Categorie: In evidenza

“Non te la prendere”. Una frase che fa rabbrividire

“Non te la prendere” ma si può commentare così una molestia? In diretta una donna, una professionista, una giornalista viene molestata, palpata colta di sorpresa non potendosi neanche difendere e la reazione dal suo collega dallo studio è questa frase, che definirei da schiaffi?

Pongo la domanda a tutti!

 L’Ordine dei Giornalisti dovrebbe sospendere il giornalista in studio? l

La Polizia notizia di oggi sembra abbia rintracciato il finto macho dalla mano lunga che mi sarebbe piaciuto tanto mettere in un angolo per spiegargli a quattr‘occhi che è un reato, è un oltraggio, è una molestia. È da poco passato il 25 novembre, la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, tutti hanno fatto dichiarazioni, pubblicato post e poi due giorni dopo accade questo episodio mentre le donne manifestano a Roma. Ma basta lavarsi la coscienza con frasi fatte, siamo stufe e stufi, perché ci sono tanti uomini che credono nella stessa causa, ma basta, basta all’impunità. Quello che è accaduto davanti allo Stadio Castellani di Empoli è davvero inaccettabile, un episodio gravissimo, tutta la mia solidarietà a Greta Beccaglia e a tutte le donne che ogni giorno subiscono molestie.

Questo è la reazione dell’Ordine dei giornalisti della Toscana che denuncia “l’episodio gravissimo di molestia nei confronti di una giornalista avvenuta in diretta tv al termine della partita Empoli-Fiorentina, nei giorni in cui è massima l’attenzione sul contrasto alla violenza nei confronti delle donne“. L’Ordine regionale inoltre “esprime piena solidarietà alla giornalista Greta Beccaglia che è stata subito contattata dal presidente dell’Ordine dei giornalisti della Toscana, Giampaolo Marchini“.

Cpo Fnsi, Cpo Usigrai e Giulia Giornaliste “esprimono solidarietà alla collega, vittima di un gesto odioso mentre sta facendo il suo lavoro e stigmatizzano quanto detto in studio che derubrica la violenza ad atto goliardico“. “Nessuno ha il diritto di toccare una donna senza il suo consenso, in nessun contesto, e nessuno deve sentirsi legittimato a cercare attenuanti, alimentando stereotipi di cui è ancora ammantata l’informazione, anche quella sportiva“, prosegue la nota. L’Ussi “esprime massima solidarietà alla giornalista Greta Beccaglia, condanna la molestia subita dalla collega e stigmatizza chi minimizza, anche con parole e comportamenti da condannare, perché offendono la dignità e la professionalità“.

Belle parole: condannare, stigmatizzare…bene e quindi il conduttore dallo studio continuerà a minimizzare, il cretino che ha compiuto violenza se ne vanterà con gli amici se non riceverà una condanna giusta e perdonatemi il termine terribile “esemplare”, Greta si prenderà anche qualche insulto in più perché la demenza di certi ambienti giustificherà il fatto di essere una bella ragazza come causa della molestia. Sono, invece, questi gli esempi che vanno dati a tutti a giovani e non giovani, uomini e donne, è da qui che si parte nessuno deve permettersi e nessuna donna deve accettare e sopportare e nessuno deve minimizzare. Bisogna mettere un BASTA definitivo, basta con gli slogan e i bei propositi, la violenza va fermata senza giustifiche. Mia figlia deve sentirsi sicura e libera, deve sapere che c’è uno Stato che la protegge, che c’è una società civile che non giustifica e che sa solidarizzare davvero. Il clamore di ciò che è accaduto tra qualche giorno scemerà e un altro idiota si sentirà maschio molestando una donna, se davvero è una battaglia di tutti dobbiamo essere uniti, giustizia, società civile, scuole, università e famiglie e nessuno deve abbassare la guardia, che la frase “non te la prendere” sia bandita definitivamente.

Condividi
Tiziana Buccico

Tiziana Buccico, napoletana verace, classe 1969, da sempre appassionata di politica, cultura e Medio Oriente. Un passato di uffici stampa tra cui l’Istituto italiano per gli Studi filosofici. Poi giornalista di pagine di cultura e società, come “moscone” per i quotidiani “La Città” e "il Corriere del Mezzogiorno”. Ha lavorato per uffici stampa politici e istituzionali (Regione Lazio e Consiglio Regionale del Lazio), organizzando eventi e campagne elettorali. Pezzi di vita vissuti tra Gottingen, Vienna e Parigi, viaggi avventurosi e curiosi. Per otto anni, sino al 2017, è stata in Iran per seguire marito e famiglia ma occupandosi a tempo pieno della Scuola Italiana “Pietro della Valle” di Teheran, come Vice Presidente . Da allora la passione per i viaggi e le culture diverse è cresciuta e si è anche trasformata in una rubrica Treccani dal titolo “Via della Seta”. Rientrata in Italia si occupa di social, politica, giornalismo ed eventi culturali mantenendo così un filo diretto con quella parte del mondo che le ha cambiato la vita. Social media manager dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive.

Pubblicato da
Tag: molestie

Ultimi articoli

Viva l’Italia

La parola Italia fu sdoganata da Francesco De Gregori, con la canzone Viva l’Italia! Ci…

21 Gennaio 2022

A palazzo Chigi Draghi sta conducendo delle consultazioni riservate

Mancano quattro giorni al primo scrutinio per il Quirinale. Ieri Letta e Speranza sono andati…

20 Gennaio 2022

Il copione delle elezioni per il Quirinale fin qui scritto solo a metà

Berlusconi ha interpretato la sua parte. Tutto il resto del sistema politico per ora non…

19 Gennaio 2022

Beppe Grillo indagato a Milano per traffico d’influenze

Beppe Grillo è indagato a Milano per traffico d’influenze, per i contratti pubblicitari di Moby…

19 Gennaio 2022

Salvini gela Berlusconi sul Quirinale

Salvini gela Berlusconi sul Quirinale: «Faremo presto una proposta della Lega, e sarà condivisa da…

18 Gennaio 2022

Dell’individualizzazione del consumo e di alcune sue conseguenze

La premessa, per quanto rivoluzionaria, è quasi banale. Definisco “individualizzazione del consumo”, nel senso più…

17 Gennaio 2022