Il Pensiero Libero

Il Dopo-Coronavirus

Il “dopo-coronavirus” rischia di essere peggiore della pandemia, se sono vere alcune notizie su nomi e personaggi fatte circolare in questi giorni.

Un’ipotesi è che ciò sia stato fatto al fine di sondare le possibili reazioni della gente.
Un’altra ipotesi è che si siano voluti spaventare gli Italiani, facendo balenare l’ipotesi di un governo ancora più disastroso di quello in carica.
Occorre, quindi, non darsi carico delle notizie fatte trapelare in questi giorni e cercare di affrontare razionalmente il problema senza farsi prendere la mano dalla emozionalità che in politica è sempre una cattiva consigliera.

Agli Italiani dovrebbe essere chiaro che tra gli uomini politici del nostro passato e del nostro presente ve ne sono alcuni cui si può e si deve duramente addebitare la responsabilità di averci spinti nel baratro delle regole che ci hanno portato alla crescita-zero.
Ve ne sono, poi, altri la cui colpa è stata quella di non avere avuto idee sufficientemente chiare su ciò che succedeva e di non averle ancora su ciò che bisogna fare per risalire la china.
Ve ne sono altri, infine, cui si può imputare di non avere il coraggio di dire senza reticenze o senza prudenze eccessive le loro opinioni.

Il discorso deve essere esplicito sino alla brutalità, perché i fatti avvenuti sono fin troppo chiari nella loro crudezza. Basta rileggere anche solo i titoli della stampa degli anni passati.
Verso la fine degli anni Novanta l’Italia era considerata la quarta potenza industriale del mondo e la lira era una moneta che incuteva timore. Le esportazioni andavano a gonfie vele in tutti i settori in cui eravamo impegnati e la bilancia dei pagamenti era in forte attivo. Francia e Germania se la passavano male e cercavano uomini politici italiani da sedurre per favorire i loro interessi.

Dopo l’adesione all’Euro (già di per sé disastrosa per il cambio impostoci dal governo Prodi) il Paese cominciava a precipitare nel baratro, senza mai più riprendersi. Tutti gli indici si erano alterati in peggio, a vantaggio di Francia e Germania che prima dell’Euro stavano peggio di noi (anche qui, i titoli dei giornali dell’epoca sono chiari).
Tutti i cosiddetti “Europeisti” di allora e di oggi dovrebbero dare agli Italiani delle spiegazioni circa i loro entusiasmi avuti e soprattutto circa la loro persistenza attuale.

Allora? Si parla di un nuovo nocchiero per la nave “Italia”.
Se il “navigatore” cui affidare la nave (attualmente pilotata in modo scordinato da una Armata Brancaleone che farebbe opera meritoria a mettersi volontariamente da parte) è sulla stessa linea dei leader politici che ci hanno messo nelle mani delle signore Ursula Von Der Leyen e Christine Lagarde e ciò per tacere degli italiani, per carità di patria) è bene dirgli subito: no grazie!

Se dovesse fare (e non per palese calcolo furbesco) un discorso diverso e decisamente contrario alle attuali linee di governo dell’Unione Europea, allora bisognerebbe chiedergli di mostrare le carte che pensa di avere in mano. Se, infatti, pensasse di fare attuare un programma di risveglio e di riscatto da vecchie “cariatidi” ben note agli Italiani, per i loro disastrosi trascorsi governativi, bisognerebbe dirgli ancora: Grazie per il bel programma ma con la compagine indicata non si andrebbe da nessuna parte; quindi ancora una volta: grazie no!

Se, infine, dovesse dire: difenderò il Paese contro chi l’ha ridotto in brandelli e vuole continuare a farlo con mezzi ancora più brutali e per farlo mi avvarrò di una compagine governativa in cui tutti siano, chiaramente e senza riserve, orientati in questa direzione (perché nessuno ha un passato di servilismo verso l’Unione da farsi perdonare) si potrebbe dire: grazie sì! ma guai, però, a chiudere gli occhi. L’attenzione dovrebbe acuirsi ed essere volta a evitare che siano imbarcati vecchi arnesi suggeriti non solo dai partiti che in Europa hanno sempre avuto una posizione sostanzialmente subordinata ai tecnocrati di Bruxelles ma anche da quelli che sono stati contrari a quei burocrati per rivendicazioni nazionalistiche simili a quelle degli anni Trenta.

