qualità dei prodotti possa passare attraverso la qualità delle persone. Moondo grazie alla collaborazione con Teatro Naturale ripropone alcuni degli articoli più interessanti pubblicati settimanalmente.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022