32 Maggio

Ebbene si, hai scelto il Viale più difficile. Viale della Politica.

Ne parleremo per qualche numero di questa rubrica. 
Ti avviso subito, stiamo entrando in un territorio impervio. 
Abbandona qualsiasi tentativo di capire per chi ho votato l’ultima volta che abbiamo votato o se sono a favore o contro di qualche alfiere della attuale politica italiana perchè non ci riuscirai.

In realtà il cancro della nostra politica è proprio questo: il fazionismo. 
Siamo caduti nella trappola dei più grandi marketer del mondo. 
Siamo diventati il banale, e anche abbastanza scialbo, risultato del “Divide et impera” dei nostri antichi romani. 
Cosa accomuna marketer, politici e impero romano? La ricerca costante di un nemico, un nemico che a volte non esiste e viene inventato ad hoc per farci credere che la battaglia in cui dovremmo credere è giusta. Un nemico che viene dipinto come “diverso” da noi. 

“Diversi, diversi ovunque, fate attenzione!” gridano gli alfieri della politica attuale. 
C’è un diverso per ogni gusto: diversi per il colore della pelle, diversi per le ideologie politiche/religiose/culturali, diversi per classe sociale, diversi per orientamento sessuale, diversi per gli interessi che difendono, diversi per i crimini che hanno commesso più o meno velatamente. 

E qui entra in campo la più grande magia della nostra attuale politica: se siamo riusciti a credere alla menzogna che il diverso va combattuto ed è un nemico pericoloso, questo comporta, intrinsicamente, che noi del nemico “diverso” dobbiamo avere paura; e se ho paura, ho bisogno di qualcuno che sia il mio paladino, il mio supereroe che mi aiuti a combatterlo e sconfiggerlo.

Non fare l’errore di pensare che io sia un complottista, un credente in un qualche sistema d’ordine superiore che ci vuole tutti schiavi. Sto parlando di banali e ormai conosciuti meccanismi di psicologia umana.

La narrativa del diverso è il cancro della nostra politica. Non perchè non funzioni, ma perchè è il pilastro portante di una politica d’interesse e non comunitaria o liberale (nel vero senso del termine).

Una politica d’interesse non è mai giusta, non è mai in ascolto di quello che ci succede ma è tesa a quello che vuole realizzare per suo tornaconto. 

E sai qual è l’aspetto più desolante del Viale della Politica in cui sei entrato? Che ciò che ha permesso al cancro di nascere e crescere in maniera cosi preponderante è la nostra decandenza morale e culturale. Ci siamo fatti appiattire dalla tecnologia, dalla tekne, dall’innovazione. Abbiamo ceduto il passo ad uno strapotere di quello che facciamo rispetto a quello che siamo. Dietro un “diverso” c’è una persona. Un essere umano. Ce lo ricordiamo?

No, ci siamo cosi tanto divisi e intimoriti che le persone, ormai deluse, disilluse, stanche di prese in giro, non ci vogliono più vivere nel Viale della Politica, non gliene importa nulla, si sono abituati a fregarsene di quello che succede li perchè sanno che non riguarda veramente la res pubblica, “la cosa comune”. Riguarda il potere, l’interesse. Ma il potere non potrà mai essere il fine di una politica retta ma solo il mezzo. 

E allora andatelo a spiegare voi a Platone quando per primo definì il concetto di Repubblica, ad Aristotele quando descrisse l’importanza dell’etica e della giustizia in un sistema politico, a Polibio e la sua forma di governo mista. Andateci voi a spiegare loro che noi siamo qui con questo Viale della Politica desolato e ormai senza alcun tipo di fine comune o etico. 

Perchè sinceramente, il fine della nostra politica attuale qual è?

Ci incontreremo qui, ogni lunedi, caro/a Guerriero/a, a raccontarci di come, il mondo che stiamo vivendo, non è una questione d’età. Ma di quale impatto vogliamo dargli.

Stop Whining, Start Playing.

Condividi
Alessandro Sandionigi

Classe ‘89, nato a Milano, cresciuto con un sano atteggiamento rivoluzionario tipico di quell’anno e della generazione dei Millennials. È appassionato di Giochi di Ruolo e Supereroi. A 21 anni faceva il venditore porta-a-porta. A 24 anni faceva il formatore di reti vendita. A 27 dirigeva un migliaio di commerciali in una multinazionale americana. Negli ultimi tre anni ha lavorato come Consulente Strategico di imprenditori e professionisti creando start up innovative riconosciute anche a livello internazionale. Oggi è Co-Founder di Generation Warriors, società attiva nella creazione di percorsi di comunicazione e formazione intergenerazionale per agevolare l’inclusione tra generazioni.

Pubblicato da
Tag: politica

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022