Anteprima News

Online il nuovo Mondo Mangiare: il Magazine del gusto.

Nessuno se lo ricorda. Il 2018 fu celebrato “Anno nazionale del cibo italiano”. Lo proclamarono due ministri, Dario Franceschini e Maurizio Martina.

Il programma dei due ministri prevedeva di attivare iniziative per far conoscere e promuovere i paesaggi rurali storici e le filiere agroalimentari. Lo stretto legame tra cibo, arte e paesaggio doveva essere il cuore della strategia di promozione turistica promossa dalla rete delle ambasciate italiane nel mondo che avrebbe dovuto evidenziare come il patrimonio enogastronomico facesse parte del patrimonio culturale e dell’identità italiana.

“Abbiamo un patrimonio unico al mondo – dichiarava in ogni sede il Ministro dell’Agricoltura Martina – Il legame profondo tra cibo, paesaggio, identità e cultura è alla base del nuovo progetto dei distretti del cibo”.  

Il ministro dei beni e delle attività culturali, Dario Franceschini annunciando l’avvio di una campagna di comunicazione social dei musei statali sottolineò “il ruolo fondamentale del rapporto, nei secoli, tra arti e enogastronomia, nella costruzione del patrimonio culturale italiano”. 

Confesso: noi di Moondo ci abbiamo creduto. Distretti del cibo, musei e arte: sono i temi su cui lanciammo il nostro progetto “Il gusto di Hermes”. Ma si sa, per avere successo non bastano le buone idee. Ci vuole il potere per realizzarle oppure una classe politica che abbia buone orecchie e non si limiti a fare promesse: evidentemente non abbiamo avuto nessuna di queste condizioni.

Ma noi di MOONDO siamo testardi e vogliamo riprovarci: ci siamo messi al lavoro e oggi usciamo con una rinnovata edizione di Mondo Mangiare. Con la redazione di Tiziana e Marida e dei soci editori Alessio, Alessandro e Roberto, e con un primo gruppo di intellettuali, manager e pubblicisti come Raffaele Aragona, Lamberto Baccioni, Marco Cingoli, Fabrizia Cusani, Carmine Laurenzano, Maria Antonietta Gaballo, Fabrizio Mangoni, Susy e Giuly Messina, Marco Panella, Veronica Ruggiero e gli Chef Salvatore Di Meo, Antonino Esposito e Eugenio Moschiano e la partnership di Teatro Naturale e Pecora Nera lanciamo la sfida per una nuova cultura del cibo, mettiamo in vetrina la tradizione gastronomica del Bel Paese, diamo valore ai nostri unici e irripetibili prodotti tipici partendo da una realtà imprenditoriale diffusa in tutto il territorio nazionale: l’impresa artigiana del cibo.

Un’impresa che costituisce il tessuto produttivo del mondo agroalimentare italiano, si è sempre trovata di fronte ostacoli che hanno impedito il successo pieno del suo prodotto. Infatti il problema principale è il valore del prodotto, perché non è sufficiente mettere a punto “prodotti specialità”, ma è necessario far nascere “mercati specialità”.

Pensare che basti fare il prodotto tipico o “naturale” e inserirlo all’interno di mercati competitivi per avere distintività e successo è assolutamente velleitario.

“Guadagnare con le nicchie non è affatto facile: di solito i cibi particolari vengono lavorati da piccole imprese, che fanno fatica a produrre grandi quantità di merce,e a distribuirla”, ha scritto il presidente del Censis, Giuseppe De Rita, “è questa la sfida futura del settore agroalimentare italiano: continuare a puntare sulle diversità, riuscendo allo stesso tempo ad accrescere il volume della produzione e delle vendite”.

Ma una vera, forte innovazione, ancora una volta, passa per l’universo della Grande Distribuzione dove emergono idee e tendenze nuove: cambia il posizionamento da discount a supermercato, va in crisi l’ipermercato mentre riprende fiato il negozio di prossimità e hanno successo i prodotti “premium”. I progettisti sono al lavoro per costruire una nuova “dimensione” secondo la cultura del servizio al cliente, mentre i bayer promuovono audit sulla qualità per scegliere i propri fornitori e reindirizzare il food&retail, perché hanno capito che “vendere” alimenti sul vecchio scaffale “generalista” piace sempre meno e che cambiare non significa robotizzare lo scaffale o creare nuovi prodotti a marchio, ma è necessario cogliere i macro e micro trand del mercato che condizionano i comportamenti per costruire una comune strategia di retailer e fornitori per offrire al consumatore una reale possibilità di scegliere e la piena soddisfazione delle sue aspettative.

