Barcellona: 155 anni della casa degli italiani

Il legame tra Barcellona e gli italiani è di lunga data e molto forte. Nel 1865, cioè prima del riconoscimento del Regno d’Italia da parte dello Stato Spagnolo, cominciarono ad arrivare i primi immigranti italiani nella capitale Catalana, a seguire, un gruppo di industriali illuminati, dette vita alla Società di Beneficienza e Mutuo soccorso, nel 1880 il gruppo potenziò la Società di Beneficienza e fondò la Scuola Gratuita a Barcellona.

La Casa degli ITALIANI che opera da 155 anni e la Scuola Italiana a Barcellona sono quindi legate da sempre…

Nel 1911 fu acquistato, grazie alla generosità e alla filantropia dei soci, un edificio a Pasaje Mendez Vigo in pieno centro, che divenne la sede della scuola.

Negli anni la Colonia italiana a Barcellona aumentò in modo esponenziale e quindi fu acquistato un immobile dove ospitare la materna, le elementari e le medie, la sede di Mendez Vigo mantenne le aule del liceo scientifico e divenne anche la sede della CASA con il suo magnifico salone e la tavernetta, dove, da allora, si sono organizzati centinaia di eventi culturali e mondani, incontri con illustre personalità di passaggio o appositamente invitate, senza mai dimenticare la Mission della CASA, ossia la beneficenza, Borse di Studio per i figli delle famiglie meno abbienti e aiuti specifici a enti e comunità bisognose.

L’annuale cena di Gala che solo il Covid ha fermato o la festa del Panettone sono due dei principali eventi organizzati proprio per raccogliere i fondi da destinare ai vari progetti.

Alla CASA, negli anni, sono passati da Re Vittorio Emanuele terzo con la Regina Margherita, a Pirandello, Ungaretti, Salvatore Quasimodo, Guglielmo Marconi, da Cossiga, Andreotti, Fellini, Pavarotti, Ingrid Bergman, Rita levi di Montalcini, Susanna Agnelli, Giovanni Allevi, insomma il Gota della politica e della cultura…

Leggi anche
Barcellona novembre 2020

Condividi
Paola Lucidi

Paola Lucidi, romana di nascita, barcellonese per scelta. Negli anni ha lavorato nella moda, televisione e come organizzatrice di eventi. Attualmente nel Consiglio di Amministrazione della Casa degli Italiani a Barcellona, nella commissione comunicazione ed eventi e consulente di alcune ONG per le raccolte fondi televisive. Moglie felicemente e doppiamente divorziata e nonna follemente innamorata della nipote.

Ultimi articoli

Gli eventi culturali estivi nell’alta Tuscia

Due giovani operatori culturali, Vaniel Maestosi e Glauco Almonte, hanno presentato la nuova stagione di…

23 Giugno 2021

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan

Gran polemica per l’intervento del Vaticano sul ddl Zan. Oggi Draghi interverrà in Parlamento. In…

23 Giugno 2021

L’Abruzzo torna alla Niaf. Questa volta di sicuro

Di Dom Serafini La National Italian-American Foundation (Niaf) insiste con l'Abruzzo, che torna ad essere…

23 Giugno 2021

Si vede tutto

Nel recente passato “la morte in diretta” fu la frase ad effetto per descrivere i…

23 Giugno 2021

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga

La Suprema Corte decide che agli atleti delle università non può essere negata la paga.  Ammontare…

22 Giugno 2021

Dal Vaticano: “Bloccate la legge Zan”

Il Vaticano ha presentato una «nota verbale» con cui chiede formalmente allo Stato italiano di…

22 Giugno 2021