Protocollo post-vaccinale

Bene, ci siamo vaccinati. A New York abbiamo praticamente raggiunto l’immunitá di gregge con il 70% di residenti vaccinati, cosa facciamo da ora in poi?

Del protocollo post-vaccinale possiamo solamente parlare con un esperto in materia, in questo caso Pio Conti, l’immunologo abruzzese che fa la spola tra Chieti, dove insegna Immunologia, e i suoi incarichi di “visiting professor” in varie universitá negli Usa, Inghilterra e Grecia, tra le altre. 

Chiedo al Professor Conti, visto che ho ricevuto la prima dose del vaccino a fine febbraio 2021 e la seconda ai primi di marzo, come devo programmarmi per il futuro.

“Se si assume il vaccino, gli studi attuali ci dicono che siamo protetti per almeno circa 9 mesi”, spiega il professore, e aggiunge: “ma questo dipende anche dalla risposta immunitaria individuale che può essere molto diversa fra gli individui, sia per quanto riguarda la potenza e sia per la durata. I dati attuali in letteratura biomedica si riferiscono a brevi periodi e non sono precisi in quanto non c’è stato tempo per osservare gli effetti a lungo termine. Questo vale anche per i side-effects del vaccino. I dati in circolazione sono stati tutti estrapolati”.

Il prof. Pio Conti, immunologo e patologo generale, autore di oltre 400 pubblicazioni sull’immunologia.

Prima di prendere un nuovo appuntamento per ri-vaccinarmi verso novembre, dovrei controllare il mio livello di anticorpi? 

Risponde il professore: “Dopo aver fatto la seconda dose il soggetto è immunizzato al 90% circa, questo gli evita l’ospedalizzazione anche in caso di reinfezione. Cosa molto positiva. Comunque, è consigliabile dopo circa 6-7 mesi dalla vaccinazione controllare il titolo anticorpale. Se questo è alto tutto ok, mentre se è al di sotto dei valori clinici, si dovrebbe assumere una terza dose. Effetti collaterali? Sconosciuti. Si consiglia di controllare il titolo anticorpale ogni sei mesi”.

E se ci fosse immunità di gregge, il vaccino é ancora necessario?
[Ora la percentuale di vaccinati nello stato di New York (da dove intervistiamo il prof. Conti) ha raggiunto il 70%].

Il prof. Conti conclude con un consiglio: “Nel caso si raggiungesse l’immunità di gregge, che significa tutti posseggono anticorpi anti-SARSCoV-2, la vaccinazione può essere esclusa, come è avvenuto con la poliomielite quando, dopo la vaccinazione di base, i richiami regolari non sono più necessari a meno che non si viaggi nelle regioni endemiche. Comunque, ogni tanto, un controllo sierologico degli anticorpi andrebbe fatto”.

Il professore poi avverte che “il coronavirus si potrebbe ripresentare, nel futuro, sotto forma di una nuova variante alla quale il vaccino potrebbe essere non efficace. Questo non dovrebbe preoccupare più di tanto, in quanto creare un nuovo vaccino sulla scia di quelli realizzati oggi non sarà troppo difficile. La strada è stata già tracciata”.

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Ultimi articoli

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021

Perché l’Abruzzo é senza una Film Commission operativa

Probabilmente Hollywood conta piú personaggi di origini abruzzesi di qualsiasi altra regione italiana, e in…

29 Novembre 2021

Le nazioni africane respingono amareggiate i nuovi divieti di viaggio

- 1 / 36 pagine. THE NEW YORK TIMES. Le nazioni africane respingono amareggiate i…

29 Novembre 2021

Perle di saggezza – Novembre 2021

Dovete concedermi questa libertà di dedicare le perle di questo mese di novembre alle donne,…

29 Novembre 2021

È stata la mano di Dio

Anni ’80. Alla fermata dell’autobus ci sono molte persone in fila, tra queste la bella…

29 Novembre 2021

Ma non è una cosa seria

Le strade romane (e, temo, anche altre) sono costellate da manifesti di promozione funeraria basati,…

27 Novembre 2021