Categorie: In evidenza

Gigi Proietti un testimone del nostro tempo

Non si può perdere l’occasione di un nuovo incontro con Gigi Proietti e passare con lui qualche ora a leggere e rileggere il suo romanzo incompiuto ‘NDO COJO COJO, ventisei pagine di puro divertimento, più altre duecento di sonetti e sberleffi, il tutto curato da Sagitta Alter, la meravigliosa donna che con lui ha messo al mondo un’altra opera straordinaria, Carlotta e Susanna, le due giovanissime Proietti, l’una attrice l’altra scenografa, che le hanno dato una mano a rovistare nei cassetti di Gigi, abituato a scrivere ovunque e su qualsiasi supporto cartaceo: “Ho sempre pensato che chi cerca di fatte ride e ci riesce sempre, c’ha un dono del Padreterno. E se non lo sfrutta commette peccato” scrive Proietti narrando le vicende del protagonista del suo romanzo, Er Ciofeca, e sembra una riflessione su se stesso e sul mestiere di attore. Così come la storia tragicomica di un barista che si innamora della cassiera del suo negozio e che per amore di lei diventa uno spacciatore è un ritratto di quella società che vive nella periferia della Capitale. Il tutto in un rigoroso dialetto romanesco: “Mi accusano di indulgere troppo al mio dialetto, non è vero! E’ che io non vojo parlà italiano, ma si vorei!! Il dialetto ha sintesi, è più sintetico della lingua italiana, ad esempio: Mi scusi potrebbe gentilmente spostarsi a ciò che io possa vedere meglio? Diventa: Ah co’le”n po’!”

Ma il capitolo in cui dietro la scrittura si può scoprire l’anima di Gigi Proietti si intitola “Teatraccio”. Improvvisamente, dopo cento pagine di dialetto romanesco, Gigi, per parlare del suo grande amore, il teatro, scrive in italiano: “Il teatro è una festa. Festivo se gli va, festaiolo quando occorre, ma è conciato per le feste”.

Ha la forma di una confessione: “Io quando provo sono una specie di maniaco”. Il difficile mestiere dell’attore, i ritmi della recitazione, il copione giusto da trovare, le strutture produttive del teatro, i giudizi del pubblico e i pregiudizi della critica, insomma “il teatro è come una bomba ad orologeria”. E da qui prende il via la serie di ricordi, da quando giovanissimo recitava testi di avanguardia alla scoperta del teatro popolare con il successo di “Alleluja brava gente” di Garinei e Giovannini al Sistina e l’incontro con uno dei suoi più grandi amici, Gigi Magni. Un sodalizio che regala ad ambedue successi e popolarità, un lungo tratto di strada fra cinema e teatro, fino all’approdo nell’età matura “evidente che nessuno attore nasce dal nulla” in cui scopre le sue radici: “Petrolini da lontano mi ha insegnato che il teatro non può confondersi con la letteratura, sono cose addirittura opposte”. Rinasce così un teatro in cui il progetto è l’attore stesso.

Si apre il capitolo dei ricordi e torna il dialetto di Roma: ancora un omaggio al teatro, e poi al teatro tenda e la serie dei “protagonisti” della sua vita da Gigi Magni ad Alberto Sordi, da Paolo Panelli a Totò, da Nicola Piovani al maresciallo Rocca. E poi il gran finale con il suo Teatro Brancaccio e il sogno che si realizza “il Globbe è veramente bello, è di legno come noi”.

Da un cassetto o in un quaderno Sagitta, nella sua caccia al tesoro, trova un breve testo, un appunto. Non è una poesia e nemmeno un sonetto. E non è uno sberleffo fuori da ogni regola, più semplicemente è la testimonianza di un grande autore del nostro tempo: c’è il lockdown, siamo chiusi nelle nostre case, ci difendiamo dagli altri con la mascherina e lui, come un vecchio caro amico, ci dice che la felicità appartiene ai ricordi o alla speranza per il futuro. “Il presente è di passaggio”.

Grazie Sagitta.

Condividi
Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Pubblicato da

Ultimi articoli

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021

Perché l’Abruzzo é senza una Film Commission operativa

Probabilmente Hollywood conta piú personaggi di origini abruzzesi di qualsiasi altra regione italiana, e in…

29 Novembre 2021

Le nazioni africane respingono amareggiate i nuovi divieti di viaggio

- 1 / 36 pagine. THE NEW YORK TIMES. Le nazioni africane respingono amareggiate i…

29 Novembre 2021

Perle di saggezza – Novembre 2021

Dovete concedermi questa libertà di dedicare le perle di questo mese di novembre alle donne,…

29 Novembre 2021

È stata la mano di Dio

Anni ’80. Alla fermata dell’autobus ci sono molte persone in fila, tra queste la bella…

29 Novembre 2021

Ma non è una cosa seria

Le strade romane (e, temo, anche altre) sono costellate da manifesti di promozione funeraria basati,…

27 Novembre 2021