New York: il costo sproporzionato della frutta e verdura

Di Dom Serafini

Il costo di un piccolo pomodoro al fornitissimo negozio italo-americano Agata & Valentina sulla Prima Avevue e 79ma Street di Manhattan: circa sei dollari (come indicato nella foto).

Il costo di quattro pomodori dal carretto di frutta e verdura sulla strada poco distante, Prima Avenue e 76ma Street: tre dollari (il carretto nella foto).

Oltre alla differenza di prezzo, il pomodoro di sei dollari é inodore, quello del carretto profumato. In termini europei, il costo dei pomodori chic di New York City equivale a 10 euro al chilo (contro solo un euro al chilo in Italia).

I negozi alimentari gourmet di Manhattan come Agata & Valentina, Cittarella, Grace’s Marketplace ed Eli’s Market spiegano che loro, essendo negozi veri e propri, pagano tante tasse, mentre i carretti pagano solamente una licenza, inoltre offrono una migliore qualità di prodotto e hanno tanto scarto (invenduto).

Il discorso regge ma c’é una differenza enorme tra sei dollari per un pomodoro e tre dollari per quattro.

La logica direbbe che se i prezzi fossero più ragionevoli, ci sarebbe meno invenduto. 

Piuttosto che scartare la frutta e verdura meno fresca, perché non metterla in vendita ad un prezzo più basso? Da una parte potrebbero sistemare i prodotti freschi al solito prezzo esorbitante, e dall’altra i prodotti più vicini a scadenza con prezzi scontati di almeno il 50%.

Non dimentichiamo che poi entra in ballo la stima del peso. Sugli scaffali il prezzo dei pomodori, ad esempio, é indicato (come nella foto) per libbra (453 grammi), come può un cliente stimare il peso di un singolo pomodoro? Non può, la sorpresa arriva alla cassa.

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Ultimi articoli

Dal Vaticano: “Bloccate la legge Zan”

Il Vaticano ha presentato una «nota verbale» con cui chiede formalmente allo Stato italiano di…

22 Giugno 2021

La scomparsa di Emanuela Orlandi

Emanuela Orlandi scompare a Roma la sera del 22 giugno 1983. Figlia di un commesso…

22 Giugno 2021

New York è indietro rispetto al resto del paese nella ripresa

SFOGLIANDO IL NEW YORK TIMES DEL 21/06/2021 (TITOLO+COMMENTO) New York è indietro rispetto al resto del…

21 Giugno 2021

Sud&Nord. Accorciare le distanze

Un sindacalista di origine marocchina, travolto e ucciso da un camionista 26enne di Caserta. Due…

21 Giugno 2021

Pirati dell’acqua uccidono due persone sul Lago di Garda

Sabato sera, sul lago di Garda, un motoscafo pilotato da due turisti tedeschi ha travolto…

21 Giugno 2021

Giù la maschera…

Dobbiamo credere al CTS quando parla della utilità delle mascherine, ma per ciò che concerne…

21 Giugno 2021