Categorie: Idea-Azione

Ogne scarrafone è bell’ a mamma soja

“n’inzetto ca’ se trova dint’a ttutte ‘e ccase vecchie, è niro e lucide, fuje comm ‘a nu dannato e và giranno ‘e notte dint’a cucina o addò trova ‘e mmullechelle. È luongo tre o quatto centimetre e ‘o nommo scientifeco è blatta orientalis. Siccomme è bruttulillo e fa schifo a parecchia ggente, stu’ nomme s’ausa pure pe’ ddicere ca na’ perzona è brutta” (detto napoletano)


Dunque ogni scarafaggio sembra bello alla propria madre.

E per quanto un figlio, per ritornare ai parametri umani, possa essere brutto nell’aspetto, abbia un caratteraccio, fin’anche  delinquente, la madre è quasi sempre disposta a vederlo con gli occhi dell’amore cieco e irrazionale e quel figlio sarà sempre per lei, bravo, bello e buono. Uniche attenuanti riconosciute la cattiveria degli altri. L’amore materno naviga da sempre tra mito a realtà. Tra stereotipi e il loro contrario.

Ma la madre è prima ancora donna. Partiamo dunque dalla definizione del corpo della donna il cui bacino (che ha ispirato tanti artisti oltre tanti mascalzoni ) è largo per permettere la gravidanza e i cui seni sono essenziali per allattare un neonato. Il corpo della donna è elemento fondamentale della riproduzione insieme all’uomo. Più il bacino è ampio e più i seni sono prosperosi più la progenie viene garantita. Ma nell’immaginario maschile non sono questi i soli motivi d’attrazione. Al contrario gli uomini si avvicinano all’altro genere con il timore che ciò avvenga, perché l’attrattiva e la componente sessuale fine a se stessa è maggiore e il desiderio non pensa a riprodursi ma a soddisfarsi. Tutto ciò nonostante che la differenza corporea di genere derivi da motivi antropologici di cui la natura si è attrezzata perché l’unione sia orientata a quest’uopo.

In passato prevalse la necessità di riprodursi per fornire guerrieri, braccia da lavoro, eredi e successori che ha fatto delle donne delle vere e proprie fattrici fino al “fare figli per la patria” dell’epoca fascista.

Il conseguente ruolo della donna unicamente come casalinga, madre e moglie era il risultato finale di una politica di soggezione e di sfruttamento nei confronti del genere più debole (reso tale appunto dalle gravidanze) e che ha avuto lunga vita a livello culturale e politico di cui ancora si nutrono tracce nella società di questo millennio. Questa politica della famiglia disastrosa non ha fatto altro che produrre progressivamente l’allontanamento della donna dalla sfera pubblica e fasce sociali emarginate e povere.

Certo ne è corso di tempo da allora e meraviglia sempre di dovere ancora fare i conti con quel passato. Eppure a ben considerare alcuni comportamenti maschili viene da pensare che troppo poco sia cambiato. Altrimenti non si spiega come mai quasi ogni giorno una donna muore o subisce violenze da parte del proprio partner.

Anche il modo di raccontare i fatti, le modalità difensive per chi si è macchiato di gravi reati appartengono a quel genere di cultura. “Era un bravo ragazzo, una persona tranquillissima, un gigante buono, lei era incinta e lui non voleva, lo tradiva, era depresso, aveva paura che lo lasciasse, non voleva che i figli stessero con la madre ecc.” e tutto questo se non vuol dire scagionare vuole dire comunque attenuare le responsabilità dell’individuo.

La storia dei tacchi, emblema della femminilità (foto by Pixabay)

Ma partiamo da un presunto inizio. Da quando un bambino cresce in un atmosfera di permissivismo totale. Può fare ciò che vuole, ottenere tutto ciò che desidera con le buone o con le cattive. Quando la mancanza d’istruzione e di lavoro viene condivisa e sostenuta come una cosa normale, quando si chiudono gli occhi davanti le prime avvisaglie di disagio è cioè è già troppo tardi per recuperare l’uomo sociale. Troppo spesso la famiglia si pone in modo protettivo e senza la minima autorità. A un bambino, poi ragazzo, a cui la famiglia ha sottratto ogni senso di responsabilità, sarà molto difficile accettare leggi di un contesto comunitario diverso e regole che non gli appartengono.

Il conflitto tra il vivere in modo individualistico e quello a cui la legge della convivenza impone si genera in tutte le fasce sociali. Il femminicidio  non è un dato ma una conseguenza…

Quei tanti uomini che hanno compiuto femminicidi  orrendi non hanno attenuanti. E per quanto l’amore di una madre sia immenso, uno “scarrafone” resta tale.

Condividi
Marta Ajò

Marta Ajò, scrittrice, giornalista, si è occupata di politica nazionale e internazionale, società e cultura. Proprietaria, fondatrice e direttrice del Portale www.donneierioggiedomani.it (2005/2019). Direttrice responsabile della collana editoriale Donne Ieri Oggi e Domani-KKIEN Publisghing International. Ha vinto diversi premi. Ha scritto: "Viaggio in terza classe", Nilde Iotti, in "Le italiane", "Un tè al cimitero", "Il trasloco", "La donna nel socialismo Italiano tra cronaca e storia 1892-1978”.

Ultimi articoli

Strano periodo questo secolo

Strani questi anni, a cavallo tra il ‘900  che ancora ci appartiene ma che a…

2 Dicembre 2021

Sgominata la nuova Mala del Brenta

Nella notte tra lunedì e martedì i carabinieri hanno arrestato 39 persone accusate di voler…

1 Dicembre 2021

Può il Presidente di un organo di rilievo costituzionale svolgere attività operativa del potere esecutivo dello Stato?

È, oramai, pacifico per gli esperti che studiano le ragioni socioeconomiche e politico-culturali alla base…

1 Dicembre 2021

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante Omicron

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante. Un ciclo familiare si ripete. Le…

30 Novembre 2021

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo. Gli scienziati sono preoccupati perché «ha…

30 Novembre 2021

“Non te la prendere”. Una frase che fa rabbrividire

“Non te la prendere” ma si può commentare così una molestia? In diretta una donna,…

30 Novembre 2021