Categorie: In evidenza

I pro e contro di un disastro annunciato: gli Oscar

Il fallimento su quattro fronti del 93mo premi Oscar era inevitabile nonostante la manifestazione di Hollywood si sia svolta dal vivo: il primo principale evento di Hollywood con un pubblico (seppur limitato) durante la pandemia. Il primo fallimento é derivato dalla scelta dei film e qui é interessante riportare il commento di Bill Maher, il comico piuttosto radicale che presenta il programma settimanale “Real Time” sulla rete Tv HBO: “Dopo oltre un anno di pandemia speravo che Hollywood ci offrisse un pó di divertimento [la parola usata era “escapism” o fuga dalla realtá], invece a giudicare dai film nominati, gli spettatori non avrebbero avuto un’esperienza peggiore se ci fosse stato un cecchino in sala”. Questo in riferimento ai temi deprimenti dei film in competizione. La giustificazione data é che quest’anno “é stata premiata l’arte invece che il gusto popolare.”

Poi si é messo di mezzo il “political correct”, che ha calcato la mano sulla rappresentanza afro-americana (sotto le etichette di “diversitá” e “inclusione”), tanto da definire la cinese Chloé Zhao, che ha vinto l’Oscar come migliore regista per il film “Nomadland”, “donna di colore” (termine che in genere definisce gli afro-americani). Alla fine questo taglio é andato contro gli interessi della stessa comunitá artistica afro-americana, perché ha creato il sospetto che gli attori fossero stati nominati per non far torto al colore della pelle piuttosto che al loro talento, che invece era molto meritevole.

Il cinema, inteso come le sale cinematografiche, é stato pure tra i perdenti,  considerando che tutti i 32 film americani scelti per le “nominations” sono stati prodotti per le piattaforme streaming, di cui 11 per Netflix e 12 per Amazon e gli altri divisi tra Hulu. Disney + e Apple Tv. 

Infine c’é stata la perdita dell’audience televisiva, diminuita del 58% rispetto al programma dell’anno scorso. che venne realizzato in modo tradizionale prima della chiusura per la pandemia. In termini di pubblico parliamo di 23,6 milioni di telespettatori nel 2020 e 9,85 milioni di quest’anno (poi aggiornato a 10,4 milioni) per un programma di 210 minuti prodotto e trasmesso in prima serata dalla rete Abc di proprietá della Disney.

Gli unici aspetti positivi sono stati il record di entrate pubblicitarie di 155,9 milioni di dollari per Abc (un aumento del 4% rispetto agli Oscar 2020), e la diminuzione del costo per i diritti di trasmissione da parte dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences.

Tradizionalmente Abc paga all’Academy 100 milioni di dollari, ma questa volta alla Disney i diritti per la trasmissione sono stati ridotti, anche se non é chiaro l’ammontare del risparmio. Ció che si sa é che il costo per uno spot commerciale di 30 secondi é stato di 2 milioni di dollari.

Nella foto da s. a d. i vincitori per “Nomadland”:  il produttore Peter Spears, la protagonista Frances McDormand, la regista Chloé Zhao, la co-produttrice Mollye Asher ed il co-produttore Dan Janvey.

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Pubblicato da

Ultimi articoli

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021

Perché l’Abruzzo é senza una Film Commission operativa

Probabilmente Hollywood conta piú personaggi di origini abruzzesi di qualsiasi altra regione italiana, e in…

29 Novembre 2021

Le nazioni africane respingono amareggiate i nuovi divieti di viaggio

- 1 / 36 pagine. THE NEW YORK TIMES. Le nazioni africane respingono amareggiate i…

29 Novembre 2021

Perle di saggezza – Novembre 2021

Dovete concedermi questa libertà di dedicare le perle di questo mese di novembre alle donne,…

29 Novembre 2021

È stata la mano di Dio

Anni ’80. Alla fermata dell’autobus ci sono molte persone in fila, tra queste la bella…

29 Novembre 2021

Ma non è una cosa seria

Le strade romane (e, temo, anche altre) sono costellate da manifesti di promozione funeraria basati,…

27 Novembre 2021