In definitiva, per un governo di salute pubblica la lontananza da ogni partito politico dovrebbe essere la condizione assolutamente indispensabile, pur essendo l’azione da svolgere eminentemente politica.
Un conto, infatti, è avere una visione politicamente chiara; altro conto è servirsi della politica come mestiere per sbarcare il lunario.
C’è una nota positiva da ricordare: il terrore mediatico-giudiziario ha tenuto lontani dalla vita politica i migliori galantuomini di questo Paese.
Richiamarli, per un periodo limitato, a occuparsi della nostra disastrata res publica equivarrebbe, nella sostanza, all’appello che si è fatto ai medici per risolvere i problemi della pandemia.

Condividi
Luigi Mazzella

- Vice Presidente emerito della Corte Costituzionale - Ex Ministro per la Funzione Pubblica - Avvocato Generale dello Stato emerito - Scrittore e giornalista ATTIVITA’ SVOLTE: 1 – Direzione di pubbliche istituzioni nazionali e regionali svolta in modo autonomo: a) Commissario Straordinario alla Gestione Autonoma dei Concerti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal 1974 al 1978 (nominato dal Ministro dello Spettacolo On. Adolfo SARTI). b) Commissario Governativo dell’Accademia Nazionale d’Arte drammatica “Silvio d’Amico” dal 1979 al 1986 (nominato dal Ministro della Pubblica Istruzione Sen. Giovanni SPADOLINI). c) Commissario Straordinario dell’IDISU (poi ADISU) Università di Tor Vergata di Roma, dal 1993 al 1997, nominato dalla Regione Lazio. d) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca Nazionale del Lavoro – Sezione Autonoma di Credito Cinematografico (SACC) dal 1984 al 1990. e) Vice Presidente del Consiglio Direttivo dell’Accademia Filarmonica Romana, plurisecolare istituzione musicale di rilevanza nazionale. f) Membro del Consiglio Direttivo dell’Ente Autonomo “La Biennale di Venezia” per due mandati consecutivi. 2 – Incarichi direttivi in Gabinetti Ministeriali: a) Vice Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1970 al 1973 (Vice Capo di Gabinetto). b) Ministero dei lavori pubblici dal 1973 al 1975 (Capo dell’Ufficio Legislativo). c) Ministero della difesa dal 1979 al 1983 (Consigliere Giuridico del Ministro). d) Ministero per il turismo e lo spettacolo dal 1983 al 1985 (Capo di Gabinetto). e) Ministero dell’ambiente dal 1986 al 1987 (Capo di Gabinetto) f) Ministero delle aree urbane dal 1987 al 1993 (Capo di Gabinetto). 3 – Attività svolte in organismi internazionali e altri organismi interni: a) Membro del Comitato per i Pubblici Appalti della allora CEE a Bruxelles dal 1973 al 1975. b) Membro del Comitato Giuridico dell’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO-OACI) a Montreal dal 1983 al 1985. c) Membro del Comitato per gli Affari Urbani dell’OCSE a Parigi dal 1987 al 1993. d) Membro della delegazione della Cassa per il Mezzogiorno dal 1973 al 1975. e) Membro del Consiglio Superiore delle Forze Armate dal 1981 al 2002. f) Membro del Consiglio di Amministrazione dei Monopoli di Stato. g) Giudice della Commissione Tributaria Centrale dal 1992 al 2002. 4 – Attività ulteriori: a) Presidente o Membro di Commissioni di studio istituite dalla Pubblica Amministrazione (Commissione Giannini per il riordino delle forze armate, Commissione per la rilocalizzazione dei Ministeri in Roma Capitale ed altre). b) Presidente o Membro di commissioni di esame (Avvocatura dello Stato, INPS ed altre). c) Autore di saggi ed articoli su riviste giuridiche (Rassegna dell’Avvocatura dello Stato e numerose altre) e su riviste di studi politici e di cultura (“Specchio Economico”, “Politica e Mezzogiorno” “Minerva” ed altre). d) E’ iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti (Ordine interregionale del Lazio e del Molise) dal 1992. 