In evidenza

Abietti e indegni, il marcio è arrivato alle ossa!

Cinque parlamentari, seguiti da altri duemila politici (tra sindaci, consiglieri regionali e assessori), avrebbero chiesto all’Inps e ottenuto i bonus da 600 a 1000 euro, previsti dai decreti Cura Italia e Rilancio e riservati a lavoratori autonomi e partite Iva.

La notizia, in sé rovinosa, è stata pubblicata domenica scorsa da la Repubblica e ieri ripresa per ogni dove, senza alcuna smentita. Non importa conoscere i loro nomi, è già una vergogna indicibile sapere che si aggirano tra di noi, sapere che hanno ricevuto i voti di cittadini ignari e li hanno traditi.

Per l’Italia, la comunità dei suoi cittadini, le sue istituzioni, il suo prestigio a livello mondiale è una rovina morale, peggio di un cataclisma naturale, di un attentato, di una pandemia come il covid che si sta vivendo. E’ il marcio che è arrivato alle ossa! La putrefazione che avanza e nessuno avrebbe immaginato fino a questo punto!

Quei personaggi, sosterranno che il loro comportamento non costituisce reato  poiché nessuna norma lo vietava. Ed anzi, reclameranno ad alta voce che era un loro diritto, essendo essi, chi per un titolo chi per un altro, compresi nelle categorie sociali previste dai decreti in questione.

Costoro non hanno infranto il codice penale, hanno calpestato il codice morale e lo hanno fatto in dispregio di una comunità nazionale che sta affrontando con estrema dignità uno dei momenti più difficili della sua storia recente.

Un comportamento abietto, moralmente ripugnante, spregevole, ignobile, turpe, come si definisce in lingua italiana.

Nei tempi andati, un galantuomo che fosse soltanto incorso in un fallimento finanziario si dava il suicidio. Nella prima repubblica, personaggi politici e alti manager di Stato presero quella strada piuttosto di sottostare ad accuse di finanziamento illecito che dovevano essere provate.

Questi no! Non hanno  neppure il coraggio di guardarsi allo specchio e sputarsi in faccia. Sono depravati al punto di piluccare qualche euro in barba alle prebende che le istituzioni  riconoscono loro.

Cinque parlamentari e una pletora di personaggi minori, ma di uguale pessima tempra morale, indegni di stare in Parlamento, di essere sindaci, consiglieri regionali e assessori.

Povera Italia di “dolore ostello” in mano a grassatori di strada. 

Condividi
Gianfranco Salomone

Giornalista - Già Direttore Generale Ministero del Lavoro

Ultimi articoli

Lula e Bolsonaro vanno al ballottaggio

In Brasile Lula e Bolsonaro andranno al ballottaggio. Al primo turno l’ex presidente si è…

3 Ottobre 2022

La Germania si fa un tetto al prezzo del gas per conto suo, Draghi furibondo, l’Europa a pezzi

Il cancelliere tedesco Scholz annuncia un maxi-intervento da 200 miliardi in Germania per affrontare il…

30 Settembre 2022

Satispay diventa un Unicorno!

Il LinkedIn Top Post di oggi 29/09/2022 è di Ivano Asaro e ci fa davvero…

29 Settembre 2022

Scintille Salvini-Meloni

La Meloni ha visto Salvini, che continua a chiedere il ministero dell’Interno. Avanza l’ipotesi di…

29 Settembre 2022

Recovery Fund: 21 miliardi di euro per l’Italia

La Commissione europea ha dato il via libera alla seconda rata del Recovery Fund da…

28 Settembre 2022

La Meloni ha vinto, Pd sotto il 20%, crolla la Lega, Calenda non sfonda

La Meloni ha ottenuto una vittoria storica. Il Pd è sotto il 20%. Crolla la…

26 Settembre 2022