Anche il Conte Dracula era un amante dell’olio d’oliva

Dracula è uno dei romanzi horror più riconosciuti di tutti i tempi. Il suo autore, Bram Stoker, ha basato Dracula sulla figura storica di Vlad Tepes, conosciuto come Vlad “l’Impalatore”. Vlad visse nel XV secolo e fu principe di Valacchia, che oggi insieme alla Moldavia e alla Transilvania costituiscono la Romania. Ha fermato l’avanzata degli ottomani, quindi è conosciuto come un eroe nella sua terra. E’ noto per aver eseguito la pena capitale dell’impalamento.

Il termine ‘Dracul’ significa ‘il figlio di Dracul’ in rumeno. Lui e suo padre appartenevano all’Ordine del Drago. Tutti i membri di quest’ordine indossavano mantelli neri.

Castello di Dracula

Con l’intenzione di possedere un’abitazione in cima ad un precipizio di roccia ripida, Vlad restaurò il castello di Poenari, situato nella parte centrale della Romania. Il castello si trova nella valle del fiume Arges, che attualmente contiene la diga di Vidraru, la più famosa della nazione. Un altro fatto interessante del castello è che aveva anche un piccolo frantoio nei sotterranei della cantina, adiacente alle dispense e molto vicino alla zona delle prigioni, per la quale Vlad aveva un fascino morboso fin dall’infanzia.

Il castello era circondato da olivi delle varietà Tafilah e Aljun, resistenti alle basse temperature della valle montana in cui si trova il castello.

Nel castello, l’olio d’oliva è stato utilizzato per l’illuminazione, unguento e per il cibo.

Forse l’amore di Vlad per l’extra vergine, oltre alle sue caratteristiche organolettiche e sensoriali che placavano i desideri oscuri dell’impalatore, deriva dall’olio usato nella cerimonia di unzione che ricevette quando fu fatto principe e re. Forse era un simbolo di protezione e potere che avrebbe ricevuto.

Alcuni di questi antichi olivi che hanno nutrito molti e soddisfatto i desideri di Dracula si possono vedere oggi intorno alle rovine del castello.

Condividi
Teatro Naturale

“Teatro Naturale” è un magazine settimanale online dedicato al mondo rurale. Presente in rete dal 2003 e nato per dar voce a chi – come chi vive in e di agricoltura – non è adeguatamente rappresentato dagli attuali mezzi di informazione, è diventato nel tempo il punto di riferimento per quanti non solo vogliono essere informati puntualmente sull’attualità agricola, alimentare e ambientale, ma che non disdegnano un invito alla riflessione e alla rinascita di un pensiero rurale libero, scevro da appartenenze e ideologie. Di quanti credono che il mondo rurale non solo debba tutelarsi e proteggersi, ma anche evolversi e che la qualità dei prodotti possa passare attraverso la qualità delle persone. Moondo grazie alla collaborazione con Teatro Naturale ripropone alcuni degli articoli più interessanti pubblicati settimanalmente.

Ultimi articoli

Continuano gli attacchi hacker alla Regione Lazio

"Questa notte i sistemi informativi della Regione Lazio hanno subito e respinto l'ennesimo attacco, resta…

3 Agosto 2021

“Non odiare” vince l’Arco d’Oro di Est Film Festival 2021, a “Il caso Braibanti” va l’Arco d’Argento

Mauro Mancini si aggiudica il premio Creval per il miglior Lungometraggio, Carmen Giardina e Massimiliano…

3 Agosto 2021

Cena sul caliscendi con menu “tutto non comprato”

Di Dom Serafini I "caliscendi" sono nove e sparsi lungo il chilometro (circa) del Molo…

3 Agosto 2021

Happy Holidays

Le pubblicazioni della rubrica riprenderanno il 20 settembre. Auguro a tutti di trascorrere buone vacanze!…

2 Agosto 2021

Netflix: le serie sull’invecchiare sorridendo!!

di Tiziana Buccico Finalmente tra le tante angosce e i tanti mutamenti che questa emergenza…

2 Agosto 2021

Georges Perec cruciverbista, anzi, enigmista

Lo scrittore francese Georges Perec fu un abile e prolifico autore, non soltanto di romanzi;…

31 Luglio 2021