Lettera da Milano

Come siamo

Siamo cambiati, siamo come in cerca di leggerezza e di normalità. I tempi sono più lenti, si fa fatica a riprendere ciò che si era lasciato prima della famosa clausura forzata (sono stufa di chiamarlo lockdown).

A volte pensiamo sia passata, ma a volte la paura ci assale improvvisa e se non finisse questa pandemia? A volte incolpiamo qualcuno, ci serve per darcene una ragione, smettiamo di ascoltare dati e virologhi per sopravvivere senza ansia, ma poi riaccendiamo per sapere le ultime notizie.

Si è fatto tanto per unire l’Italia, poi basta un dato per creare scompiglio o rivalità se non addirittura confino. Frasi come: “I lombardi dovrebbero stare in Lombardia quest’estate” o “In fondo adesso saranno meno spocchiosi…”. Diciamo che a soffrire siamo tutti e senza confini di regione o di stato, che se il nord si ferma anche il sud ne risente e che al centro dove le cose si decidono e si smistano, a volte neanche loro sono impeccabili nell’agire.

Tutti stiamo cercando di vivere ed è questo che ci accomuna, c’è però data un’opportunità enorme di cambiare in meglio, in primis essere più onesti, gentili, altruisti, preservare il pianeta, non macellare e mangiare animali maltrattati e avariati; cambiare nelle tecnologie non solo per vederci in zoom a distanza, ma per preservare l’aria che si era pulita e ne abbiamo viste le immagini, così i mari e gli oceani, nel nostro piccolo, pure i navigli a Milano, sono ricomparsi i cigni.

Marina Perzy

Siamo cambiati e smarriti, poco sorridenti, giusto i giovani si scatenano alla libertà ritrovata, ma vecchie abitudini rimangono: truffe, delinquenza, ingiustizie, superficialità, dibattiti inconcludenti, notizie per fare notizia, mascherine e guanti gettati sulle strade, clacson che irrompe in quel silenzio incantato e surreale che abbiamo vissuto per mesi, interrotto solo da qualche suonata sui tetti e dai balconi.

Tutti al mare? No, non credo sarà così facile quest’estate, magari per chi ha la famosa seconda casa. Oltre all’insonnia, ora facciamo i conti anche con la sindrome della capanna. Resta il fatto, che sta a noi decidere che fare, siamo solo noi i responsabili del nostro destino, alla fine, nessuno di esterno può darci la soluzione forse neanche un vaccino, ascoltiamoci di più ricordando il senso della vita e non l’avidità del vivere.

Condividi
Marina Perzy

Nasco a Milano ma Roma è la mia seconda città adottiva. Il mio grande amore resta la recitazione… ma è il talento per la conduzione che ho più sperimentato e mi ha fatto conoscere, sia tv che radio. Cresciuta con la scuola dei Grandi conduttori, attori, autori, registi. Amo scrivere, ho due libri in attivo e collaborazioni come giornalista con i principali media Tv e network radio. Ho portato format innovativi e intrattenimento ad un pubblico multi-canale, trasversale. Professionalmente inizio nel ’79 con un provino Rai negli studi Fiera 1 di Milano con Pippo Baudo che cercava comici per il suo sabato sera Secondo Voi. Tanti i talenti che spiccarono il volo da quel provino! Beppe Grillo, Tullio Solenghi, Fioretta Mari e altri. Io vengo scelta per condurre, insieme al mitico Corrado, Domenica In. Per molti anni la Rai è la mia ‘casa’ lavorativa. L’esordio è con Enzo Tortora in Portobello ma è con Corrado che farò i programmi della Rai più importanti di quel periodo: Domenica In, Fantastico 3 con Raffaella Carrà, Gigi Sabani e Renato Zero; Gran Canal è lo show serale che mi vede nel ruolo di attrice in una compagnia teatrale insieme a Tullio Solenghi e Anna Mazzamauro in diretta tv. Ho condotto il primo FestivalBar di Canale 5 con Claudio Cecchetto, in altre edizioni parteciperò anche come cantante. Negli anni alterno la conduzione al Teatro e tanti programmi Rai fra i quali la celebre Domenica Sportiva, ma anche Uno Mattina, Italia & Estero, Detto tra noi, fino al più recente Trattative Riservate in onda per più stagioni sulla piattaforma Sky per Leonardo. La mia prerogativa è sperimentare nuovi format, mettermi in gioco, perchè amo sentirmi viva. Credo ed ho coscienza dei miei limiti ma so di aver sempre fatto buona televisione e radio, fiction, spettacoli, intrattenimento. Continuerò con l’ecletticità che mi contraddistingue a cercare sempre forme d’arte e di comunicazione che diano sfogo alla mia creatività, curiosità, che mi accompagnano da sempre insieme alla grande passione per il lavoro che ho da tutta una vita.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022