Lettera da Barcellona

Barcellona: l’Epifania tutte le feste si porta via

In tutta la spagna nel tardo pomeriggio del 5 gennaio, c’era la tradizionale  “cavalcata de los reyes”, le citta’ traversate da una trentina di carri pieni di luci, musica e ragazzi che interpretavano vai personaggi legati al natale e tiravano tonnellate di caramelle ai bambini che,  felici,  cercavano di prendere al volo.

Ovviamente niente reyes, troppi assembramenti, i carri, a barcellona,  sono stati esposti in una zona al  nord della citta’ dove i bambini hanno potuto vederli da vicino, si, ma fermi!

Dal 7 si spegneranno le luci natalizie e con la chiusura dei bar alle 15,30 che continuera’ chissa’ fino a quando, la citta’ sara’ sicuramente piu’ buia, piu’ triste, inoltre e’ arrivato un freddo polare a cui i barcellonesi non sono certamente abituati….

Inoltre, purtroppo, da qualche anno e’ diventato normale vedere agli angoli delle strade parecchi senza tetto, questo grazie alla sindaca colau, la quale si era impegnata a risolvere il problema, in realta’ l’ha risolto lasciandoli liberamente per strada, ovunque e dei rifugi non se ne e’ piu’ parlato, ma questa e’ un’altra storia, e’ la solita politica becera fatta di promesse mai mantenute, ovunque nel mondo.

Una cosa pero’ mi colpisce sempre: le persone, in particolare le donne e i giovani, si accucciano vicino a loro e parlano con loro, si fanno raccontare le loro storie, li ascoltano e li fanno sentire quasi  amici, perche’ a queste  persone,  finite per strada per rovesci economici o per scelta,   la cosa che manca di piu’ e’ il rapporto umano.

Il 31 dicembre, rientrando a casa verso le 20, ho visto un gruppetto di giovani portare ai senza tetto che vivono davanti a una chiesa del barrio gotico, pacchi pieni di generi  alimentari, in maniera del tutto autonomo, come portassero regali a parenti e amici.

Anche questo mi piace di Barcellona.

Buon anno e speriamo bene…………………….

Condividi
Paola Lucidi

Paola Lucidi, romana di nascita, barcellonese per scelta. Negli anni ha lavorato nella moda, televisione e come organizzatrice di eventi. Attualmente nel Consiglio di Amministrazione della Casa degli Italiani a Barcellona, nella commissione comunicazione ed eventi e consulente di alcune ONG per le raccolte fondi televisive. Moglie felicemente e doppiamente divorziata e nonna follemente innamorata della nipote.

Pubblicato da
Tag: Barcellona

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022