New York: Donald Trump potrebbe veramente essere una talpa russa?

Durante una conferenza stampa alla Casa Bianca dello scorso settembre il presidente americano Donald Trump, con il suo caratteristico aplomb, aveva dichiarato: “Dobbiamo voler sbarazzarci delle schede elettorali … e avreste un migliore … avremo un tranquillissimo … non ci sarà un trasferimento, francamente. Ci sarà una continuazione”. (“We’ll want to have… get rid of the ballots and you’ll have a very… we’ll have a very peaceful… there won’t be a transfer, frankly. There’ll be a continuation.”)

È così che Craig Unger, 71-enne giornalista e autore americano, inizia il suo nuovo libro “American Kompromat”. Unger è stato direttore del “Boston Magazine” e autore di sei libri, tra cui “House of Bush”. 

Subito dopo l’incipit l’autore passa al punto cardinale del suo libro (352 pagine, pubblicato da Dutton-Penguin), che é la domanda: “Potrebbe Donald Trump essere veramente una talpa [“asset” in gergo] russa?” Ecco le risposte che Unger propone: “In un editoriale del ‘New York Times’, scritto tre mesi prima delle elezioni del 2016, l’ex direttore della Central Intelligence Agency [CIA], Michael Morell, ha risposto alla domanda in questo modo: ‘Nel settore dell’intelligence, diremmo che [Vladimir] Putin ha reclutato un inconsapevole Trump come agente della Russia'”. Il motivo? Una montagna di soldi in contanti che i russi avrebbero dato a Trump per i suoi vari progetti immobiliari per molti anni.

Unger poi continua: “Nel gennaio del 2017, poco prima dell’insediamento di Trump [alla Casa Bianca], Michael Hayden, l’ex capo sia della CIA che della National Security Agency, ha definito Trump ‘un chiaro e costante pericolo’ per la sicurezza nazionale americana e un ‘utile idiota’ “. “Utile idiota” è un’ espressione attribuita a Vladimir Lenin (ma che si é diffusa nel 1948 nella politica italiana per descrivere i simpatizzanti comunisti) per definire gli ingenui che erano particolarmente suscettibili alla manipolazione della propaganda comunista. 

Secondo Unger: “Nel dicembre 2017, l’ex direttore dell’intelligence nazionale, James Clapper, ha affermato che Trump era, in effetti, una ‘risorsa’ al servizio del presidente russo Vladimir Putin. E nel 2019, l’ex direttore della CIA, John Brennan ha dichiarato che Trump sarebbe ‘completamente nelle mani di Putin’, e durante il programma domenicale della rete Nbc-Tv ‘Meet the Press’ ha definito ‘infido’ il comportamento di Trump”. 

Unger scrive anche che “alla fine degli anni ’60, [l’intelligence americana era] preoccupata per quello che [era] definito il ‘Monster Plot'”. “The Monster Plot”, spiega Unger, “era una teoria propagata da James Jesus Angleton, capo del controspionaggio della CIA dal 1954 al 1975, che era diventato famoso per la sua ossessiva ricerca di conferma del fatto che i sovietici avessero un asset ai vertici della CIA o nella comunità dell’intelligence americana, e che sarebbero riusciti a posizionare qualcuno ai massimi livelli del ramo esecutivo”. Se “American Kompromat” si rivelasse accurato, il piano russo avrebbe avuto successo con il collocamento di Trump alla Casa Bianca per ben quattro anni.

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Pubblicato da
Tag: trump

Ultimi articoli

Salvini nega la sconfitta

In prima pagina • La polizia ha sgomberato il porto di Trieste occupato dai manifestanti…

19 Ottobre 2021

Buon compleanno, PCI!

Soltanto oggi, a inizio ottobre, mi accorgo che il Partito Comunista Italiano ha compiuto 100…

19 Ottobre 2021

Esiste un futuro per Alitalia?

Consapevole che il futuro per Alitalia / Ita Airways è molto importante e complesso per…

19 Ottobre 2021

I portuali di Trieste sono spaccati e indecisi

I portuali di Trieste sono spaccati e indecisi, non sanno se continuare la protesta contro…

18 Ottobre 2021

Le infezioni da Covid 19 scendono del 40%

Aumentano le speranze mentre la brutale impennata comincia a diminuire. Le infezioni da Covid 19 scendono…

15 Ottobre 2021

Massimo D’Azeglio ed il partito dei moderati

Massimo D'Azeglio, futuro Presidente del Consiglio dei Ministri, arrivò tardi alla vita politica. Fuori da…

15 Ottobre 2021