La pecora nera

Torino: Caffè Mulassano

Una sosta al Mulassano consente di fare un tuffo nel passato e rivivere, in parte, le atmosfere dei caffè torinesi di inizio ’900. Il locale è situato sotto i portici di Piazza Castello ed è un gioiello del Liberty, tra specchi, marmi e vetrinette colme di specialità. L’offerta verte prevalentemente su preparazioni salate, anche se non manca un settore pasticceria ben fornito; infatti a colazione e nell’ora del tè è possibile accompagnare le bevande calde con croissant, cannoli, crostate e biscottini tipici locali.

La pausa pranzo è anch’essa resa interessante da un ricco assortimento di tramezzini: è risaputo, infatti, che questi deliziosi panini siano nati qui, intorno al 1926, proposti dai proprietari come reinterpretazione del toast americano. Ovviamente sono disponibili anche in altri momenti della giornata, come ad esempio durante l’aperitivo, quando si può scegliere di accompagnarli con un calice di vino o altre bevande. Le nostre scelte al calice sono state servite correttamente, affiancate da diversi assaggi di salatini tipici piemontesi, canapè, trancetti di mini quiche e olive, a cui abbiamo aggiunto tre tipi di tramezzini: vitello tonnato, brasato, mocetta con toma, tutti molto buoni, con il pane soffice e i sapori ben distinti grazie alla presenza di poca maionese.

Torino: Caffè Mulassano

Caffè Mulassano: ambiente

Incantevole. Gli interni, infatti, sono rimasti originali dell’epoca, con il bancone in marmo dotato di fontanella in bronzo, boiserie in marmo e legno con decorazioni floreali in bronzo. Completano gli arredi ampi specchi e lampadari in cristallo, alcuni tavolini con base tonda in marmo e la cassa anch’essa originale.

Servizio: Sia al banco che ai tavoli il servizio è curato in modo attento da personale in livrea bianca, sempre sorridente e disponibile a consigliare nella scelta.

Voto: 3,5/5

Caffè Mulassano, Piazza Castello, 15 – Torino. Telefono 011 547990

Recensione tratta da “Il Saporario – Torino” de La Pecora Nera Editore.

Condividi
La Pecora Nera

Innanzitutto perché Pecora Nera? Perché vogliamo essere una voce fuori dal coro nel mondo dell’enogastronomia. E’ sotto gli occhi di tutti quello che sta avvenendo con la cucina e il vino da tempo diventati un fenomeno di massa e di costume: gli interessi economici sono cresciuti a dismisura e gli investimenti pubblicitari “guidano” ormai gran parte dei contenuti dell’editoria di settore. Il nostro punto di forza è il non avere conflitti di interesse con i soggetti valutati in modo critico nelle nostre guide, così da poter scrivere nell’interesse unico del lettore. Per scriverci: info@lapecoranera.net

Ultimi articoli

Come costruire un LinkedIn Network efficace in 10 passi

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Richard van der Blom e ci illustra…

7 Dicembre 2022

Nordio presenta le linee guida di riforma della giustizia

Il ministro Nordio ha presentato in commissione al Senato le linee programmatiche della riforma della…

7 Dicembre 2022

Devo scrivere le mie cose private su LinkedIn?

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Emanuela Spernazzati. "Devo scrivere le mie cose…

6 Dicembre 2022

Bankitalia boccia la manovra

Bankitalia boccia la manovra. È contraria ai pagamenti in contanti, alla flat tax e all’abolizione…

6 Dicembre 2022

Il marketing fa tutte queste cose? Veramente qualcosa in più…

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Nemanja Zivkovic e ci mostra un grafico…

5 Dicembre 2022

Il petrolio russo al bando

Il Consiglio dell’Unione europea ha trovato un accordo sul tetto al prezzo del petrolio russo,…

5 Dicembre 2022