Categorie: Network

Investimenti da sogno per truffe da incubo

Non ti preoccupare, l’investimento è sicuro, il guadagno praticamente certo e poi pensiamo tutto a noi. È così che il consumatore, incuriosito e attirato da proposte sempre più ammiccanti, decide di provare il trading online. Ed è così, purtroppo, che ha inizio una delle truffe del momento, che tante vittime sta mietendo. Un affare vantaggioso come quello che è stato proposto a circa 1.500 investitori in tutta Italia.

A scoprire il raggiro è stata la Guardia di Finanza di Milano, che ha sequestrato oltre 21 milioni di euro agli indagati, residenti in Svizzera ed in Italia.

“Quello degli investimenti si conferma sempre di più un settore pericoloso e questa operazione della Guardia di Finanza ne è l’ennesima dimostrazione – ha dichiarato Ivano Giacomelli, segretario generale di Codici – Stando a quanto ricostruito dalle Fiamme Gialle, i truffatori avrebbero attirato le vittime prospettandogli investimenti fruttuosi in fondi mobiliari all’estero. Ora che la frode è stata smascherata, bisogna fare giustizia e permettere alle vittime di rientrare in possesso delle somme investite. Ed è quello per cui siamo pronti a fare la nostra parte, con i nostri avvocati”(1).

È bene fare attenzione con il trading online, perché è un settore che richiede una certa esperienza e competenza. Come appurato dalla Guardia di Finanza, i soldi degli investitori sono finiti in fondi gestiti da società di investimento a capitale variabile maltesi che nel tempo si sono rivelati privi di liquidità e sono stati versati direttamente oppure tramite la sottoscrizione di polizze assicurative del tipo unit linked emesse da compagnie estere.

Dalla ricostruzione fatta dagli inquirenti, il collocamento delle polizze è avvenuto tramite una rete di distributori assicurativi italiani collegati tra loro, alcuni dei quali non più esistenti in seguito ad operazioni societarie straordinarie intervenute nel corso degli anni. Le indagini hanno evidenziato che la società maltese quei soldi non li ha mai investiti nei fondi mobiliari esteri, costituiti alle Isole Bermuda e nel Liechtenstein, ma è stata smantellata, con i soldi delle vittime dirottati nei conti dei soggetti collocatori delle polizze assicurative, artefici della frode.

Ma questo è solo l’ultimo dei casi. “La situazione è davvero preoccupante perché le segnalazioni sono sempre più numerose ed in diversi casi si tratta di cifre importanti – continua Ivano Giacomelli – È un fenomeno che merita la massima attenzione. Il primo approccio che il consumatore ha è facile, diretto, quasi amichevole. Navigando sul sito internet, attraverso una chat o tramite i servizi di messaggistica si entra in contatto con un operatore della società di trading online. L’operazione che viene prospettata è estremamente allettante, perché a fronte di un investimento di qualche centinaio di euro viene garantito un ritorno di migliaia di euro”.

 Già questo dovrebbe far scattare un campanello d’allarme, perché bisogna sempre diffidare dai facili guadagni. In alcuni casi il consumatore non si fida e lascia perdere, in altri invece, ormai conquistato dall’operatore, decide di provare. Ed è così che inizia l’incubo.

Perché all’investimento iniziale ne viene chiesto un altro per ottenere un guadagno ancora maggiore. Soldi su soldi che ad un certo punto svaniscono nel nulla. Succede quando la somma versata dal consumatore ha raggiunto un valore considerevole ed è allora che l’operatore, fino a quel momento disponibilissimo, fa perdere le sue tracce e l’utente scopre di non avere altri canali per mettersi in contatto con il sito. In questi casi, il tempismo può fare la differenza. Quando ci si accorge che l’investimento in realtà era una truffa, è importante sporgere denuncia alle autorità, fare una segnalazione alla Consob, che potrà così avviare le verifiche del caso sul sito di trading online ed il broker con cui si è stati in contatto, e rivolgersi ad un avvocato o ad una associazione dei consumatori.

1) I consumatori che hanno problemi con un investimento, tra soldi svaniti nel nulla e broker scomparsi, possono rivolgersi a Codici telefonando al numero 06.55.71.996 o scrivendo all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org.

Condividi
Redazione

Direttore responsabile: Giampaolo Sodano - Direttore del Magazine: Eugenio Santoro

Pubblicato da
Tag: truffe

Ultimi articoli

La variante Omicron spaventa il mondo

La variante Omicron spaventa il mondo. Il primo contagiato italiano è un dipendente dell’Eni appena…

29 Novembre 2021

Perché l’Abruzzo é senza una Film Commission operativa

Probabilmente Hollywood conta piú personaggi di origini abruzzesi di qualsiasi altra regione italiana, e in…

29 Novembre 2021

Le nazioni africane respingono amareggiate i nuovi divieti di viaggio

- 1 / 36 pagine. THE NEW YORK TIMES. Le nazioni africane respingono amareggiate i…

29 Novembre 2021

Perle di saggezza – Novembre 2021

Dovete concedermi questa libertà di dedicare le perle di questo mese di novembre alle donne,…

29 Novembre 2021

È stata la mano di Dio

Anni ’80. Alla fermata dell’autobus ci sono molte persone in fila, tra queste la bella…

29 Novembre 2021

Ma non è una cosa seria

Le strade romane (e, temo, anche altre) sono costellate da manifesti di promozione funeraria basati,…

27 Novembre 2021