Network

Capire il male: la predittività del comportamento violento

Zooantropologia della devianza e maltrattamento

E’ difficile comprendere il male, ancor più arduo cercare di darne una spiegazione.

Ma la scienza umana, la criminologia in particolare, hanno fatto passi da giganti, individuando quegli aspetti del comportamento che possono essere scrutati quali indici predittivi di future condotte violente.

Fra questi spicca la violenza sugli animali, reato aberrante già di per sé, ma altresì indice premonitore di una quasi certa escalation di violenza che, nel futuro, si rivolgerà verso essere umani.

Un fenomeno questo ancora poco percepito, che va sotto il nome di link e che ha trovato negli Stati Uniti, a partire dal secolo scorso, terreno fertile con studi, osservazione scientifica e politica criminale ad hoc.

Del resto a confermarlo è la stessa Triade di MacDonald elaborata nel 1963, nota anche come triade dell’assassino, che annovera, unitamente alla piromania e all’enuresi notturna, lo zoosadismo (ovvero la crudeltà sugli animali), quale indice per l’individuazione in chiave predittiva di una personalità criminale.

Non è allora un caso che in numerose biografie di serial killers, si rinvengono vissuti problematici, di frustrazione, rabbia, solitudine familiare inizialmente sfociata con violenza su animali.

Da Ted Bundy, al cannibale di Milwake, solo per citarne alcuni tra i più feroci, si rinviene quel particolare disturbo psichico, noto come zoosadismo, che spinge l’uomo a trovare piacere nell’infliggere ed osservare sofferenza o morte ad un animale.

In Italia il link, quale fenomeno criminologico, è giunto con notevole ritardo. La prima indagine che risale al 2015-2016, è stata condotta con metodo introspettivo sulla popolazione carceraria, chiedendo anonimamente se i carcerati in passato avessero agito o assistito ad episodi di violenza.

I risultati tristemente strabilianti, hanno confermato che il 61% dei detenuti aveva in adolescenza maltrattato o ucciso un animale e che l’89% aveva quantomeno assistito ad un maltrattamento.

Ma perché gli animali diventano le prime vittime sulle quali, i futuri serial killers, scagliano la propria violenza?

Prima di tutto perché l’animale è, di norma, una vittima controllabile, sulla quale è quindi più agevole trasferire la frustrazione provata dal cannibale; le dimensioni spesso ridotte dell’animale, poi, inducono l’offender a ritenere con elevata certezza che riuscirà a portare a termine il suo piano. Infine, l’animale si presenta come un ottimo “allenamento” per la preda futura, quella umana, individuata normalmente in soggetti deboli o emarginati, sui quali il criminale trasferirà il background appreso.

Questo ci fa comprendere come un intervento preventivo è l’unica chiave di volta nella lotta non solo alla violenza animale, ma alla violenza in genere.

Moltissimi dei reati che ancora oggi vengono perpetrati in danno di soggetti particolarmente deboli o discriminati, come donne, bambini, prostitute ecc., potrebbero essere prevenuti se solo si adottassero politiche di intercettazione degli indici di predizione già durante la preadolescenza, attraverso campagne di informazione e sensibilizzazione che insegnino il rispetto e l’accoglimento della diversità.

Condividi
Patrizia Giusti

Patrizia Giusti, Avvocato del Foro di Roma e Criminologa. Ha conseguito il Master in Scienze Investigative, Criminologia, Security & Intelligence, con la votazione di 110 e lode presso l’Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito il Diploma in Cyber Security, Policy, Regulatory and Technical Aspects presso l’Università telematica S. Raffaele di Roma, con la votazione 100/100. E’ consulente penale di impresa per la responsabilità amministrativa degli enti ex d. lgs. 231/2001 e svolge attività di Organismo di Vigilanza. E’ D.P.O. - Data Protection Officer, iscritta al Collegio Italiano Privacy. Ha conseguito il Master di I livello per l’insegnamento delle materie giuridico-economiche negli istituti secondari di II secondo grado. Ha all’attività diverse pubblicazioni in tema di pericolosità sociale, produttività del reato e intelligenza artificiale.

Ultimi articoli

Meloni, Salvini e Berlusconi riempiono piazza del Popolo

La Meloni, Salvini e Berlusconi riempiono piazza del Popolo, a Roma, per la chiusura della…

23 Settembre 2022

È scattata la fuga dalla Russia

Putin ha annunciato la mobilitazione parziale di 300 mila soldati: «Useremo ogni mezzo per proteggerci.…

22 Settembre 2022

Alla scoperta dell’Italia in auto, gli itinerari in viaggio con la 4 ruote, interessante la scelta del noleggio

Da viversi intensamente in coppia, con amici o famigliari, il viaggio in auto è un’occasione…

21 Settembre 2022

Nel Donbass, a Kherson e Zaporižžja si terranno i referendum per l’annessione alla Russia

Da dopodomani fino al 27 settembre nel Donbass, a Kherson e Zaporižžja si terranno i…

21 Settembre 2022

Sul voto di domenica incombe il ricorso di Marco Cappato

Sul voto di domenica incombe il ricorso di Marco Cappato, che chiede di riammettere la…

20 Settembre 2022

Vogliamo, ma se lo troviamo a meno…

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/09/2022 è di Massimo Chiriatti e ci deve far…

19 Settembre 2022