Che poi, detto tra noi...

Il mio corpo mi aveva tradito… la mia testa MAI!

Era da tempo che volevo scrivere qualcosa sulla corsa, qualcosa che spiegasse perché ad un certo punto ho iniziato a correre. Addirittura a correre una maratona.

Tutti noi abbiamo corso, da piccoli la corsa è naturale, quasi per tutti, si corre per gioco, per sfuggire alla ciabatta della mamma, insomma si corre perché ci si diverte, anche i piccoli piccoli appena imparano a camminare subito che vogliono correre.

Poi si cresce e non si corre più, almeno non nel senso vero della parola, corriamo tutto il giorno dietro a mille affanni. E stranamente la corsa ci viene in aiuto proprio quando abbiamo bisogno di fermarci. E allora ieri avevo bisogno di “staccare” il primo impulso è stato di buttarmi sul divano, copertina e tv, visto che pioveva… poi quasi come un automa mi sono messa i miei vestiti da corsa, le scarpette e sono uscita sotto una pioggia battente.

Perché? Perché oltre che andare a faticare dovevo farlo anche sotto una pioggia che prometteva solo tanta altra pioggia? Perché nella mia testa c’era qualcosa che andava scastrato, c’era qualcosa che stava insinuando che non ero abbastanza.

Ho iniziato a correre da casa mia verso via Terrano, i primi km il pensiero era sempre fisso lì “Non ce la farai” poi ho iniziato ad accusare la fatica, le gambe andavano, il fiato un po’ meno, continuavo a correre ed il pensiero ad un certo punto, come se ci fosse un’interferenza, un interruttore, iniziava a visualizzare altro, “il momento” quel momento lì, non potevo concentrarmi su nient’altro… la fatica iniziava a suggerirmi di fermarmi e riprendere fiato, ma no… “arrivo fino a quel palo poi recupero”… supero il palo, “allora mi fermerò appena finita la salita”, intanto il cuore pompava, e la pioggia aveva già inzuppato tutti i miei vestiti e le scarpe e aveva lavato via i miei pensieri.

Correre sotto la pioggia, esperienza “purificatrice”.

Le auto passavano e tentavo di ripararmi dagli schizzi, poi ad un certo punto neanche più quello ero fradicia, lacrime e pioggia ero libera… la corsa è sofferenza, è gioia, è forza e puoi contare solo sulla tua, nessuno può fare niente quando ti senti solo, quando davanti a te c’e solo asfalto e salita, nessuno può togliere la tua sofferenza neanche l’amore più grande può nulla e la corsa è lì a ricordarti che solo tu puoi arrivare all’obiettivo, al traguardo… puoi contare solo sulle tue gambe e quando non puoi contare nemmeno su quelle allora solo la tua testa può fare il miracolo.

Così è nella vita, anni fa mi sono trovata di fronte alla notizia più brutta che si possa ricevere, ero sola, il mio corpo mi aveva tradito…la mia testa MAI!

Condividi
Mariagrazia Censi

Sono Mariagrazia, ho 46 anni sono nata nel mese più bello dell'anno (E qui lascio decidere voi, perché tanto ognuno avrà il suo) ho due figlie, Allegra ed Emma, due bassotti, Romeo e Ugo e un ex marito. Credo di essere una persona come tante, vorrei una casa al mare, una in montagna, viaggiare almeno una volta al mese, mangiare senza ingrassare ed essere felice, spudoratamente felice. Ma, come la maggior parte di voi, ho una casa sola, faccio qualche viaggetto ogni tanto, quando mangio ingrasso e sono solo felice, per lo "spudoratamente" ci sto lavorando. Ps da oggi scriverò su questo magnifico giornale nella rubrica che mi è stata affidata, ora, secondo me, o sono stanchi e vogliono chiudere di già questa testata giornalistica oppure, forse, ciò che scriverò potrà strapparvi un sorriso o una riflessione, per me è già un successo. Ah dimenticavo il nome della rubrica è "Che poi, detto tra noi..."

Ultimi articoli

Conte e Letta siglano l’intesa per la Sicilia

In prima pagina • È morto Ciriaco De Mita, storico leader della Dc, già presidente…

27 Maggio 2022

Phygital nel retail? Amazon Style, la risposta di Bezos

Si parla di phygital per indicare l’uso della tecnologia per costruire un ponte tra mondo…

27 Maggio 2022

Biden: “Quando troveremo il coraggio di opporci alla lobby delle armi?”

Il presidente americano Joe Biden, dopo la strage nella scuola elementare in Texas, ha attaccato…

26 Maggio 2022

Frequenzimetri: ecco gli ambiti professionali in cui sono indispensabili

Il frequenzimetro è un dispositivo molto utile in differenti ambiti professionali, progettato per la misurazione…

25 Maggio 2022

Marketing e Metaverso

Il LinkedIn Top Post di oggi è ancora dedicato al Metaverso ed al suo impatto…

25 Maggio 2022

Il cardinale Matteo Zuppi nuovo presidente dei vescovi italiani

In prima pagina • Il primo treno merci con un carico di grano dall’Ucraina è…

25 Maggio 2022