Lunghe code a NYC per votare in anticipo

Per le votazioni federali ed in particolare quelle presidenziali, la cittá di New York ha aperto 88 seggi elettorali (dei 1.231 totali che verranno aperti il 3 novembre), al costo di 75 milioni di dollari, per poter votare con nove giorni in anticipo rispetto alla data ufficiale del 3 novembre.

Le votazioni anticipate, per permettere il distanziamento sociale, sono iniziate il 24 ottobre e termineranno il primo novembre, per poi riaprire le urne il 3 novembre (i seggi saranno chiusi il 2 novembre). Come previsto, le lunghe code non sono mancate.  

Ad esempio, la coda verso il seggio elettorale presso la Robert Wagner Middle School di Manhattan sulla 75ma strada é incominciata un paio d’ore prima delle10, orario di apertura delle urne.

La coda si é allungata al punto da estendersi dall’entrata del seggio intorno a tutto l’isolato, attraverso la Terza Avenue per poi girare sulla 76ma strada, passare per la Seconda Avenue e quindi tornare sulla 75ma strada verso l’entrata delle urne (come si vede nella foto).

Condividi
Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Pubblicato da

Ultimi articoli

Le polemiche passano, i problemi restano

La lunga notte della pandemia sembra ormai alle nostre spalle, ora è necessario un rinnovato…

20 Giugno 2021

La musica è la bacchetta magica della vita

Giuliano Tavaroli, salito alla ribalta delle cronache qualche anno fa in quanto responsabile della sicurezza…

20 Giugno 2021

Agente segreto trovato morto a Parigi

Funzionario di Palazzo Chigi e agente segreto trovato morto a Parigi in un hotel di…

18 Giugno 2021

IGAV presenta: “Intersezioni. Dialoghi di artisti e latitudini”. Sabato 19 l’inaugurazione

E' fissato per sabato 19 giugno alle ore 11:00 il debutto del nuovo allestimento "Intersezioni.…

17 Giugno 2021

Quando ad emigrare eravamo noi

I versi che seguono sono di Crescenzo De Vita, un Cilentano, emigrato in America Latina…

17 Giugno 2021

L’Accademia della Cucina torna “live” a New York con “Taste of Sicily”

L'Accademia della Cucina Italiana é tornata "live" a New York City con una cena a…

17 Giugno 2021