5 – Onorificenze: a) Cavaliere di Gran Croce – Ordine al Merito della Repubblica Italiana – data di conferimento 28 gennaio 2002 b) Cavaliere di Gran Croce al Merito dell’Ordine Sovrano Militare di Malta c) Accademico dell’Accademia Filarmonica Romana. d) Salernitano illustre – Camera di Commercio di Salerno e) Cittadino Onorario di Eboli - Amministrazione Comunale f) Insignito del Premio Capalbio “per lo stile nel Governo” 6 – Autore di libri: A) SAGGI SOCIO-POLITICI 1. "Cinquanta proposte di buon governo” - Marsilio Editore - 1992; 2. “L’irresistibile vento dell’ovest” - Menzione speciale al Premio Internazionale di saggistica “Salvatore Valitutti”; Minerva Editrice - 2001; 3. “Recondite armonie di riforme diverse” - Premio Presidente Provincia Salerno al premio internazionale di saggistica “Salvatore Valitutti” - Maggioli Editore - 2004; 4. “Le utopie possibili. Bel Paese e Buon Governo” - Premio alla carriera al Premio internazionale di saggistica “Salvatore Valitutti” 2005 - Maggioli Editore - 2005; 5. “Le probabilità ragionevoli” - 2006; 6. “La passione della ragione” - Avagliano Editore - 2008; 7. “Dall’impegno al distacco” - Avagliano Editore - 2007; 8. “Casta Italia” - Avagliano Editore - 2009; 9. “Nessun dorma” - Avagliano Editore - 2010; 10. “Le luci spente dell’illuminismo” - Avagliano Editore - 2010; 11. “La forza e la frode” –Avagliano Editore 2012 12. “Il dispotismo indulgente” – Avagliano Editore - 2013 13. “EUROCRASH – Cinquanta ipotesi d’incerto futuro” – Curcio Editore 2014 14. “Debole di costituzione” – Editore Mondadori 2014 15. “Europa mia, benché il parlar sia indarno” Avagliano Editore, 2017 16. " Il decennio nero degli Italiani – Dal Porcellum al Rosatellum – Avagliano 2018 17. "Elogio del pensiero libero – Genesi Editrice 2019 B) SAGGI CINEMATOGRAFICI 18. “Il bello nel cinema” - Saggi di estetica cinematografica - Seam Editrice - 2000; 19. “Il Leone e gli Oscar” - Saggi di estetica cinematografica - Eagle Pictures editrice - 2001; 20, “Fermo immagine” - Saggi di estetica cinematografica- Premio al Festival Cinematografico di Salerno - Minerva editrice - 2001; 21. “Il cinema tra irrisione e riflessione” – critiche cinematografiche -Avagliano Editore, 2011. 22. “Voce fuori campo” – critiche cinematografiche – Avagliano Editore 2014. 23. “L’Orso e la Palma” – Istituto culturale del Mezzogiorno. 217 24. “50 film da rivedere” – Istituto Culturale del Mezzogiorno - 2018 25. "Federico Fellini- realista e visionario – Ist.Cult.Mezzogiorno 2019 C) NARRATIVA E POESIA 26. “Un gioco malandrino di finestre e balconi” - Romanzo - Premio Speciale Grinzane Cavour Cesare Pavese - Avagliano Editore - 2006; 27. “Il Chiodo nella sabbia” - Romanzo – Menzione speciale al Premio Roma - Avagliano Editore - 2008; 28. “La baia del dubbio” - Romanzo – Premio per la narrativa del Centro di psicologia Salvatore Valitutti di Salerno - Avagliano Editore - 2009; 29. “La verità dietro l’angolo – Romanzo – Premio speciale Capri 2011 - Avagliano Editore - 2011 30. “I pazzi e le smorfie” – Versi e Aforismi – 3 Edizione - Genesi Editrice 2011 31. “La Grimpeuse – Confessioni di una rampante” – Genesi editrice - 2013 32. “Grigio senza sfumature” – Romanzo – Avagliano Editore 2014 33. “ In fuga dall’intimità” – Romanzo – Avagliano Editore 2015. 34. “Canzoniere satirico” – Versi e Aforismi – Genesi Editrice 2015. 35. “Vissi d’arte” – Romanzo – Avagliano Editore 2018 36. “Fake-off” – Romanzo – Avagliano Editore 2919 37. “Tutti promossi a fine-anno” 38. “L’albero dell’ignoranza” Romanzo (in prep.)

Ultimi articoli

I morti in Turchia e Siria potrebbero essere più di 20 mila

Un terremoto di magnitudo 7.8 ha colpito Turchia e Siria. Mentre scriviamo i morti sono…

7 Febbraio 2023

L’innovazione di solito non riguarda il genio

Il LinkedIn Top Post di oggi è di Omar Bragantini e ci ricorda come se…

6 Febbraio 2023

Comunicazione (poco) costruttiva

A proposito di comunicazione (poco) costruttiva, qualche tempo fa mi scrive su Messenger una ragazza. Riporto letteralmente…

6 Febbraio 2023

L’Europa mette al bando il diesel russo

Dopo l’embargo Ue sul greggio russo, da ieri è scattato anche il divieto di importare…

6 Febbraio 2023

Talenti, leader ed organizzazioni ribelli. Come riconoscerli?

Cosa hanno in comune Napoleone Bonaparte, Masismo Bottura, Chesley "Sully" Sullenberger, Houdini, Greg Dyke (ex…

5 Febbraio 2023

La Bce alza i tassi d’interesse al 3 per cento

La Banca centrale europea ha aumentato di 50 punti base i tassi, annunciando una stretta…

3 Febbraio 2023