I rebus in vetrina

In una prima edizione dei convegni di caprienigma, che si svolsero a Capri tra il 1986 e il 2008, nonostante il fatto che il gioco non rientrasse pienamente nel concetto classico di enigmistica, il rebus ebbe comunque un rilievo particolare. Innanzitutto perché si parlò di un’invenzione quanto mai felice di una sua nuova modalità di esecuzione che segnò l’inizio di una nuova maniera con esempi detti di “nuova frontiera; e poi perché, ai margini del convegno, cui parteciparono letterati, linguisti e semiologi, ci fu uno spazio ludico con la realizzazione di rebus nelle vetrine. Nelle vetrine di alcuni negozi dell’Isola furono allestiti dei veri giochi illustrati in completa sintonia con gli articoli abitualmente esposti.

In quell’occasione l’osso più duro fu certamente quello costituito da una mela di vetro di Boemia (se ne leggeva l’origine in un adesivo posto su di essa) che faceva ben spicco in una delle vetrine. La presenza di una P permetteva la soluzione:

di vetro P pomo d’Est è = dive troppo modeste.

Nelle boutique il tipo di merce a disposizione permise di sfruttare altre chiavi e infatti

pareo nero SOL, ON è stola, V oro = pare oneroso l’onesto lavoro

era la frase desumibile da quanto esposto in un’altra vetrina, dove, insieme con altri di vario colore, v’erano un ‘pareo nero’ (SOL), una ‘stola’ (ON) e un lingotto d’oro (V).

A proposito di quel “rebus” detto di “nuova frontiera” e che, a rigore, dovrebbe definirsi «crittografia illustrata», il meccanismo risolutivo è davvero particolare poiché non si limita alla semplice definizione degli oggetti designati da una lettera, ma si spinge oltre, con una modalità non codificata e non codificabile.

Il disegno del “rebus” (“La Settimana Enigmistica”, 1985) mostrava un’arena con un gladiatore (S) nel tentativo di bloccare un indomito leone (EG), che (si vede chiaramente) ha già mietuto una vittima. L’autore (Leone Pantaleoni) intendeva così che il solutore, attraverso una chiave straordinariamente nuova, pervenisse alla soluzione:

S o doma EG o morrà = Sodoma e Gomorra.

Quella prima edizione del convegno ospitò anche un originale dialogo sulla “questione Edipo”, una sorta di processo all’antesignano dei solutori di enigmi, non solo vittorioso sulla Sfinge, ma anche responsabile di due “delitti”: l’uccisione del padre e il rapporto incestuoso con la madre, origine riconosciuta del concetto di colpa e di conflitto intrapsichico. Vi parteciparono: Mario Daniele (Edipo), Salvatore Giaquinto (l’accusa), Giuseppe Aldo Rossi (la difesa). Inutile dire che Edipo risultò totalmente innocente.

Leggi anche
Colombo secondo Eco

Condividi
Raffaele Aragona

Raffaele Aragona (Napoli), ingegnere, ha insegnato Tecnica delle Costruzioni all’Università di Napoli “Federico II”. Giornalista pubblicista, ideatore e promotore dei convegni di caprienigma, è tra i fondatori dell’Oplepo. Per la “Biblioteca Oplepiana” ha scritto La viola del bardo. Piccolo omonimario illustrato (1994) e molti altri lavori in forma collettanea. Autore di Una voce poco fa. Repertorio di vocaboli omonimi della lingua italiana (Zanichelli, 1994), ha curato per le Edizioni Scientifiche Italiane, i volumi: Enigmatica. Per una poietica ludica (1996), Le vertigini del labirinto (2000), La regola è questa (2002), Sillabe di Sibilla (2004), Il doppio (2006), Illusione e seduzione (2010), L’invenzione e la regola (2012). Sono anche a sua cura: Antichi indovinelli napoletani (Tommaso Marotta, 1991, ried. Marotta & Cafiero, 1994), Capri à contrainte (La Conchiglia, 2000), Napoli potenziale (Dante & Descartes, 2007) e il volume Italo Calvino. Percorsi potenziali (Manni, 2008). Ha pubblicato il volumetto Pizza nella collana “Petit Précis de gastronomie italienne” (Éditions du Pétrin, Paris, 2017). È autore di due volumi per le edizioni in riga (2019): Enigmi e dintorni e Sapori della mente. Dizionario di Gastronomia Potenziale. Il suo Oplepiana. Dizionario di letteratura potenziale è pubblicato da Zanichelli (2002).

Pubblicato da
Tag: rebus

Ultimi articoli

Continuano gli attacchi hacker alla Regione Lazio

"Questa notte i sistemi informativi della Regione Lazio hanno subito e respinto l'ennesimo attacco, resta…

3 Agosto 2021

“Non odiare” vince l’Arco d’Oro di Est Film Festival 2021, a “Il caso Braibanti” va l’Arco d’Argento

Mauro Mancini si aggiudica il premio Creval per il miglior Lungometraggio, Carmen Giardina e Massimiliano…

3 Agosto 2021

Cena sul caliscendi con menu “tutto non comprato”

Di Dom Serafini I "caliscendi" sono nove e sparsi lungo il chilometro (circa) del Molo…

3 Agosto 2021

Happy Holidays

Le pubblicazioni della rubrica riprenderanno il 20 settembre. Auguro a tutti di trascorrere buone vacanze!…

2 Agosto 2021

Netflix: le serie sull’invecchiare sorridendo!!

di Tiziana Buccico Finalmente tra le tante angosce e i tanti mutamenti che questa emergenza…

2 Agosto 2021

Georges Perec cruciverbista, anzi, enigmista

Lo scrittore francese Georges Perec fu un abile e prolifico autore, non soltanto di romanzi;…

31 Luglio 2021