Hands. Face. Space. – Lavarsi bene le mani. Coprire il volto. Dare Spazio al prossimo.

Hands. Face. Space.
Mani. Volto. Spazio.
Lavarsi bene le mani. Coprire il volto. Dare Spazio al prossimo.

Londra sotto attacco risponde con temi di guerra ripetuti costantemente su tutti i media: radio, televisione, internet. Noi la chiameremmo pubblicità progresso, qui prende quasi la forma dei messaggi continui e ripetuti di una Radio Londra oramai accantonata nel dimenticatoio della memoria.

Nessuno capisce bene perché, ma l’intera Inghilterra è oggi l’epicentro di una seconda ondata. Due intere città e parte del paese sono in lockdown completo.

Londra si appresta a chiudere pub e ristoranti alle 22 a partire da questa settimana. Spettacoli ancora cancellati, cinema che non si sa, concerti non se ne parla praticamente più. Un bollettino di guerra.

Non sapendo come far stare le persone a casa, e non pensando proprio a un lockdown “stile Italia”, Boris Johnson vara nuove misure creative per convincere i cittadini riluttanti: multe salatissime per chi esce non rispettando le quarantene già in vigore ma anche un salario di 500 sterline per stare chiusi in casa. Questo non impedisce a un nutrito gruppo di negazionisti di protestare, oramai quasi quotidianamente, contro le imposizioni, le mascherine e tutte le forme di chiusura.

Ripartono gli acquisti sotto panico nei supermercati, svuotati nuovamente di tutti i generi di prima necessità e… della carta igienica. Scene già viste, panici già provati.

La novità è nel dibattito. Oggi ci si interroga se non avessero ragione gli svedesi a tenere tutto aperto, restando a casa a seconda della responsabilità personale delle persone ma inseguendo quell’immunità di gregge, la herd immunity, che Boris Johnson tanto spingeva agli inizi della pandemia. Guardando i numeri, insieme all’Italia sembrano l’unico paese che per ora resiste meglio a un rialzo veloce ed improvviso dei casi di Covid 19.

Boris Johnson sembra confuso, indebolito. Anche nel fisico. Si dice non si sia mai ripreso pienamente dalla malattia, si dice che ci abbia sofferto così tanto, sino alla rianimazione, non possa essere giudice imparziale di una situazione così complicata.

Questa sera Boris terrà un ulteriore discorso alla nazione. In città c’è nervosismo, impazienza e devo dire anche un po’ di paura. Manca la spensieratezza della Londra che vuole divertirsi, che vuole andare avanti nonostante tutto. Anche il fatto che il nemico sia invisibile non aiuta a compattarsi come in tempo di guerra.

Insomma, tanto caos sotto il sole. Come se la prima ondata non avesse insegnato nulla, nemmeno nel regno dell’ordine e delle regole. E con tanta tanta paura che questa nuova recrudescenza possa colpire l’economia una volta per tutte.

Si prospetta una Londra anni pre-Thatcher? Tanto Stato, tanta povertà, tanta crisi?

Condividi
Carlo Arturo Garuzzo

Carlo è fondatore e Presidente del Gruppo Energetico flyRen Energy Group, multinazionale tascabile dedita allo sviluppo, investimento e asset management nel campo delle energie rinnovabili. www.flyren.eu flyRen sviluppa, investe e fornisce consulenze a diverse Utilities italiane e straniere e a fondi Istituzionali che operano nel settore fotovoltaico. flyRen è attiva in Italia, Moldavia, Turchia e Regno Unito. Carlo Garuzzo ha un BA (Hins) in Studi Internazionali di Business conseguito alla European Business School in London ed ha conseguito presso la London Business School, il Corporate Finance Modular Program and Financial Seminar for Senior Managers. Dal 2019 è Console Onorario per la Repubblica di Moldavia per Torino e Piemonte, e si fregia di essere il Presidente del Club Torino of London, club che riunisce le imprenditorialità e professioni torinesi che vivono a Londra. Carlo è un socio del Club degli Investitori dedito a supportare start up Italiane ed è un mentor per giovani imprenditori in Techitalia Lab a Londra. Sposato, due figli, Carlo divide la sua vita fra Londra e Torino e parla correntemente Italiano, Francese e Inglese, con conoscenze avanzate di Spagnolo e Tedesco. Carlo, insieme ai suoi genitori Rosalba e Giorgio, sono mecenati che hanno creato oramai quindici anni fa l’organizzazione senza scopo di lucro “Istituto Garuzzo per le Arti Visive” (IGAV) www.igav-art.org , attivo in tutto il mondo per supportare i giovani artisti contemporanei Italiani.

Ultimi articoli

La strada dei sogni: la cattura del valore per realizzare opere pubbliche

Il prossimo 26 maggio sarà presentato a Roma il bel libro dell’architetto Fabrizio Romozzi “La…

14 Maggio 2021

Puro autolesionismo

In politica i fatti raramente corrispondono alle parole (come in tante altre professioni).Ma la politica…

14 Maggio 2021

Su Gaza piove un diluvio di fuoco

Su Gaza piove un diluvio di fuoco. Gli israeliani stanno bombardano le postazioni di Hamas…

14 Maggio 2021

Meno di 30 giorni al congresso “Future respect, imprese sostenibili pratiche a confronto”

La cultura della Sostenibilità deve affermarsi; per farlo occorrono meno slogan e parole di circostanza,…

14 Maggio 2021

Folla per le strade mentre Israele e Gaza sono bombardate

Folla per le strade mentre Israele e Gaza sono bombardate. Due fotografie con queste didascalie:…

13 Maggio 2021

La sicurezza ambientale, sanitaria ed alimentare e la lotta alle ecomafie

Il Corretto ciclo di recupero dei rifiuti e loro possibile seconda vita, ripercussioni sulla sicurezza…

13 Maggio 2021