Stella…

Seduta sulla sabbia, jeans, le mie inseparabili scarpe da ginnastica, canotta bianca, ancora non fa l’effetto voluto, la mia pelle è pallida… niente sole, niente calore, poche emozioni.

Appoggiata ad una barca rovesciata, cerco di cancellare un periodo assurdo.
La barca è di legno, con qualche sverniciatura qua e là, ma si intravede ancora un nome “Stella”.

Chiudo gli occhi.
Le mani poggiano sulla sabbia tiepida, ruvida, stringo i pugni corrucciando la fronte cercando di strizzare via i miei pensieri, i miei dubbi.
Il vento porta l’odore di alghe e di cucina, pesce alla brace credo.
Dovrei mangiare ho fame.

Stella…

Stella chi sei? Cosa hai fatto per farti amare così?
Quali carezze, cose dette, quali sguardi hanno fatto innamorare così quest’uomo.
Ho sempre pensato che poche altre cose eguagliano il romanticismo di un nome di donna, della TUA donna, sullo specchio di poppa di una barca, la tua.
Ci penso, provo a trovare qualcosa di altrettanto dolce, rude e romantico, ma non mi viene in mente niente.

Chissà Stella se sarai ancora la sua stella.
Chissà se ti porgerà ancora la mano per farti salire, chissà quante volte avrete navigato su dolci acque, acque agitate, tempeste, se siete stati bravi ad affrontare le burrasche e a godervi la bonaccia.

Lui ti guarda ancora così?
Tu aspetti il suo rientro ancora con quei battiti di cuore lì?
Cerchi la sua mano quando ti senti insicura? O ormai fai da sola, tutto… Anche l’amore.

Inumidisco le mie labbra e sento il sapore del mare, non so se quello che ho davanti agli occhi o quello che ho dentro.

Mi alzo, scrollo la sabbia dalle mani, mi abbraccio, mi tengo stretta e do un ultimo sguardo al natante, che poi in fondo non contano tutti quei “Chissà” resta bello il pensiero di essere stati amati così, dolcemente… infinitamente ricordata su una barchetta di legno.

Ho fame. Vado a mangiare.

Condividi
Mariagrazia Censi

Sono Mariagrazia, ho 46 anni sono nata nel mese più bello dell'anno (E qui lascio decidere voi, perché tanto ognuno avrà il suo) ho due figlie, Allegra ed Emma, due bassotti, Romeo e Ugo e un ex marito. Credo di essere una persona come tante, vorrei una casa al mare, una in montagna, viaggiare almeno una volta al mese, mangiare senza ingrassare ed essere felice, spudoratamente felice. Ma, come la maggior parte di voi, ho una casa sola, faccio qualche viaggetto ogni tanto, quando mangio ingrasso e sono solo felice, per lo "spudoratamente" ci sto lavorando. Ps da oggi scriverò su questo magnifico giornale nella rubrica che mi è stata affidata, ora, secondo me, o sono stanchi e vogliono chiudere di già questa testata giornalistica oppure, forse, ciò che scriverò potrà strapparvi un sorriso o una riflessione, per me è già un successo. Ah dimenticavo il nome della rubrica è "Che poi, detto tra noi..."

Pubblicato da

Ultimi articoli

Le polemiche passano, i problemi restano

La lunga notte della pandemia sembra ormai alle nostre spalle, ora è necessario un rinnovato…

20 Giugno 2021

La musica è la bacchetta magica della vita

Giuliano Tavaroli, salito alla ribalta delle cronache qualche anno fa in quanto responsabile della sicurezza…

20 Giugno 2021

Agente segreto trovato morto a Parigi

Funzionario di Palazzo Chigi e agente segreto trovato morto a Parigi in un hotel di…

18 Giugno 2021

IGAV presenta: “Intersezioni. Dialoghi di artisti e latitudini”. Sabato 19 l’inaugurazione

E' fissato per sabato 19 giugno alle ore 11:00 il debutto del nuovo allestimento "Intersezioni.…

17 Giugno 2021

Quando ad emigrare eravamo noi

I versi che seguono sono di Crescenzo De Vita, un Cilentano, emigrato in America Latina…

17 Giugno 2021

L’Accademia della Cucina torna “live” a New York con “Taste of Sicily”

L'Accademia della Cucina Italiana é tornata "live" a New York City con una cena a…

17 Giugno 2021