Categorie: Network

A mio padre dedico la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

In questa giornata speciale io dedico a mio padre, sì ad un uomo la mia eterna gratitudine, mille volte ti ho ringraziato per lettera, con bigliettini, con SMS che partivano da ogni parte del mondo e per 8 anni ogni mattina da Tehran a Napoli, e poi ti ho ringraziato con baci, abbracci e lunghe ed internabili chiacchierate e con appassionate litigate e teatrali armistizi.

A te, papà, dedico il 25 novembre, non lo dedico a grandi donne, ma lo dedico a chi mi ha insegnato che Donna equivaleva ad essere un essere umano speciale. A te che mi hai dato il benvenuto alla vita sorridendomi, nella nostra stagione preferita: l’estate.

Io per esperienza so cosa significa perdere persone care in modo traumatico, io che so che si puo’ morire per amore, che si puo’ credere che le parole, le idee e la passione possono cambiare il mondo.

Io ho per fortuna avuto un padre che mi ha cresciuto senza distinzioni di genere, un padre che non mi ha mai detto “non fare questo o quell’altro perchè sei una bambina, una ragazza, una donna…” Un grande padre che ci ha insegnato ad avere coraggio, a credere nelle nostre capacità, un padre che mi ha insegnato a difendermi da sola, che mi ha protetto con il suo amore e regalandomi autonomia, coscienza e passione.

Lui più di mia madre mi ha insegnato che essere donna non era far parte di una categoria protetta, non ero più debole ma più forte, che la mia forza era essere una persona non un genere. Che fortuna non avere mai un rimprovero per cosa indossavo, per chi frequentavo e per cosa pensavo.

Mai uno sguardo di disapprovazione, mi ha cresciuto rendendomi responsabile delle scelte, degli errori, delle sviste, delle follie, non mi ha mai privato della libertà di sbagliare pur forse sapendo che lo avrei fatto e non mi ha mai detto la frase terribile che ogni tanto ripeto io ai miei figli “te lo avevo detto”.

Mi chiedeva di riflettere, di usare la testa ma poi mi concedeva la possibilità di giocare le mie carte, e con i suoi occhi turchesi come il mare, mi indicava la direzione. Perdersi in quel mare era un sogno, ho così imparato che il genere, la differenza di sesso non esistono, che siamo uguali eppure così meravigliosamente diversi e che le diversità sono ciò che ci rende speciali.

Per combattere la violenza sulle donne, quella subdola, quella non detta, quella degli sguardi, delle mezze frasi, dobbiamo partire dalle famiglie, dall’esempio, dobbiamo stare attenti ai messaggi che diamo ai nostri figli, ai nostri giovani.

Possiamo scendere in piazza, protestare, farci un segno rosso sul viso o firmare petizioni, dobbiamo però partire dalla quotidianità e dobbiamo combattere senza usare per reazione la violenza.

Se ogni 3 giorni avviene un femminicidio, la risposta deve essere forte,  bisogna creare una rete fitta senza buchi capace di solidarietà, di vigilanza attiva, di cultura, di educazione e di rispetto. Mai mollare, mai abbassare la guardia e mai abbassare lo sguardo e temere il buio, testa alta e sguardo fiero perché avere paura ci rende prede.

Madeleine De Puisieux “Tanto più la mano che ci colpisce ci è cara, tanto più sentiamo il colpo”

Condividi
Tiziana Buccico

Tiziana Buccico, napoletana verace, classe 1969, da sempre appassionata di politica, cultura e Medio Oriente. Un passato di uffici stampa tra cui l’Istituto italiano per gli Studi filosofici. Poi giornalista di pagine di cultura e società, come “moscone” per i quotidiani “La Città” e "il Corriere del Mezzogiorno”. Ha lavorato per uffici stampa politici e istituzionali (Regione Lazio e Consiglio Regionale del Lazio), organizzando eventi e campagne elettorali. Pezzi di vita vissuti tra Gottingen, Vienna e Parigi, viaggi avventurosi e curiosi. Per otto anni, sino al 2017, è stata in Iran per seguire marito e famiglia ma occupandosi a tempo pieno della Scuola Italiana “Pietro della Valle” di Teheran, come Vice Presidente . Da allora la passione per i viaggi e le culture diverse è cresciuta e si è anche trasformata in una rubrica Treccani dal titolo “Via della Seta”. Rientrata in Italia si occupa di social, politica, giornalismo ed eventi culturali mantenendo così un filo diretto con quella parte del mondo che le ha cambiato la vita. Social media manager dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive.

Pubblicato da

Ultimi articoli

L’estrema destra globale sente una potenzialità nel tumulto al Campidoglio

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES L'estrema destra globale sente una potenzialità nel tumulto al Campidoglio. Quando i…

25 Gennaio 2021

Cosa fare per il lungomare

di Raffaele Aragona Si è detto tanto sull’effetto delle mareggiate delle scorse settimane, ci si…

25 Gennaio 2021

Santo Domingo: l’italiana Claudia Lepore è stata violentata e uccisa

Rassegna stampa dal 17 al 24 gennaio Claudia Lepore, modenese 59 enne, originaria di Carpi,…

25 Gennaio 2021

L’anima di Facebook

Non è che un contenitore. La sua anima è virtuale eppure palpita ed emoziona come…

25 Gennaio 2021

Bruno Tabacci sta lavorando alla ricerca di senatori “responsabili”

Bruno Tabacci sta lavorando alla ricerca di senatori “responsabili” o “costruttori” o “volenterosi” che allarghino…

25 Gennaio 2021

Si diffondono in tutta la Russia le proteste per Navalny

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 25/01/2021 Come sempre la domenica, il giornale e' fatto…

24 Gennaio 2021