L’agricoltura mediterranea, nei suoi millenni di storia, ha dato i suoi frutti e gli uomini della nostra terra li hanno combinati così bene, da aprire le porte ad uno stile alimentare che tutto il mondo ci invidia. Che la Dieta Mediterranea abbia proprietà straordinarie per il nostro organismo non c’è dubbio e se qualcuno ne avesse ancora, ad eliminarli del tutto ci ha pensato l’Unesco, dichiarandola Patrimonio immateriale dell’Umanità.

Ma questo che stiamo vivendo è un periodo del tutto nuovo dove un virus sconosciuto ha messo in ginocchio il nostro Paese e non solo, condiziona le nostre vite per un tempo non certo e non definito, fa lo sgambetto appena rialziamo la testa, semina paura e morte. Costretti in casa vediamo come un momento di vitalità l’andare a fare la spesa e come un momento di distrazione e, forse di gioia, cucinare e spesso anche…ingrassare! E non servirà il Dietologo bensì un buon Nutrizionista

Ma abbiamo capito anche alcune cose fondamentali da non dimenticare quando la vita normale si riprenderà il nostro tempo. Dobbiamo imparare a difenderci perché oggi si chiama Covid 19 un tempo Sars o Spagnola, domani non sappiamo ma quel che invece sappiamo che si rifarà vivo, magari mutato. Dunque dobbiamo difenderci, per quel che possiamo, alzando e tutelando le nostre difese immunitarie! Una alimentazione sana e senza chimica per il nostro corpo di cui siamo gli unici veri conoscitori: mangiare bene, mangiare sano, mangiare nutriente, coccolarci con cibi sani e sicuri, poterci fidare di chi quel cibo lo fa.

Ma se l’alimentazione è decisiva per la salute, se dipende da una corretta alimentazione il buono stato del nostro sistema immunitario, allora è della massima importanza la sicurezza e la qualità. Il problema da risolvere è la garanzia per il consumatore e quindi la professionalità e la responsabilità di quanti producono il cibo. Per questo ci vuole una diversa legislazione, un mercato del cibo rigorosamente controllato e una Scuola delle arti e dei mestieri del cibo. 

Il progetto di una Scuola centrata sull’apprendistato, sul recupero di mestieri antichi restituendo significato all’artigianato. Mastri oleari, enologi, panettieri, norcini, casari possono riconquistare quel prestigio che storicamente la nostra società ha riconosciuto loro, perché sono i protagonisti della gastronomia italiana. Con una scuola che si ispira alle botteghe rinascimentali i partecipanti potrebbero avere la possibilità di imparare direttamente dai maestri un mestiere che può definire l’identità della propria vita.

Il gusto, il piacere, lo stile, il modello “Italia” è ri-conosciuto e ri-cercato in tutto il mondo.  L’agroalimentare, insieme alla moda, ai beni culturali e al turismo, possono essere la chiave per una ripresa della produttività e per una crescita del mercato interno e fattore di sviluppo del made in Italy sul mercato internazionale contribuendo ad una definitiva uscita dalla crisi della nostra economia

Condividi
Giampaolo Sodano

Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Ultimi articoli

Il primo redcarpet della storia dello spettacolo

Chiudiamo la settimana con un LinkedIn Top Post di tipo "culturale", che non fa mai…

20 Maggio 2022

Il vaiolo delle scimmie è arrivato a Roma

Primo caso in Italia del vaiolo delle scimmie: è un quarantenne rientrato dalle Canarie. In…

20 Maggio 2022

Un pezzo di storia (la mia)

Il LinkedIn Top Post di oggi 19/05/2022 è di Danilo Spanu, ma potrebbe essere quello…

19 Maggio 2022

“Runningsofia”, in arrivo i podcast sul podismo curati da Claudio Bagnasco

Abbiamo incontrato il nostro collaboratore Claudio Bagnasco, autore di articoli per il magazine Mondo Sport,…

19 Maggio 2022

Di Maio all’Onu ha presentato un piano di pace in quattro punti

Di Maio è andato all’Onu e ha presentato un piano di pace in quattro punti:…

19 Maggio 2022

La straordinarietà dell’ordinario

Il LinkedIn Top Post di oggi segnalato dalla Redazione è di Luca Bozzato, ci parla…

18 Maggio 2022