Categorie: Network

Dallas-Giulianova: un’odissea di 36 ore

Vademecum per aspiranti viaggiatori

Partire da Dallas, in Texas per arrivare a Giulianova a fine giugno non è facile nei periodi normali, figuriamoci nel mezzo di una pandemia globale. Ma è ciò che ha fatto Andrea Banfi per tornare nella sua residenza abruzzese, dopo una visita a Plano, un paese a 40 km a nord di Dallas. Di solito, Andrea e sua moglie Tagrid passano i mesi invernali a Las Vegas, ospiti della sorella di Tagrid, ma a maggio si erano recati in Texas in occasione della nascita della nipotina Viktoria, la bimba del loro figlio Luca (i Banfi hanno un altro figlio, Paolo, che vive a New York City). 

Voli diretti Dallas-Fiumicino non ce ne sono mai stati, pertanto una coincidenza per arrivare a Roma è normale, ma questa volta di coincidenze ce ne sono volute tre: la prima per Chicago, la seconda per Zurigo e la terza per Roma. La tratta Dallas-Chicago con United Airlines ha richiesto due ore, con un’attesa di sei ore per imbarcarsi per il volo Chicago-Zurigo con Swissair. Il volo per Zurigo è stato di otto ore, poi un’attesa di sette ore per imbarcarsi per Fiumicino con Swissair e arrivare dopo 90 minuti di volo. Sulla tratta Chicago-Zurigo hanno servito cena, colazione e bevande.

Andrea Banfi all’aeroporto di Zurigo

“Seppur gli aeroporti [con un ridotto numero di partenze ed arrivi] fossero vuoti ed i negozi chiusi, tutti i nostri voli erano pieni”, ha osservato Andrea. “Una volta atterrati a Fiumicino non ci hanno richiesto l’autocertificazione (il documento per poterci rintracciare, che si può scaricare o riempire sul posto), ma c’era una grande locandina al nastro per la consegna del bagaglio che richiedeva ai passeggeri provenienti dai paesi non U.E. di presentarsi in polizia per compilarla”. Avendo viaggiato con passaporti italiani (viaggiatori con passaporti Usa vengono per la maggior parte bloccati) ed essendo arrivati da un paese europeo “la polizia era sorpresa di vederci, ma la quarantena va rispettata, altrimenti ci sono sanzioni penali”, ha spiegato.

Seppur ogni regione possa derogare sulla quarantena, in Abruzzo deve essere rispettata (almeno secondo la Asl, il servizio sanitario) con l’obbligo di misurarsi la temperatura due volte al giorno “ed in settimana ci faranno i tamponi. Poi, per rifornirci di generi alimentari, il Comune offre un servizio di consegne a domicilio”. 

Per quando riguarda le procedure d’imbarco e sbarco “erano tutte nel rispetto delle norme, inoltre in aereo tutti indossavano le mascherine, ma ai controlli di sicurezza non si è rispettato il distanziamento sociale e non ci sono stati controlli sanitari.” A Fiumicino è installato uno scanner fisso per il rilevamento della temperatura e vi è un servizio di sanificazione dei bagagli, inoltre erano aperti i bar e i duty-free dove poter acquistare bevande e panini. 

Per raggiungere Giulianova Andrea ha noleggiato un’auto all’aeroporto (i viaggiatori extra U.E. non possono salire sui mezzi pubblici) arrivando a casa alle 18:30, dopo 36 ore di viaggio porta-a-porta e otto ore di fuso orario.

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Ultimi articoli

Via larga, vicolo stretto…

Tra le facoltà a disposizione dei sindaci c’è anche quella di intestare le vie a…

19 Settembre 2021

Ma stavolta voto!

Da diversi anni a questa parte entro nella cabina elettorale e scrivo, in grande, “Viva…

18 Settembre 2021

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l’Australia disturba la Francia

Il patto di difesa degli Stati Uniti con l'Australia disturba la Francia. Dissidio sulla politica con…

17 Settembre 2021

Ville vesuviane. Non solo il miglio d’oro

Quando si dice ville vesuviane il pensiero, giustamente, corre subito a quel lungo tratto di…

17 Settembre 2021

Guidonia Montecelio: esempio dei danni provocati dallo scontro tra Comune e Regione sulla gestione rifiuti di Roma

di Carmine Laurenzano Una situazione critica che riguarda il territorio di Guidonia Montecelio e non…

17 Settembre 2021

Utilizzare più etica e includere persone formate in filosofia per trattare i temi dell’intelligenza artificiale

Nel mondo dell'industria, il crescente sviluppo di nuove tecnologie come la robotica, l'intelligenza artificiale (AI)…

17 Settembre 2021