Categorie: Network

Vite straordinarie di piloti

“Molte aquile ho visto in volo, ali maestose sfidare il suolo, rapaci solitari incontro al sole, imperiali figure sfrecciare nelle gole, ancora a lungo le vedrò, poi, con loro, io morirò”. Sono i versi di una poesia di Alberto Nassetti, il comandante pilota Alitalia che lui stesso aveva scritto tre anni prima di precipitare nel cielo di Tolosa con un Airbus 330.

È questa la storia che Filippo Nassetti, fratello minore di Alberto, ci racconta nel suo libro insieme ad altre storie di uomini che amano volare e che con il loro amore fanno volare anche noi (quando vogliamo…).

Molte aquile ho visto in volo-Vite straordinarie di piloti”, (Baldini+Castoldi 2021 – € 15,00) è uno scavo familiare, intimo e profondo in cui si mescolano ricostruzione personale e racconto di vite. Come la storia di Francesco Miele, oggi pilota EasyJet, che da giovane perde la gamba destra in un incidente in moto. A salvarlo è una donna che per caso si trova a passare sul luogo dell’incidente. Diventerà sua moglie.  

E tuttavia possiamo dire che non è un libro sul volo e sui piloti, è piuttosto un commovente attestato d’amore e ammirazione per quegli uomini che hanno il volo dentro, quello stare in cielo che dà un senso alla loro vita. Ma il libro di Filippo Nassetti è prima di tutto un modo per riannodare i fili della memoria, un omaggio alle virtù di un fratello tanto amato, Alberto, il primo pilota di linea al mondo tornato a volare dopo essere stato operato di un tumore al cervello. In parallelo c’è la storia di un altro pilota, Pier Francesco Racchetti. Oggi pilota Ryanair, il volo come tradizione di famiglia, e un appuntamento tragico con la morte di suo padre, Pier Paolo Racchetti: anch’esso pilota ma dell’Alitalia come Alberto Nassetti, e che con Nassetti perirà durante quell’esercitazione a Tolosa. Da allora nella flotta dell’Alitalia ci sono aerei dedicati a Nassetti e a Racchetti, nel 2005 decorati alla memoria dal presidente Carlo Azeglio Ciampi con la medaglia d’oro al merito civile.

Il libro è una ricostruzione personale ma anche storica attraverso il racconto di alcuni piloti di linea che hanno vissuto situazioni come quella di Antonino Vivona, ad esempio, uno dei piloti sopravvissuti al tragico crash delle Frecce Tricolori a Ramstein il 28 agosto 1988.

E ancora Dino, Marco e Tullio, gli altri piloti che trovano posto nel libro di Nassetti, uomini che hanno fortemente voluto vivere e lavorare lassù, avendo “il cielo come professione”. Poi, come ogni racconto che riguarda l’uomo e le sue sfide, Molte aquile ho visto in volo è anche un libro sul confine tra vita e morte, sugli incroci del destino. Ma come scrive Gabriele Romagnoli nella prefazione, i racconti di Nassetti ci fanno anche scoprire chi c’è oltre la porticina della cabina del comandante dell’aereo.

Seduto alla scrivania del suo ufficio a Fiumicino, in via Alberto Nassetti, Filippo Nassetti ci ha voluto regalare l’emozione di volare.

Come dice una indimenticabile canzone “nel blu dipinto di blu”.  

Condividi
Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Pubblicato da

Ultimi articoli

Sgominata la nuova Mala del Brenta

Nella notte tra lunedì e martedì i carabinieri hanno arrestato 39 persone accusate di voler…

1 Dicembre 2021

Può il Presidente di un organo di rilievo costituzionale svolgere attività operativa del potere esecutivo dello Stato?

È, oramai, pacifico per gli esperti che studiano le ragioni socioeconomiche e politico-culturali alla base…

1 Dicembre 2021

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante Omicron

Piani divergenti ostacolano la risposta nella lotta alla variante. Un ciclo familiare si ripete. Le…

30 Novembre 2021

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo

La variante Omicron è ormai diffusa in mezzo mondo. Gli scienziati sono preoccupati perché «ha…

30 Novembre 2021

“Non te la prendere”. Una frase che fa rabbrividire

“Non te la prendere” ma si può commentare così una molestia? In diretta una donna,…

30 Novembre 2021

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021