Categorie: Idea-Azione

Zingaretti ha vinto: il Commissario Montalbano ringrazia

Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio, ha vinto le “Primarie” e sarà il nuovo Segretario del Partito Democratico con il 60% dei voti contro il 20% ciascuno degli altri due concorrenti: Giacchetti, appoggiato da Renzi, e Martina, ex vice Segretario del Partito.

Luca e Nicola Zingaretti

La percentuale ottenuta dal nuovo segretario è più elevata di quella prevista e stimata intorno al 48/50% dei votanti: questo significa che il voto di opinione, di persone cioè che non si riconoscono nel Partito Democratico così come in nessun partito o movimento organizzato, ha avuto un ruolo decisivo nell’elezione del nuovo Segretario.

E’ probabile che l’elezione di Zingaretti, ex Segretario della Federazione Romana del Partito Comunista, sia da ricollegare sostanzialmente ad una presa di posizione a suo favore della vecchia struttura-partito, preoccupata che nessun candidato alla segreteria superasse la soglia del 50% dei voti: ciò avrebbe significato la sua elezione da parte dell’assemblea nazionale ed una segreteria debolissima, chiusa nel gioco delle correnti, proprio nel momento in cui il PD deve fare un grande sforzo per garantirsi nel futuro il ruolo di partito egemone della sinistra.

Non sono pochi però coloro che ritengono che un contributo decisivo nell’elezione di Zingaretti lo abbia dato il commissario Montalbano, il personaggio interpretato dal fratello Luca Zingaretti, ottimo attore un tempo militante nella sinistra del PCI: voto per attrazione, per simpatia verso un personaggio trasversalmente noto, al di fuori di qualsiasi ragionamento politico.

Il risultato comunque c’è stato: resta da vedere quali scelte politiche farà il nuovo Segretario. La sua abilita ed esperienza politica, gli consiglieranno senz’altro di assicurare al suo Partito la necessaria coesione interna, evitando ventilate scissioni, ed al tempo stesso l’inglobamento in una coalizione elettorale che avverrebbe a scapito della sua identità.

Sarà il Segretario dell’apertura del dialogo con ciò che rimarrà fra poco del Movimento 5 Stelle? Nessuno allo stato attuale delle cose può dirlo con certezza: certamente Zingaretti sarà il Segretario del Partito Democratico al momento (non lontano) delle prossime elezioni politiche. Sarà quella la sua vera prova d’esame: tutti attendono di vedere se e come la supererà.

Condividi
Mario Pacelli

Mario Pacelli è docente di Diritto pubblico nell'Università di Roma La Sapienza, per lunghi anni funzionario della Camera dei deputati. Ha scritto numerosi studi di storia parlamentare, tra cui Le radici di Montecitorio (1984), Bella gente (1992), Interno Montecitorio (2000), Il colle più alto (2017). Collabora con il «Corriere della Sera» e «Il Messaggero».

Ultimi articoli

I morti in Turchia e Siria potrebbero essere più di 20 mila

Un terremoto di magnitudo 7.8 ha colpito Turchia e Siria. Mentre scriviamo i morti sono…

7 Febbraio 2023

L’innovazione di solito non riguarda il genio

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Omar Bragantini e ci ricorda come se…

6 Febbraio 2023

Comunicazione (poco) costruttiva

A proposito di comunicazione (poco) costruttiva, qualche tempo fa mi scrive su Messenger una ragazza. Riporto letteralmente…

6 Febbraio 2023

L’Europa mette al bando il diesel russo

Dopo l’embargo Ue sul greggio russo, da ieri è scattato anche il divieto di importare…

6 Febbraio 2023

Talenti, leader ed organizzazioni ribelli. Come riconoscerli?

Cosa hanno in comune Napoleone Bonaparte, Masismo Bottura, Chesley "Sully" Sullenberger, Houdini, Greg Dyke (ex…

5 Febbraio 2023

La Bce alza i tassi d’interesse al 3 per cento

La Banca centrale europea ha aumentato di 50 punti base i tassi, annunciando una stretta…

3 Febbraio 2023